Dott. Ennio Menghi

Dispepsia: sintomi e rimedi

Tempo di lettura: < 1 minuto

Per Dispepsia  intendiamo una patologia caratterizzata dalla presenza di dolore e/o fastidio localizzato allo stomaco, associato a senso di pienezza con difficoltà nella alimentazione e nella digestione.

Essa, a seconda delle cause, si distingue in :

Primitiva: disordine per il quale non è possibile identificare una causa organica, biochimica o strutturale.

Secondaria: causata da patologie come esofagite, gastrite, duodenite, pancreatite (acuta o cronica), epatite, colestasi; oppure dovuta a intossicazioni o errate combinazioni alimentari, abuso di farmaci  (metformina, FANS, bifosfonati).

Sintomi : Possono essere i più vari: dolore, bruciore, gonfiore all’addome superiore, eruttazione, nausea , sensazione di sazietà appena toccato cibo.

Diagnosi: Oltre all’Anamnesi , si effettua il test per l’Helicobacter Pylori, e l’Esofagogastroduodenoscopia (EGDS).

Terapie per la dispepsia

La Medicina Tradizionale: in genere utilizza Farmaci quali Inibitori di pompa protonica, anti H2, acidi biliari, sucralfati, ansiolitici, procinetici: azioni efficaci, ma con effetti secondari importanti e spesso non risolutive.

La Medicina Naturale: offre diverse soluzioni, tutte molto efficaci ed utilizzabili anche in maniera sinergica :

L’Alimentazione: con la combinazione dei nutrimenti e relativi metodi di cottura, che permette di migliorare l’appetenza del cibo stesso e la digestione.

La Fitoterapia: attraverso l’uso di piante medicinali (Boldo, Tarassaco, Curcuma, Carciofo per esempio), molto utili nel migliorare diversi disturbi (pesantezza, gonfiore, dolore, bruciore); senza dimenticare, ovviamente l’uso dei

Probiotici, tanto importanti nel ripopolare, in maniera benefica, il tubo digerente.

La Medicina Omeopatica: con i suoi diversi rimedi (Nux Vomica, Antimonium Crudum, Ignatia, Lycopodium solo per citarne alcuni), molto efficace soprattutto nella componente psicosomatica dei disturbi dispeptici.

Share This