Redazione

Al via negli USA uno studio sull’Omeopatia nel trattamento del Long Covid

Verificherà se questo tipo di farmaci possono offrire reali benefici ai pazienti
Tempo di lettura: 2 minuti

Il funzionamento del Long Covid è ancora sconosciuto per molti aspetti. La grande varietà di manifestazioni diverse rende molto complesso capirne la natura, e ancora più difficile elaborare una terapia efficace. Per questo i ricercatori sono alla continua ricerca di nuove strategie che possano dare sollievo alle tante persone che soffrono per il protrarsi di condizioni debilitanti. Ricordiamo che secondo un recente studio inglese il 10% delle persone che hanno avuto un’infezione da Sars-Cov-2 continua a presentare sintomi a più di 12 settimane dalla malattia. Un altro studio del JAMA Network porta questa stima addirittura al 50%.

Al via negli USA uno studio sull’Omeopatia per il long Covid

L’Omeopatia può essere la risposta che gli studiosi stanno cercando? Per investigare questa possibilità i ricercatori del Southwest College of Naturopathic Medicine & Health Science stanno arruolando negli Stati Uniti persone che manifestano sintomi di Long Covid. “L’approccio naturale dell’Omeopatia può fornire sollievo ai pazienti. L’ho visto clinicamente. Ho visto pazienti affetti dagli strascichi del Covid-19 da tempo migliorare e so di poterli aiutare“, ha affermato la principale ricercatrice, la dott.ssa Elizabeth Rice.

Quali trattamenti per il Long Covid?

L’operatrice sanitaria Evelyn Hernandez, dall’Arizona, è uno dei primi partecipanti alla ricerca. “Sto ancora soffrendo molto. A un certo punto avevo perso molti capelli. Soffro di depressione e ansia”, ha raccontato. Hernandez ha contratto il Covid-19 più di un anno fa lavorando in un ospizio. “Naturalmente voglio che tutti quei sintomi scompaiano, ma sono felice di poter essere d’aiuto anche ad altre persone”.  I medici che lavorano al progetto hanno offerto volontariamente il loro tempo per aiutare a elaborare piani di trattamento individualizzati per ogni partecipante.

Per ogni paziente che partecipa alla ricerca un trattamento pesonalizzato

Questi farmaci sono costituiti da sostanze naturali come minerali e piante“, ha detto la dottoressa Rice. “Sono prescritti sulla base del concetto “di simile cura il simile”, secondo un approccio leggermente diverso rispetto alla medicina convenzionale”. I partecipanti completeranno i sondaggi all’inizio, a metà e alla fine dello studio di 12 settimane per misurare la fatica, la qualità della vita e i sintomi, così da vedere se coloro che hanno ricevuto i farmaci sono migliorati più di quelli che hanno assunto placebo.

Una possibile via d’uscita

“Non ci sono molte terapie disponibili anche nel mondo della medicina naturale, in grado di trattare i sintomi emotivi sia fisici che mentali, quindi l’Omeopatia è la soluzione perfetta per questi pazienti“, ha detto Rice. Per essere idoneo, devi essere vaccinato e essere risultato positivo al test COVID almeno 60 giorni fa, tra le altre condizioni. E, purtroppo, risiedere negli Stati Uniti.

LEGGI ANCHE: Long Covid: l’Omeopatia può aiutare

Share This