Colocynthis cucumis

COLLANA MATERIA MEDICA. Quintessenza del medicamento omeopatico. Dynamis, Virtù e Potere Curativo di Colocynthis cucumis
16 Aprile, 2024
Tempo di lettura: 6 minuti

Cetriolo amaro o Kotokitisi, da koilia, che significa “rimuovi pancia”.

Ha l’aspetto di un’arancia verde o di una zucca rotonda. Agisce sui plessi lombo-addominali e sacrali, sui nervi trigemini e sui nervi sciatici.

Sviluppa dolori nevralgici molto intensi. Agisce molto intensamente anche sulla pelvi, sulle ovaie e sull’epididimo, e persino sul peritoneo.

Migliora con il calore e la flessione, oltre che con il movimento.

Quintessenza: Nervi secchi. Esplosione di rabbia per maltrattamenti. Coliche violente. Contorsione.

 

Nervosi secchi: persone di costituzione snella, tese come una corda di violino. I muscoli non hanno quasi grasso, per cui la persona è piuttosto magra, senza la rotondità che caratterizza la morbidezza delle forme. La pelle è secca e poco nutrita.

Esplosione di rabbia dovuta a maltrattamenti: il disagio appare come un evento improvviso, consecutivo a un’indignazione o a un dispetto accumulati, dovuti a una precedente punizione per un trattamento inadeguato, nei confronti della persona stessa o anche di altre persone molto vicine, come un figlio, un fratello, un grande amico, il marito o la moglie, la madre, ecc.

La manifestazione è inaspettata e di una violenza inaudita.

Coliche violente: Dolori contorti in varie parti del corpo, improvvisi e insopportabili.

Contorsione: contrazione irregolare di una parte del corpo, del viso o dell’intera persona. I dolori sono così violenti che il paziente si contorce. Caratteristicamente, si “piega in due”. Si muove in modo contorto per ottenere un po’ di sollievo.

Caratteristiche dominanti:

I dolori sono così violenti da indurre il paziente a gemere e gridare; sono accompagnati da un’agitazione estrema. Espressione di angoscia e irrequietezza.
Dolori di tipo lacerante, con crampi. Generalmente discontinui, in parossismi, ma molto frequenti, in qualsiasi parte del corpo.
Si ha la sensazione di avere una legatura di filo metallico nella parte dolorante.

Spesso i dolori si scatenano dopo uno sfogo molto intenso di rabbia o di collera accumulata. Dopo un abuso, per indignazione.
Sono sempre aggravati dall’estensione e migliorati dalla flessione, o da una pressione forte e dura e dal calore.

Le persone possono essere ereditariamente nervose o esserlo diventate a causa delle battute d’arresto della vita, a causa di sgradevolezze profonde, complicate, di lunga data: rapporti d’affari che non vanno bene, dispute ereditarie tra membri della famiglia, gelosia dovuta a un tradimento prolungato, ecc. La verità è che la persona diventa molto permalosa e non sopporta il minimo contrattempo.

Estremamente irritabile e di cattivo umore, è sempre triste e prende male tutto. Risponde male.
Le esplosioni di rabbia sono accompagnate da dolori intollerabili, come crampi, nevralgie, spasmi… che rendono la persona completamente inabile. La nevralgia facciale si irradia a ondate.
Le cefalee sono laceranti, frontali e peggiorano girando la testa a sinistra.
Anche agli occhi ha dolori penetranti e brucianti nei bulbi oculari. Deve premerli continuamente.

I denti gli fanno male a causa della rabbia. La bocca ha un sapore amaro e la lingua è cruda.

I sintomi acuti possono scatenarsi dopo aver mangiato farina, patate, fagioli… con crampi forti come se lo stomaco fosse stretto da un pugno.

Si tratta del vero rimedio “togliti la pancia”, come viene chiamato. Nessun altro rimedio produce crampi così forti, violenti, torturanti e terribili, che costringono a torcersi e piegarsi in due, premendo con forza sulla parte dolorante.
Sono dolori nevralgici e pizzicanti, come se l’intestino fosse stretto da una tenaglia, intorno all’ombelico.

In mezzo a questo tormento, ha frequenti minzioni violente e imperiose, con grande tenesmo e bruciore all’uretra. Tutto l’addome fa male durante la minzione.

Molto utile nelle coliche nefritiche molto dolorose, con eliminazione di cristalli rossastri duri e appiccicosi.

Utile anche per i crampi mestruali: la donna si contorce e si piega in due, cercando calore nel ventre e con una sensazione di pesantezza che la porta a legarsi la pancia.

In generale ci sono crampi dappertutto e dolori laceranti, soprattutto nella sciatica, che si irradiano dall’anca fino a dietro il ginocchio, interessando tutta la parte posteriore del muscolo. Il dolore è pulsante, acuto, lancinante; peggiora con l’estensione della gamba, il freddo o il riposo, e migliora con la flessione, il calore e il movimento continuo.

È un farmaco per i momenti acuti o le esacerbazioni di condizioni croniche, che esplodono violentemente e alterano la parte dell’organismo che corrisponde alla sofferenza emotiva accumulata nella vita di ogni persona e che non ha potuto essere risolta.

Caso esemplificativo

Maria Fernanda è una donna single di 36 anni. È architetto e capo reparto in un’impresa di costruzioni internazionale insieme a un altro architetto maschio un po’ più giovane, intraprendente e determinato a prendere decisioni sui progetti.

È sempre stata timida e riservata, oltre che prudente. Per questo motivo, non è mai stata aggressiva o veemente nelle discussioni. Ha sempre fatto prevalere le buone maniere e il bell’aspetto, anche se dentro di sé era arrabbiata, offesa o sconcertata dalla violenza e dai soprusi di tante persone, al punto che la sua voce e la sua lingua erano talmente bloccate che le era impossibile pronunciare una sola parola. Anche se era sopraffatta da un’indignazione esplosiva, non riusciva a discutere. Le sue parole e i suoi pensieri erano bloccati.

Lo stesso accadeva nella sua famiglia, con la sorella, più piccola ma molto prepotente, e soprattutto con la madre, che viveva e faceva vivere tutti urlando tutto il giorno, per ogni cosa e anche senza motivo. Questo controllo permanente di tutto, giorno dopo giorno, secondo i desideri di qualcun altro, era delirante. Così, giorno dopo giorno, Maria Fernanda era sempre meno in grado di esprimere la propria opinione.

Il carattere femminile della madre, veemente, imponente, nervoso, tragico e, soprattutto, disperato, che crea sempre un mondo esplosivo, è stato il peggior modello di donna per Maria Fernanda.

Come tutte le ragazze, il primo modello di femminilità è stato appreso dalla madre e dalle donne della famiglia. Per Maria Fernanda era un orrore essere una donna “così”, come le veniva rappresentata. Le veniva voglia di scappare, spaventata e piena di paura per qualcosa che sentiva come inevitabile, la sua stessa espressione femminile.

La conseguenza di questo modo di vivere era che doveva scalare ogni giorno un’enorme montagna per poter dire quello che pensava, anche a se stessa. La cosa normale era sopportare in silenzio e riempirsi di rabbia e indignazione per un abuso così grande, continuo e schiacciante.

Anche il padre, a cui lei assomigliava, subiva il diluvio continuo e non ha mai saputo difenderla, probabilmente perché era impossibile. E questo silenzio, questa mancata risposta “di gradimento” della madre o della moglie, creava le basi necessarie per aumentare le proteste, i rimproveri, le urla e i nervosismi. Di conseguenza, si creava un circolo vizioso senza fine, senza speranza di risoluzione. L’unica possibilità era la malattia.

Maria Fernanda è cresciuta con la soddisfazione di fare tutto ciò che le veniva chiesto e di essere una brava ragazza.

Appena ha potuto, è andata lontano, molto lontano dal paese dove vivevano i suoi genitori, ma le sue paure, la sua rabbia, la sua suscettibilità a qualsiasi gesto cattivo, erano già dentro di lei. Come spesso accade, al di là della nostra volontà, il modo di essere odiata della madre riecheggiava nella sua stessa personalità e la storia si ripeteva, involontariamente, nei suoi rapporti con gli altri.

In un apparente silenzio, era il suo corpo a urlare senza pietà, così ogni volta che Maria Fernanda aveva le mestruazioni, che erano la manifestazione emotiva e corporea più significativa del suo modo di “essere donna”, i dolori la facevano rotolare su se stessa, fino a non riuscire a stare in piedi. Poteva sopportare quei giorni solo drogata di antidolorifici. In altre parole, perché Maria Fernanda potesse mettere in piedi la sua femminilità, doveva assumere farmaci.

Per molto tempo rimedi veramente profondi come Natrum muriaticum, Staphysagria, Aurum metallicum e Lycopodium si alternarono nel suo trattamento, tenendo sempre presenti i suoi conflitti esistenziali e le difficoltà evidenti in ogni momento.

Tuttavia, il rimedio che agì al momento delle mestruazioni e che le permise di smettere di prendere sedativi per poter stare in piedi fu Colocynthis.

Questa cucurbitacea, ormai elevata a potenza medicinale, è stata testata e ha curato la paziente da dolori estremamente violenti, che la portano a gemere e a gridare, con crampi discontinui all’utero, che lo costringono a piegarsi in due. Dolori penetranti alle ovaie, che tirano verso il basso, tanto che Maria Fernanda sentiva il bisogno di legarsi la pancia con una cintura o qualcosa di simile. Tutto questo era accompagnato da una rabbia e una collera incontenibili, che esplodevano al minimo contrattempo.

Colocynthis 200K, tre granuli, sciolti in una bottiglietta d’acqua con tre gocce di alcol a 96°; un cucchiaino ogni due ore dal primo momento in cui sentiva che il dolore stava per iniziare; distanziando di tre, quattro ore man mano che migliorava.

Così, una, due, tre mestruazioni, finché non fu più necessario assumere nulla: il dolore divenne sempre più breve, meno intenso e Maria Fernanda smise di temere l’arrivo del ciclo mestruale ogni mese.

La rabbia esplosiva e la collera, che erano la sintesi del rifiuto della sua naturale condizione di donna, vissuta così male fin da bambina, e che ora le portavano, invece che gioia, ripetute sofferenze e difficoltà a relazionarsi bene con gli uomini.

Le prime relazioni con i suoi primi due fidanzamenti fallirono e Maria Fernanda dovette aggiungere all’esperienza familiare da cui era fuggita, i rifiuti, i tradimenti e i maltrattamenti dei suoi primi amanti.

Col tempo, tra i rimedi profondi e Colocynthis, Maria Fernanda cambiò. Le ci è voluto molto tempo per accettare razionalmente ciò che voleva davvero, essere una donna ed essere apprezzata, invece che criticata e disprezzata… ma c’è riuscita.

Oggi ha mestruazioni molto più normali, 80% meno dolorose e con disagi diversi, solo congestione e un po’ di nausea, con umore variabile e voglia di piangere.

Da un anno ha una relazione sentimentale stabile, che finalmente le promette di identificarsi con la propria persona e personalità. Per la prima volta si sente soddisfatta della sua vita di coppia.

Come dimostrato, il Simillimum reintegra gradualmente l’essere umano, sia fisicamente che emotivamente, in modo dolce, rapido e permanente: ciò che è stato curato non ritorna, si instaura la salute invece del disagio, come riconosciuto e stabilito da Hahnemann.

2 Commenti

  1. Sempre interessante anche questa rubrica. Grazie

    • Grazie molte

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti.

Share This