Lucille

Effetti del rimedio omeopatico: un esempio pratico

Tempo di lettura: 6 minuti
Continuiamo con gli esempi che possono mostrarci le difficoltà di una risposta rapida, in molti casi ben curata, dalla totalità che l’Omeopatia permette.

3° esempio

La complessità del CONFLITTO ESISTENZIALE di un paziente è generalmente legata ad una ereditarietà patologica fortemente intricata, sia dal punto di vista del messaggio trasmesso che dal punto di vista della struttura energetica, psichica e dinamica. In altre parole, la sua struttura miasmatica, in termini hahnemanniani.

Il nostro paziente è un uomo di 60 anni. Sognante e iperattivo, quasi incontenibile. Pieno di manie di grandezza mescolate al suo entusiasmo. È solo, profondamente solo, perché non è in grado di condividere l’altezza delle sue aspettative con nessuno. Cade nella demagogia e nei discorsi magniloquenti e mistagogici. Questo comporta l’enorme difficoltà di non avere un saldo “principio di realtà”, per cui vive in “ciò che dovrebbe essere” o “ciò che avrebbe dovuto essere” e nell’ideale mitico di ciò che immagina di “dover essere e avere nella sua vita”. Così come suo padre alcolizzato e megalomane.

Nella sua infanzia, le circostanze di questo padre, con una madre sottomessa incapace di difendersi, unite al fatto di essere il primogenito, e quindi il primo su cui si scaricava il peso di essere il “maschio maggiore” di 5 fratelli, hanno costruito una nevrosi megalomane fobica molto forte. Ed è così che è arrivato alla clinica anni fa.

Possiamo dire che in questi anni di trattamento omeopatico e psicoterapia è migliorato moltissimo. Tuttavia, la sua patologia lo ha portato a crearsi una vita estremamente complicata, tanto che oggi è schiacciato da debiti, appropriazioni indebite, cause legali e minacce finanziarie che non gli permettono alcuna serenità e, come accadeva fin dall’infanzia, nutre una grande paura della povertà e della catastrofe, essendo sempre presente il disastro che suo padre poteva provocare ogni giorno. Vive un persistente e immutabile sentimento di paura della morte, della malattia e di non poter rispondere alle necessità della madre, della famiglia e della vita in generale. Insieme a questo, il terrore della solitudine, che contrasta con il desiderio di essere solo per dedicarsi alla coltivazione della “saggezza” che è il suo “desideratum”, lo ha portato a unirsi a una donna che non ama, lo irrita, lo costringe e lo contraddice continuamente in modo che, come si vedrà nel suo racconto, il suo corpo si rivelerà senza pietà, denunciando ciò che non vuole riconoscere con i suoi pensieri.

In altre parole, vediamo come la patologia, che nella realtà quotidiana prende la forma di un modo di intendere, leggere, vedere, sentire e sviluppare la vita, ci fa scegliere involontariamente le cose più inappropriate, che tuttavia interpretiamo come qualcosa di necessario o inevitabile.

Quindi, vediamo un caso in cui non è possibile avere una risposta totale, definitiva e splendida immediatamente, come nei casi già esposti.

Ultimamente mi scrive e mi dice:

– “A livello della digestione il reflusso gastrico persiste da anni, con alternanza di modalità e periodi di maggior disagio, con una sensazione di freddo nello stomaco.  Gonfiore estroverso nella zona della cupola diaframmatica accompagnato da un bruciore spesso insopportabile e anche da un dolore lancinante che si irradia alle spalle, difficoltà a riposare in posizione supina a causa delle esalazioni, bruciore alla gola con formazione di catarro e comparsa di una voce rauca e la sensazione di una scheggia quando si deglutisce.

Sento il continuo bisogno di schiarirmi la voce con colpi di tosse che liberano il disagio del momento. Di solito mi alzo verso le 5 del mattino per respirare meglio stando in piedi e dopo una decina di minuti la situazione di solito cambia e la sensazione migliora. La sensazione di bruciore in gola per il gas è permanente con alti e bassi mentre rigurgito. Lo stomaco mi fa male sempre più continuamente, anche se lo sento e spesso il dolore arriva anche fuori dai pasti, quasi sempre gonfio per l’eccessiva fermentazione dopo mangiato, ma anche a stomaco vuoto può succedere se è una giornata piena di emozioni contrastanti. Ho mal di testa con sonnolenza e angoscia.

L’intestino è costantemente in uno stato di colite con gas e la palpazione all’inguine o sotto l’ombelico è sempre dolorosa. Spesso passo o a volte respiro aria maleodorante anche senza una ragione dietetica che lo sostenga. Vado spesso in bagno, anche tre o quattro volte e spesso passo delle feci nastriformi con poco volume che mi lasciano insoddisfatto e con una sensazione di congestione alla fine dell’intestino, altre volte vado di solito con feci ben formate, raramente ho stitichezza, ma ho un dolore insopportabile dopo l’evacuazione, per un tempo abbastanza lungo che mi riempie di disagio e angoscia.

Ho arrossamenti sul glande con punti o macchie, a volte prude, a volte no. Sento bruciore nell’uretra, non continuamente, ma frequentemente. Altre volte sento una specie di nevralgia tra il pube e il testicolo destro che mi è stato detto essere dovuto alla compressione di alcune vertebre.

Il mio pene è doloroso alla palpazione moderata e durante l’erezione tende ad aumentare. L’erezione è stata sempre più difficile negli ultimi sei mesi, con poco interesse sessuale ed eiaculazione precoce. Il pene tende a piegarsi sempre più verso l’interno e verso il lato sinistro con una sensazione anestetica sia durante la penetrazione che quando viene palpato al di fuori del rapporto sessuale. Il pene tende a cambiare posizione anche all’interno dei pantaloni, curvandosi in avanti centralmente, cosa che non era mai successa prima.

Vivo tutti questi cambiamenti con frustrazione e pessimismo. A livello nervoso, sono costantemente attento e vigile su tutto quello che mi succede con ansia, agitazione, irrequietezza, ma anche psicastenia, mancanza di concentrazione, mancanza di voglia di fare, preoccupazione per tutto quello che devo affrontare finanziariamente, sensazione di rabbia repressa, espressa, sensazione di ingiustizia per tutto quello che ho ricevuto… alternata a esplosioni di rabbia violenta in cui mi acceco. Questi sintomi si alternano in un continuum che va e viene a seconda dei diversi momenti che affronto. Raramente sto bene per lunghi periodi, tipo due o tre mesi. Tendo ad avere lunghi cicli di disagio alternati a cicli molto brevi in cui appaio rilassato, felice, calmo.

Sembra impossibile sopportare tutto questo, ma lo faccio da diversi anni ormai e mi sono quasi abituato, anche se i periodi di disagio si allungano sempre di più in un modo che mi fa soffrire sempre di più. Quando sono scoraggiato, sento il bisogno di sapere cosa c’è di sbagliato in me attraverso le classiche diagnosi, ma poi ho paura di farle spesso per non entrare in una frase di “malattia incurabile”… Durante questi lunghi anni, i rimedi mi hanno sempre fornito un sostegno fisico, mentale e psicologico, che mi ha permesso di non “ammalarmi”… anche se la morsa perenne dell’essere malato, purtroppo, permane nella mia esistenza. Quanto vorrei uscire da questa brutta vita solo Dio lo sa? Dedico e servo la mia vita a Lui come principio… ma a volte perdo tutta la mia pazienza e mi dispero senza pace… ma la mia fede è sempre stata ferma.

Ho potuto confrontarmi con mia moglie sulla questione dei soldi della casa che è stata venduta, e lei non mi ha riconosciuto nulla, anzi, mostrando una difesa assurda e sollevando un polverone di sofferenza di cui è stata vittima questo “marito mostruoso”. Ho mantenuto la mia visione spirituale invitandola a rispettare il debito che ha nei miei confronti nonostante tutto, e quindi ad annullare il sacramento del matrimonio visto che non è stato rispettato in nessun modo… ma a lei interessa solo che io paghi le spese…

Un’altra sfilza di sintomi riguarda le narici. In entrambe le narici sento una secchezza con una sensazione dolorosa e acuta di lacrimazione se muovo il naso in modo mimico. Guardando all’interno vedo una colorazione rosso vivo della mucosa con una secchezza quasi da ulcera. Le croste sono assenti al momento. Spesso ci infilo le dita come per controllare perché ho l’impressione quotidiana che vi si nasconda qualcosa di infetto o simile”.

Letto così com’è, sembra così complicato che si pensa che  non si sa cosa fare o cosa prescrivere. Secondo la Medicina Meccanicistica Ufficiale, questo paziente sarebbe già devastato e pieno di farmaci antipiretici, antifobia, antiallergici… ecc…. Tuttavia, non fu così e con il trattamento omeopatico, uscì progressivamente dalla “linea di confine”, cioè un essere umano pieno di terrori, che delirava, ricreando un mondo fantastico che avrebbe permesso a lui e a tutta la famiglia di sfuggire alla minaccia di morte, miseria e orrore in cui vivevano e allo stesso tempo, trascinando nel suo delirio tutti gli altri che lui entusiasmava con i suoi discorsi megalomani ed eruditi. Inoltre, la sua estrema ipersensibilità a tutto, e naturalmente anche alle potenze dei rimedi omeopatici, ha reso la situazione più difficile.

Questo è il punto di partenza del processo di guarigione quando è arrivato per la prima volta allo studio.  Oggi soffre ancora, ma solo il dieci per cento dei suoi sintomi iniziali. Oggi possiamo dire che è un essere umano veramente “ridimensionato”, con chiarezza di identità, con la possibilità di intimità, interiorità e appartenenza. Oggi è in grado di percepire l’evidenza della “sua vera realtà” anche se, come conseguenza della complessità del suo passato, in questo momento soffre ancora di problemi che stanno quasi “per finire e non ripetersi”.

Dal punto di vista della tecnica omeopatica hahnemanniana, il quadro sintomatico organizzato che presenta oggi sarebbe composto da espressioni molto distruttive mescolate a molte altre di grande debolezza fisica e morale.

In primo luogo, l’ansia fobica con terrore di una malattia mortale è evidente. La sua ipocondria, cioè la continua preoccupazione eccessiva per la sua salute con depressione, psicastenia, cioè mancanza di concentrazione, confusione, prostrazione, alternata alle grandi crisi fobiche e al terrore della malattia che gli causano tanta sofferenza. Inoltre, e in modo molto importante, tutti i sintomi fisici già descritti.

In questo momento della sua esistenza il rimedio similare è NITRICUM ACIDUM. Considerando la sua forte reattività e ipersensibilità è dato in basse potenze: 6ch, 3 gr mattina e sera per una settimana… e come sempre, con il consiglio di dirmi come va.

Non si può pretendere una guarigione definitiva, ma continuerà con un miglioramento fisico e morale sufficientemente significativo perché la sua sofferenza diminuisca, e una condizione mentale che gli permetterà, spontaneamente, di correggere da solo i disturbi e rimuovere gli ostacoli che impediscono la sua completa guarigione, come dice Hahnemann nel paragrafo 3 dell’Organon dell’Arte e Scienza della Guarigione.

Share This