100.000 miliardi di amici: i probiotici

Il nostro apparato digerente è popolato da molte colonie di batteri. Già… i batteri! Sono proprio loro a governare la vita. Pervadono ogni ambito della vita sul pianeta Terra. Vivono in simbiosi con ogni forma di vita, compreso il nostro corpo arrivando a influenzare il nostro stato di salute.

Cosa sono i Probiotici?

Partiamo dall’inizio: la stessa parola “pro-biotico ci dà il senso della loro importanza per la nostra vita (dal greco a favore della vita). I probiotici sono microrganismi, principalmente batteri, viventi e vitali capaci di esercitare effetti benefici sul nostro stato di salute. L’azione principale dei probiotici si svolge prevalentemente nel sistema digestivo e gastrointestinale, dove materialmente risiedono la maggioranza delle popolazioni che il nostro organismo ospita. C’è tra noi e “loro” un rapporto simbiotico, nel quale il nostro benessere è la condizione per la loro sopravvivenza; come la loro presenza nel nostro organismo costituisce un meccanismo di regolazione ed equilibrio di molte delle nostre funzioni. In pratica viviamo insieme, gli uni in funzione dell’altro. Il nostro stile di vita ha ripercussioni positive o negative su di essi. Un’alimentazione non corretta, periodi di forte stress sono spesso causa che portano allo squilibrio delle condizioni favorevoli alla salute dei nostri amici batteri. Anche l’assunzione di antibiotici comporta la riduzione della flora batterica intestinale. Questo è il motivo per cui dopo tali farmaci viene consigliata l’integrazione con fermenti probiotici per ristabilire lo stato di equilibrio. La condizione necessaria perché ciò avvenga in modo corretto, è che i probiotici utilizzati siano di origine umana, atti a sopravvivere agli attacchi dei succhi gastrici, arrivare vivi e vitali nell’intestino e colonizzarlo conferendo un beneficio fisiologico intervenendo sulle attività metaboliche dell’ospite.

Cosa sono i prebiotici?

Sono sostanze che hanno il pregio di promuovere la crescita, di una o anche più specie batteriche indispensabili allo sviluppo della flora intestinale. I frutto-oligosaccaridi (FOS) hanno la caratteristica di non essere né idrolizzati né assorbiti dal tubo digerente (cioè non sono digeribili per l’uomo) e di stimolare selettivamente la crescita e l’attività metabolica di fermenti probiotici come il Lactobacillus Acidophilus, Bifidobacterium lactis e Bifidobacterium bifidum che invece sono in grado di processarli attraverso la fermentazione.

E’ possibile assumere queste sostanze attraverso l’alimentazione essendo presenti in molti dei cibi che mangiamo, come le banane, il miele, la farina di frumento, nei legumi, nelle cipolle, nell’aglio, nei porri e nelle verdure della famiglia delle cicorie.

I FOS possiedono inoltre anche un blando effetto lassativo dovuto all’aumento della massa fecale. I FOS, inoltre, non aumentano la glicemia e sono adatti all’alimentazione dei diabetici, in ogni caso, i maggiori benefici si ottengono assumendo quotidianamente il giusto quantitativo di frutta e verdura.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share This