Dall’1 al 7 ottobre si celebra la “Settimana dell’allattamento materno”

La ricorrenza vuole sensibilizzare il mondo sull'importanza dell'allattamento al seno
Tempo di lettura: 2 minuti

Come ogni anno, anche nel 2021 si celebra la settimana dell’allattamento materno, dall’1 al 7 ottobre. Una ricorrenza nata per celebrare l’importanza dell’allattamento al seno per i neonati, alla quale noi di Generiamo Salute siamo particolarmente legati. Per questo, già in passato, vi abbiamo parlato di quanto il latte materno sia fondamentale per la salute dei bambini. O in quante occasioni grandi multinazionali abbiano speculato in modo aggressivo sulla vendita del latte artificiale, a discapito della salute dei più piccoli.

Dall’1 al 7 ottobre si celebra la “Settimana dell’allattamento materno”

Il tema di quest’anno è ‘Proteggere l’allattamento: Una responsabilità da condividere’ ed avrà tre principali obiettivi, sui quali sensibilizzare l’opinione pubblica. Al primo punto, vigilare sull’effettiva entrata in vigore del Codice Internazionale sulla Commercializzazione dei Sostituti del Latte Materno. Questo codice è stato pensato per proteggere le madri dalle pratiche di marketing aggressivo dell’industria degli alimenti per l’infanzia. Al secondo punto, assicurare che il personale sanitario abbia le risorse e le informazioni necessarie per supportare in modo efficace le madri ad allattare. Al terzo, sensibilizzare il pubblico sulla necessità che i datori di lavoro garantiscano alle donne il tempo e lo spazio di cui hanno bisogno per allattare.

Il latte materno è la prima barriera contro malattie e malnutrizione infantile

È di importanza vitale ricordare che l’allattamento al seno, fino dalla prima ora dopo la nascita, offre un contributo chiave allo sviluppo del sistema immunitario del bambino. Così come l’allattamento esclusivo con latte materno per i primi sei mesi e con l’apporto di cibi complementari fino ai 2 anni. In questo modo, fra l’altro, si mettono le basi per evitare tutte le patologia legate alla malnutrizione. Queste non sono solo quelle che riguardano la scarsità di cibo, ma possono riguardare anche ritardi nella crescita e obesità. In media, i bambini di 6-8 mesi ricevono oltre il 70% del fabbisogno energetico dal latte materno, il 55% a 9-11 mesi e il 40% a 12-13 mesi. Il latte materno rappresenta la fonte principale di proteine, vitamine, minerali e acidi grassi essenziali.

Le iniziative in Italia

Saranno molte le iniziative dedicate all’argomento sul suolo italiano. A titolo esemplificativo ricordiamo che Il 1 ottobre il Collegio delle ostetriche di Roma, in collaborazione con la Lega per l’allattamento materno (Leche League) organizza a Explora (il museo dei bambini di Roma) la giornata dell’allattamento materno sul tema “allattamento e cibi per la famiglia: sani e fatti con amore. Nutrire con altri cibi mentre l’allattamento prosegue”.

Share This