Christophe Hartung 1779 – 1853

Tempo di lettura: 4 minuti

Christophe Hartung fu un medico austriaco che si convertì all’Omeopatia diventando allievo di Samuel Hahnemann. Di nobile famiglia originaria di Roemhild, nel 1798 entrò nel servizio medico militare dell’esercito austriaco a Vienna, studiò dal 1798 al 1800 e dal 1810 al 1812 a spese pubbliche presso l’imperiale Accademia Militare Medica Chirurgica Josephinum.

provers della della Materia Medica Pura

Provers

Alla proposta di nomina del Josephinum alla cattedra di anatomia, rifiutò e si dedicò invece alla carriera medica militare. Nel 1813 lavorò per l’imperatore Francesco I d’Austria. Dal 1819 al 1826 lavorò come allievo di Samuel Hahnemann studiando l’Omeopatia. Fu uno dei provers (sperimentatori) della Materia Medica Pura. Il suo nome compare nell’elenco della Zeitung del 1832.

In seguito ai suoi incarichi ufficiali portò l’Omeopatia a Salisburgo, Venezia e in Lombardia. Nel 1837 fu nominato all’Imperial Regio Consiglio e medico militare superiore nelle province della Lombardia e del Veneto con l’incarico di supervisionare i medici e tutti gli ospedali della regione.

Nel 1839 Hartung fu membro e relatore della grande Assemblea dell’Associazione centrale dei medici omeopatici tedeschi a Lipsia.

Christophe Hartung è famoso per aver curato un tumore canceroso nell’occhio di Johann Josef Wenzel Graf Radetzky von Radetz (il feldmaresciallo Radetzky) nel 1841.

Questa cura fece scalpore in tutta Europa e i suoi dettagli furono ampiamente pubblicati in tutto il mondo.

Radetzky era un sottoposto del Principe Karl Philipp di Schwarzenberg, a sua volta paziente di Samuel Hahnemann.

Il-feldmaresciallo-Radetzky

Il feldmaresciallo Radetzky

Nel gennaio 1841, il celebre feldmaresciallo austriaco conte Radetzky era affetto da un tumore nell’orbita dell’occhio destro, che spingeva il bulbo oculare verso l’esterno e in avanti. Il tumore era cresciuto dall’ottobre precedente. L’Imperatore Ferdinando I, che amava molto il feldmaresciallo, inviò il suo medico di fiducia, il dottor Jaeger, professore di oftalmologia all’Accademia Josephinum di Vienna, a Milano, dove risiedeva il paziente, per consultarsi con il dottor Flarer, professore di oftalmologia a Pavia, e con l’assistente medico ordinario del feldmaresciallo, il chirurgo Hartung, un medico omeopata, per fare un rapporto sulla malattia e per consigliare il trattamento appropriato.

I tre consulenti si riunirono il 26 gennaio e, dopo un attento esame, dichiararono all’unanimità che la malattia era di natura fungina e cancerosa. I due professori ritennero che fosse incurabile con qualsiasi mezzo a loro noto; che una conclusione fatale fosse solo una questione di tempo; e poiché ritenevano la medicina impotente in un caso del genere, non avrebbero offerto alcun suggerimento sul trattamento.

Il dottor Hartung, pur concordando con i dotti professori sulla mancanza di speranza di guarigione con il trattamento ordinario, riteneva che si potesse trarre beneficio dai rimedi omeopatici. Il paziente dichiarò che non si sarebbe sottoposto ad altro trattamento se non a quello omeopatico.

Con i rimedi omeopatici del Dr. Hartung, questa temibile malattia in questo paziente settuagenario diminuì costantemente. Il 19 marzo era perfettamente guarito e nei due anni successivi non si notò alcuna differenza; era sufficientemente attivo nella mente e nel corpo per vincere la battaglia decisiva di Novara nel 1849.

Vediamo ora come il dottor Hartung, di stanza a Milano, descriveva il tumore:

Un’escrescenza dura, grigia e bluastra di natura fungoide all’interno dell’intera cavità oculare, che preme l’occhio verso l’esterno (exophthalmus). Il bulbo oculare è spinto verso il canthus esterno ed è immobile. Nel bulbo oculare si verificano cuciture, lacerazioni, dolori brucianti e prurito. Cecità del lato colpito.

Palpebre gonfie, nere, blu e immobili. La congiuntiva e la carnuncola lacrimale sono di colore rosso sporco e coperte da una rete di vasi varicosi.

Hartung inizia il trattamento con Arsenicum 30C: la crescita aumenta ulteriormente. Già dopo quattro giorni somministra Psorinum 30C: pressione nell’occhio, mal di testa, emorragia. Al 13° giorno di trattamento Carbo animalis 30C: nessuna emorragia; la crescita del tumore si arresta; il tumore, simile a una spugna, espelle un liquido simile a una crema; prurito nella zona interna del canthus.

Il 19° giorno di trattamento una dose di Thuja 30C, dopo altre tre applicazioni locali di Thuja. La secrezione lattiginosa aumenta, ma il dolore diminuisce e il tumore si riduce chiaramente. Nel prosieguo del trattamento si prescrive Carbo animalis 30C per due giorni. Poi ancora Thuja per via interna ed esterna, ogni otto giorni in alternanza con Carbo animalis per via interna ed esterna.

Sei settimane dopo l’inizio del trattamento, il tumore fungoide maligno è completamente scomparso e la normale mobilità e visione dell’occhio è stata ripristinata. Il conte Radetzky morì 17 anni dopo il trattamento, all’età di 92 anni.

Il tumore maligno dell’occhio era stato dichiarato incurabile dai chirurghi allopatici.

Nel 1856, essendo questa guarigione messa in dubbio da una rivista allopatica, Radetzky, con la propria firma, affermò

Avendo appreso che circolano dubbi maligni sull’efficacia dell’Omeopatia, dichiaro che la malattia del mio occhio del 1841 è stata curata esclusivamente dal trattamento omeopatico del mio medico di fiducia, il dottor Hartung, ora deceduto”.

Johann Josef Wenzel Graf Radetzky von Radetz Verona, 13 dicembre 1856“.

Nel 1841, il dottor Hartung pubblicò sulla Zeitung un resoconto di questa cura e una traduzione si trova nel British Journal of Homeopathy vol. I, p. 147.

Dopo la guarigione di Johann Josef Wenzel Graf Radetzky von Radetz, Hartung fu talmente infastidito dalle gelosie della scuola allopatica che lasciò Milano e si stabilì a Parma, dove Carlo II Duca di Parma, offrì un rifugio all’Omeopatia, lasciando il suo studio nelle mani del collega Johann Taubes Ritter von Lebenswarth, un medico di reggimento.

The British Journal of Homoeopathy, Volume 12

The British Journal of Homoeopathy, Volume 12

Per i meriti comprovati nello studio e diffusione dell’Omeopatia, Samuel Hahnemann inviò da Parigi a Christoph Hartung il suo busto-ritratto in bronzo e il suo anello Carneol con il suo ritratto. Il rappresentante della Lombardia donò ad Hartung medaglie con ritratto in oro, argento e bronzo.

Il dottor Hartung viveva a Milano. Morì nel 1853. La notizia della morte di Christophe Hartung è riportata nel British Journal of Homeopathy del 1854.

Grazie alla cura quasi miracolosa di Radetzky, molti membri delle case reali ricorsero alle cure omeopatiche, dagli Asburgo al Duca d’Eryl Melz del Liechtenstein, dall’ex imperatrice francese Maria Luisa d’Austria a molti altri.

Hartung parlava una mezza dozzina di lingue e divenne il capostipite di una famiglia di medici che, nei secoli successivi e fino ad oggi, ha visto susseguirsi ininterrottamente sette generazioni di medici famosi.

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti.