Redazione

Elisabetta, l’Omeopatia e il segreto della longevità

I membri dell'antica famiglia dei Windsor ricorrono a pratiche complementari e alternative. E vivono a lungo.
Tempo di lettura: 2 minuti

La Regina Elisabetta II d’Inghilterra è immortale? Su internet le battute al riguardo sono innumerevoli, tra chi la vuole nata prima dei dinosauri e chi si chiede alla nostra dipartita che mondo le avremo lasciato IN EREDITà. E anche il marito, il Principe Filippo di Edimburgo scomparso ad aprile alla veneranda età di 100 anni tondi tondi, non se l’è cavata affatto male. E che dire della Regina Madre, passata a miglior vita a 101 anni suonati? Ci sentiamo di escludere con ragionevole certezza che la regnante d’Oltremanica sia immortale, ma non possiamo non interrogarci su quale sia il segreto della sua longevità.

Elisabetta, l’Omeopatia e il segreto della longevità

Certo, com’è ovvio, un sovrano può accedere alle migliori cure e ai più prestigiosi medici che il mondo moderno metta a disposizione. Ma siamo sicuri di sapere quali siano questi medici? Alcuni di essi, almeno, potrebbero non essere quelli che ci aspetteremmo. Perché molti membri della famiglia reale non hanno mai fatto mistero della loro fiducia nella Medicina omeopatica. Fiducia che pare sia stata ben ripagata, a giudicare dalla durata media della vita dei membri della famiglia più prestigiosa del mondo.

Un legame vecchio di secoli

Il feeling tra Reali inglesi e Omeopatia è di lunga data, e risale addirittura agli albori di questa pratica medica. A quando, in particolare, la Regina Adelaide, consorte di Re Guglielmo IV, chiese l’intervento dell’allora famoso omeopata Johan Ernst Stapf. La Regina, repentinamente guarita, introdusse tra i Windsor questa terapia medica ancora oggi praticata in tutto il mondo. Al punto che ai giorni nostri il Principe Carlo vi ricorre anche per il bestiame della sua azienda agricola di Highgrove, nella contea del Gloucestershire.

Non solo Elisabetta

L’Omeopatia, per giunta, non è l’unica pratica complementare che la famiglia ha deciso di adottare. È noto che lo stesso Principe Carlo sia un grande praticante di Yoga, che a detta sua “crea resilienza e promuove la guarigione. Il documentario “The me you can’t see”, ad esempio, mostra suo figlio, il Principe Harry ricorrere all’EMDR per poter metabolizzare il dolore per la perdita della madre, lady Diana. L’EMDR è una terapia che si focalizza sulla desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari.

Perché lo fanno?

Kate, Duchessa di Cambridge, ha rivelato di aver utilizzato l’ipnosi durante la gravidanza. “Meditazione e respirazione profonda insegnano a prendere il controllo durante la gestazione”, ha detto. In questo modo ha affermato di aver ridotto stress, paura e dolore. Camilla, Duchessa di Cornovaglia, non ha nascosto la sua fiducia nella medicina Ayurvedica, di tradizione indiana. Non solo: altri membri della famiglia reale hanno fatto ricorso ad agopuntura, terapie di riattivazione muscolare e meditazione. Siamo davvero sicuri che molte delle persone tra le più ricche, potenti e longeve della Terra ricorrano a pratiche mediche di cui non sono pienamente informati?

LEGGI ANCHE: L’estate della silicea

 

Share This