Sta finalmente arrivando la laurea in Osteopatia?

L'articolata proposta del Cergas Bocconi apre nuove prospettive sul futuro della professione
Tempo di lettura: 2 minuti

La laurea in Osteopatia potrebbe presto essere realtà. Da tempo aspettiamo che questa branca medica, di importanza vitale nella salute generale della persona, riceva la dignità che merita. A breve è probabile che la nostra attesa sarà ripagata. Il Cergas Bocconi, infatti, ha appena proposto l’istituzione di un corso di laurea triennale proprio in Osteopatia. 

Sta finalmente arrivando la laurea in Osteopatia?

Le lezioni dovrebbero si focalizzerebbero in larga parte su materie specifiche per la professione dell’osteopata. Senza, tuttavia, trascurare conoscenze basilari di altre  branche e settori di specializzazione. Il 5-7% dei corsi riguarderebbero la preparazione sulle materie scientifiche e formative di base, da svolgere prevalentemente nel primo anno di corso. Questa prima fascia dovrebbe prevedere forti sinergie con altri ambiti sanitari, così da favorire la futura collaborazione e incentivare un approccio olistico e multidisciplinare. Una componente tra il 12% e il 18% sarebbe dedicata alle scienze biomediche di base e alle scienze cliniche, indispensabili per fornire le conoscenze mediche di base dei futuri professionisti.

La composizione del corso di laurea nella proposta del Cergas Bocconi

La parte più corposa, quantificabile tra il 25% e il 35%, riguarderebbe le scienze caratterizzanti osteopatiche. Lo stesso peso andrebbe ai tirocini pratici, da svolgersi sotto la presenza di tutor osteopati presso centri specializzati che possano garantire standard elevati. Alcuni contenuti formativi fino ad oggi sviluppati nei corsi di formazione quinquennali, che non abbiano immediata attinenza con l’Osteopatia, verrebbero trattati solo in maniera generica, rimandando poi l’approfondimento al biennio specialistico. Il corso di laurea, infatti, dovrebbe uniformarsi allo standard del 3+2 previsto per le professioni sanitarie.

Il futuro della professione di osteopata

Il Cergas Bocconi ha presentato la sua proposta in un webinar organizzato dal Registro osteopati italiani (Roi) dal titolo “La formazione universitaria in osteopatia: quali riferimenti per il percorso italiano?”. Le aspettative perché sia dato un seguito al progetto sono molto elevate, dopo che col Ddl Lorenzin del 2018 è stata istituita la professione dell’osteopata e a novembre è arrivato il via libera della Stato-Regioni al profilo professionale.

Guarda l’ntervista alla dottoressa Velia Tortora che ci svela principi e segreti dell’Osteopatia

 

Share This