Redazione

La felicità nella giovinezza può proteggere dalla demenza

È quanto emerso da un nuovo studio dell'Università della California
17 Ottobre, 2021
Tempo di lettura: 3 minuti

Un nuovo studio condotto dall’Università della California di San Francisco indica che una cattiva salute mentale può mettere a dura prova la cognizione. La ricerca si aggiunge al già corposo numero di prove che collegano la depressione con la demenza. Mentre la maggior parte degli studi svolti fino a oggi aveva indicato l’associazione in età avanzata, Quest’ultimo mostra che la depressione nella prima età adulta può portare a un calo della potenzialità cerebrali 10 anni dopo, e al declino cognitivo negli anziani. Lo studio è stato pubblicato sul Journal of Alzheimer’s Disease il 28 settembre 2021.

La felicità nella giovinezza può proteggere dalla demenza

I ricercatori hanno utilizzato metodi statistici innovativi per prevedere le traiettorie medie dei sintomi depressivi per circa 15.000 partecipanti di età compresa tra 20 e 89 anni, divisi in tre fasi della vita: anziani, adulti e giovani. Hanno quindi scoperto che in un gruppo di circa 6.000 partecipanti più anziani, le probabilità di deterioramento cognitivo erano più alte del 73% per coloro che si stimava avessero sintomi depressivi elevati nella prima età adulta. Erano invece del 43% più alte per coloro che si stimava avessero sintomi di una forte depressione in età avanzata.

Il nuovo studio che viene dall’Università della California

I ricercatori hanno constatato che gli ormoni dello stress in eccesso possono danneggiare la capacità di creare nuovi ricordi. “Diversi meccanismi spiegano come la depressione possa aumentare il rischio di demenza“, ha detto Willa Brenowitz, del Dipartimento di Psichiatria e Scienze Comportamentali dell’Università della California. “Tra questi c’è che l’iperattività del sistema centrale in risposta allo stress aumenta la produzione degli ormoni glucocorticoidi. Ciò porta a danni dell’ippocampo, la parte del cervello essenziale per la formazione, l’organizzazione e la memorizzazione di nuovi ricordi“. Altri studi, ha poi aggiunto, hanno collegato la depressione con l’atrofia dell’ippocampo e uno studio ha mostrato tassi più rapidi di perdita di volume nelle donne.

Il collegamento tra depressione e atrofia dell’ippocampo

Nella stima dei sintomi depressivi in ​​ogni fase della vita, i ricercatori hanno riunito i dati dei partecipanti più giovani con i dati dei circa 6.000 partecipanti più anziani e hanno previsto traiettorie medie. Questi partecipanti, che vivevano a casa e la cui età media era di 72 anni, avevano partecipato all’Health Aging and Body Composition Study e dal Cardiovascular Health Study. Sono stati seguiti di anno in anno per un massimo di 11 anni.

I medici hanno sottoposto i partecipanti a screening per la depressione utilizzando uno strumento chiamato CESD-10. Si tratta di un questionario di 10 voci che valuta i sintomi di settimana in settimana. Hanno riscontrato sintomi depressivi moderati o elevati nel 13% dei ragazzi, nel 26% degli adulti di mezza età e nel 34% dei partecipanti più anziani. A circa 1.277 partecipanti è stato diagnosticato un deterioramento cognitivo a seguito di test neuropsicologici, prove di declino globale, uso documentato di un farmaco per la demenza o ospedalizzazione con demenza come diagnosi primaria o secondaria.

“Maggiori sono i sintomi depressivi, maggiori sono i tassi di declino”

“In generale, abbiamo scoperto che maggiori sono i sintomi depressivi, minore è la cognizione e maggiori sono i tassi di declino”, ha affermato Brenowitz, che è anche affiliato al Dipartimento di epidemiologia e biostatistica dell’UCSF. “Gli anziani che hanno avuto sintomi depressivi moderati o alti nella prima età adulta hanno sperimentato un calo della cognizione nell’arco di 10 anni“.

Quasi il 20% della popolazione soffre di depressione

Quasi il 20% della popolazione soffre di depressione durante la propria vita. È perciò importante riconoscere il suo ruolo nell’invecchiamento cognitivo, ha affermato l’autore senior Kristine Yaffe, MD, dei dipartimenti di Psichiatria e Scienze Comportamentali dell’UCSF. “Sarà necessario un lavoro futuro per confermare questi risultati, ma dovremmo comunque esaminare e curare la depressione per molte altre ragioni”.

LEGGI ANCHE: La depressione nasce nell’intestino?

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti.

Share This