Medicina complementare e probiotici per curare la depressione

Un aiuto che può aiutarci a migliorare senza rischiosi effetti collaterali
Tempo di lettura: 2 minuti

Il legame tra corpo e mente è sondato fin dall’antichità. Se fu Decimo Giunio Giovenale a coniare la massima “mens sana in corpore sano” che tutti abbiamo sentito almeno una volta nella vita, c’è da scommettere che il precetto contenuto in questa frase fosse patrimonio dell’uomo da molto prima. Del resto anche nell’antica Grecia bellezza e armonia del corpo erano associate ad intelligenza e prontezza di spirito.

Medicina complementare e probiotici per curare la depressione

Non deve sorprendere, quindi, che quella massima proietti la sua importanza anche ai giorni nostri. Viviamo in pace col nostro organismo, fino al più piccolo batterio che si muove nel nostro intestino, e vivremo in pace con noi stessi. L’importanza del microbiota per la nostra sanità mentale è ormai nota, e noi stessi ne abbiamo parlato molte volte in passato. Del resto l’apparato gastro-intestinale ha per noi una grande importanza, non solo per le sue funzionalità fisiologiche, ma anche per il grande valore simbolico che gli attribuiamo.

l’importanza simbolica della funzione gastro-intestinale

Fin da piccoli, siamo abituati a percepire la funzione intestinale come la più importante del nostro ciclo vitale. Se col trascorrere degli anni questa correlazione si fa più sfumata, non vuol dire che scompaia. Rimane, invece, a un livello più inconscio ma non meno importante. Se la strada maestra per trattare le sindromi depressive resta quella psicoanalitica, da porre in essere sotto stretto controllo medico, le terapie integrate possono offrire una notevole funzione di supporto, e hanno il pregio di poter essere somministrate anche nelle fasce d’età più giovani.

Mai senza consulto medico

Perché la terapia possa essere efficace, grande importanza riveste la corretta diagnosi del disturbo. Per questo è importante il consulto medico, che si ricorra a probiotici, omeopatia o fitoterapici. Ansia e depressione hanno origini spesso diverse e conseguenze altrettanto diverse. È ovvio, quindi, che sia necessario un diverso approccio terapeutico, che può essere valutato solo da uno specialista e che dovrà essere rimodulato di volta in volta nel corso del tempo.

 

LEGGI ANCHE: Agricoltura biodinamica: al di là di miti e leggenda

 

 

 

 

 

Share This