Redazione

Menopausa: sintomi cambiamento ormonale e influenza sul sistema immunitario

Tempo di lettura: 5 minuti

La menopausa è una fase della vita di ogni donna durante la quale avvengono molti cambiamenti, principalmente a causa delle trasformazioni ormonali. Il declino degli ormoni femminili colpisce molteplici processi fisiologici nel corpo (poiché i loro recettori si trovano in diverse cellule e tessuti) e i loro effetti si vedono a tutti i livelli, dall’umore all’aspetto della pelle. Anche il sistema immunitario non è risparmiato dai cambiamenti, e l’impatto può essere maggiore di quanto pensiamo.

Di seguito spiegheremo cos’è la menopausa, i cambiamenti ormonali che avvengono, i sintomi tipici della menopausa e soprattutto il suo effetto, diretto o indiretto, sul sistema immunitario e cosa significa per la nostra salute.

Cosa è la menopausa

La menopausa è un processo di ristrutturazione dell’equilibrio ormonale nelle donne, legato all’età. Di solito inizia intorno ai 40 anni in una fase conosciuta come pre-menopausa. Durante la fase successiva conosciuta come perimenopausa (di solito intorno ai 47 anni) le mestruazioni diventano irregolari e solitamente all’età di 51 anni, più della metà delle donne ha già superato la menopausa vera e propria, quando è passato più di un anno dall’ultimo periodo mestruale. L’ultima fase è chiamata post-menopausa e può durare diversi anni dopo la menopausa.

I cambiamenti ormonali durante la menopausa

Durante gli anni fertili di una donna, gli ormoni estrogeni e progestinici preparano il corpo per una possibile gravidanza. Se la fecondazione non avviene, la quantità di estrogeni e progestinici diminuisce di nuovo e iniziano le mestruazioni. Successivamente, le concentrazioni di questi ormoni aumentano di nuovo in un processo ciclico che accompagna le donne fino alla fine della fertilità, la menopausa.

Durante le diverse fasi menzionate, si verificano graduali cambiamenti ormonali:

Durante la pre-menopausa il corpo comincia a ridurre la produzione degli ormoni femminili: progesterone ed estrogeni.

Durante la perimenopausa il corpo entra nella fase decisiva della ristrutturazione dell’equilibrio ormonale. In primo luogo, la quantità di progesterone diminuisce significativamente, quindi il corpo deve affrontare un eccesso temporaneo dell’ormone estrogeno. Più tardi, il corpo riduce anche la produzione di estrogeni, in modo che estrogeni e progestinici siano di nuovo nello stesso rapporto.

Ad un certo punto, il corpo spegne la funzionalità delle ovaie e il rapporto di entrambi gli ormoni nel corpo scende bruscamente. Quando l’ovulazione cessa, cessano anche le mestruazioni; l’ultima mestruazione è conosciuta come menopausa. Mentre gli ormoni femminili estrogeni e progesterone sono difficilmente prodotti in questa fase, la quantità dell’ormone maschile testosterone nel corpo rimane la stessa. L’aumento della quantità di testosterone cambia l’aspetto del corpo. Le curve femminili dei glutei e dei fianchi sono ridotte e le sacche di grasso sono spostate verso la pancia.

Nella postmenopausa avvengono gli ultimi aggiustamenti affinché l’equilibrio ormonale trovi una nuova e stabilità.

I sintomi della menopausa

Abbiamo sentito di donne intorno a noi che non si accorgono quasi di nulla, ma anche di altre che “se la passano molto male”. In altre parole, lo spettro e la gravità dei sintomi varia molto da persona a persona.

I sintomi tipici della menopausa includono i suddetti cambiamenti nelle mestruazioni, i disturbi del sonno, l’aumento di peso e la sudorazione. Altri segni comuni sono perdita di capelli, dolore al petto, dolori articolari, tachicardia, pressione alta, mal di testa, sbalzi d’umore, ritenzione idrica (cellulite) e diarrea.

Queste alterazioni di alcuni processi fisiologici hanno anche un impatto diretto sul sistema immunitario. Nella sezione seguente spieghiamo i principali fattori da prendere in considerazione.

Gli effetti della menopausa sul sistema immunitario

Non bisogna dimenticare che le funzioni del sistema immunitario con l’età subiscono delle modifiche. Questa diminuzione delle difese naturali, conosciuta come immunosenescenza, comincia a diventare evidente a partire dai 50 anni, e si combina con l’effetto diretto dei cambiamenti ormonali sulla salute delle donne. I più importanti di questi possono interessare diversi aspetti.

Menopausa e malattie infettive

Durante la menopausa, si osservano cambiamenti cellulari e sierologici nel sistema immunitario. Questi cambiamenti comportano una diminuzione della risposta immunitaria, con conseguente maggiore suscettibilità alle infezioni come il virus dell’immunodeficienza acquisita (HIV), herpes simplex virus (HSV), citomegalovirus (CMV) e influenza come si evince da,  uno studio del 2013.

Menopausa e malattie autoimmuni possibile aumento delle infiammazioni

I cambiamenti cellulari (linfociti B, linfociti T, cellule NK – Natural Killer – e altri) e sierologici (citochine e altri mediatori) sono anche associati a un aumentato rischio di sviluppare malattie autoimmuni. Un’ipotesi è che a causa delle transizioni ormonali, certe reazioni acute si trasformano in reazioni infiammatorie croniche, con un aumento degli autoanticorpi.

Menopausa e malattie del tratto immunitario

Circa il 10-15% delle donne oltre i 60 anni soffre di una maggiore frequenza di infezioni del tratto urinario.

Il progesterone e gli estrogeni sono tra i principali regolatori del sistema immunitario del sistema riproduttivo femminile. La maggior parte delle cellule immunitarie e le cellule epiteliali e stromali in tutto il tratto riproduttivo femminile rispondono alla stimolazione degli ormoni sessuali. Una diminuzione di questi ormoni implica quindi cambiamenti nei sistemi di difesa del tratto urogenitale, che insieme ai cambiamenti nell’acidità del tratto vaginale predispongono le donne a una maggiore crescita batterica.

Menopausa e flora batterica

Come tutti sappiamo, il tratto digestivo, specialmente la flora batterica, gioca un ruolo molto importante nella funzione immunitaria e nella salute generale. Pertanto, la mancanza di appetito e i problemi digestivi, comuni durante la menopausa, hanno un impatto diretto sull’efficienza del sistema immunitario.

Menopausa e stress

La menopausa colpisce direttamente i livelli di cortisolo, l'”ormone dello stress”. Inoltre, è spesso un momento di maggiore stress in sé. Questo è dovuto ai cambiamenti ormonali stessi e ai sintomi sgradevoli che ne derivano (sbalzi d’umore, sudorazione, mancanza di sonno, ecc.), oltre ad altre circostanze che tendono a verificarsi durante questo periodo. Questi ultimi includono problemi familiari e personali, come le richieste di figli adolescenti o di figli che lasciano la casa, genitori anziani che hanno bisogno di cure, e anche cambiamenti professionali. La combinazione di molti di questi fattori spesso convergono nelle donne durante questi anni, innescando o aggravando una situazione di stress che influenza negativamente il nostro sistema immunitario.

Menopausa e disturbi del sonno

Sappiamo anche che la mancanza di sonno ha un effetto immediato e a lungo termine sulla funzione immunitaria. La menopausa è un periodo in cui il cattivo sonno può essere un compagno costante.

Menopausa e mancanza di esercizio fisico

La stanchezza sperimentata da alcune donne durante la menopausa può portare a una diminuzione dell’attività fisica, che ha anche un impatto negativo sul sistema immunitario, portando a un aumento delle infezioni virali e batteriche e altri problemi di salute.

Oltre a quanto sopra, i cambiamenti ormonali della menopausa e lo squilibrio che causano possono influenzare particolarmente la salute cardiovascolare, metabolica e ossea.

Preservare e migliorare la tua salute in menopausa: come fare

Per affrontare la menopausa in modo sano e rafforzare le tue difese, l’opzione migliore è optare per uno stile di vita sano.

Prima di tutto, è consigliabile seguire una dieta equilibrata che fornisca tutti i macro e micronutrienti (vitamine, minerali e oligoelementi) di cui il corpo ha bisogno. Evitare l’eccesso di zuccheri, i grassi e l’alcol e cercare di bere molta acqua.

Se soffri di stress, è importante includere momenti di relax nella tua routine quotidiana per ridurre il suo impatto sul sistema immunitario.

Se hai problemi di sonno che durano per settimane, è importante cercare di risolverli cercando di migliorare la tua routine e l’igiene del sonno.

Inoltre, cerca di fare esercizio regolarmente nonostante ti poss sentire affaticata.

Il ricorso a tutte le terapie centrate sulla persona, come l’Omeopatia, l’Oligoterapia, la Fitoembrioterapia, la Nutraceutica, tendono, se ben applicate, ad aiutare l’intero sistema a trovare un equilibrio di salute solido e durevole.

Fonte: MiSistemaInmune

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti.

Share This