Lucille

Come si produce l’effetto del rimedio omeopatico

Tempo di lettura: 6 minuti

Le cattive abitudini come prodotto della società attuale, a volte involontarie e inevitabili, superano i limiti di resistenza e di adattamento minimo, indispensabili per il mantenimento di una salute accettabile.

Pier è un uomo di 60 anni. Ci conosciamo da 20 anni. L’ho visto sporadicamente all’inizio e più frequentemente negli ultimi 6 anni, perché tra le sue caratteristiche c’è una mancanza di continuità, che si confonde facilmente con una mancanza di forza di volontà, anche se non è esattamente la stessa cosa e vedremo perché.

La sua vita è legata alla droga, “leggera” secondo l’opinione popolare. Fuma marijuana da quando era giovane. Fuma tabacco fin dalla tenera età. Beve vino, birra e altro.. regolarmente fin da ragazzo ed è da sempre porno-dipendente.

Sposato con una donna rigida, dura e moralista. Molto attaccata alle leggi e alle regole sociali, familiari e religiose. Ha la tendenza naturale a criticare, censurare, sottomettersi al giudizio di ciò che è meglio o di ciò che “sarebbe dovuto essere se fossimo stati perfetti”. È poco femminile e poco attraente; è una donna affettuosa, anche se non lo dimostra, se non con la sua continua imposizione di criticare e analizzare tutto ciò che si fa per essere perfetti, come Dio vuole che si sia perfetti e che si faccia piacere a tutti gli altri per evitare critiche di qualsiasi tipo. Quindi, possiamo dire che è una donna che vive in costante servitù alle regole, alla legge, alla ragione e all’idea di perfezione che non raggiunge mai e la sua vita è permanentemente avvolta in un alone di auto-rimpianti, pretese, sensi di colpa, autocensura e aridità che diffonde come una nuvola tossica, verso gli altri, ma soprattutto verso suo marito, perché lui non c’è mai e anche se c’è, non è mai presente. Secondo la moglie, ciò che lo caratterizza è il fatto che fa le cose basilari: pagare le spese. Per il resto si fa notare per la sua assenza, anche con i suoi figli. È come avere uno “zombie” che vive in casa.

Tuttavia, è fuorviante pensare che la colpa di questa situazione sia solo di sua moglie. Si sono incontrati in un momento esistenziale primordiale che ha messo radici e ha permesso alle cose di svilupparsi fino al punto in cui sono oggi. Infatti, all’inizio della loro relazione lei condivideva le sue abitudini… fino all’arrivo dei figli, quando ha cambiato le sue abitudini (nelle donne questo è un cambiamento naturale, frequente e logico).

Pier ha diversi fratelli, due maschi e due femmine. Lui è quello di mezzo.

Fondamentalmente, ha un rapporto doloroso con tutta la sua famiglia, anche se non sa come definirlo. Discutono, litigano. Alcuni fratelli si impongono. Una sorella dà ordini e gli impedisce di prendere decisioni. Ma in realtà Pier soffre per cose diverse. Non sa spiegare perché, ma quando si avvicina a questo spazio di sofferenza si emoziona e si confonde, piange come quando si perde qualcosa di molto caro.

Quanto ai suoi vizi, sostiene di averli sempre avuti. Non ha intenzione di rinunciarvi. Ha bisogno di vivere in quella bolla dove sente di trovare il mondo e l’intimità che gli appartiene e che non può trovare fuori, anche se riconosce che ha sempre meno capacità, sempre meno volontà, sempre meno abilità. Sente dolore ovunque.

Un giorno, accompagnandolo in quella nebbia di malinconia che abbraccia e trattiene la sua vita, scopriamo insieme qualcosa di fondamentale: la promessa d’amore a suo padre. Il voto di non tradirlo mai.

Suo padre era molto affettuoso. Sua madre era molto dura. In famiglia non c’era amore né affetto tra loro. Tutto era pratico, freddo e tecnico. Era molto affezionato a suo padre, che si ammalò di un cancro intestinale molto doloroso quando Pier era un bambino. Rimase ai piedi del letto con lui e promise a se stesso che non lo avrebbe mai lasciato. Che sarebbe stata sempre con lui. Quando è morto, ha sofferto in silenzio senza essere consolato. Non voleva che nessuno si occupasse di lui e del suo dolore, perché, anche se ognuno aveva il proprio dolore, in famiglia “non si mostravano emozioni”. Tutto doveva consistere nel risolvere prontamente gli inconvenienti e nel rispondere adeguatamente alle esigenze sociali della situazione.

Pier nel suo isolamento, e stringendo il suo cuore alla promessa che aveva fatto, era sovrastato dal lutto. La sua solitudine era per sempre impregnata di un’intimità, una lealtà complice impossibile da condividere. Questo sentimento permeava tutta la sua vita ed egli cercava a modo suo di non dimenticare, di non tradire questo sentimento. E per farlo, trovava il modo, secondo l’ora, di fuggire dal mondo che lo distraeva, dagli altri, da quelli che non contavano; non farlo sarebbe stato un tradimento del sentimento e dell’amore che aveva ricevuto nella sua infanzia e al quale si sentiva obbligato di rimanere fedele.

Crescendo, la marijuana, l’alcol, la pornografia, gli hanno permesso di riparare nell’intimità, all’interno della “campana di vetro” che si è costruito, risuonante di lutto, lealtà e amore, all’assenza e alla devastante solitudine dell’esterno. I sentimenti più importanti che lo legavano alla sua figura paterna erano all’interno. Nessuno aveva saputo amarlo come lui.

Oggi è un uomo di 60 anni che soffre le conseguenze della sua decisione intima. Non ha intenzione di cambiare. Soffre di claudicazione intermittente, pressione bassa ed è totalmente disorientato nella vita. Non si comporta da padre, né da marito, né da amico. Non ha dignità perché i vizi stanno devastando la sua moralità. A volte i suoi figli lo scoprono davanti allo schermo a guardare la pornografia, a masturbarsi. Ha perso il suo pudore, la vergogna di essere così com’è perché le conseguenze dello stordimento del vizio lo divorano. Vuole comunicare, ma non sa con chi. Non è interessato a nulla, né sa o vuole lottare per qualcosa. Cerca solo di resistere. Non è presente con sua moglie, i suoi figli o altri. Gioca a vivere quando è nel mondo, ma appena può si ritira nel suo dolce-amaro dolore-amore e si droga per resistere. Con tutte le conseguenze.

Gli anni passano. Non è più forte come una volta. Con i trattamenti omeopatici ha migliorato la sua situazione, la depravazione che non avrebbe mai pensato di raggiungere, perché dentro e fondamentalmente è un uomo sensibile e buono. Tuttavia, è vero che noi siamo ciò che facciamo. E quello che facciamo determina alla fine quello che siamo, anche se non avremmo mai voluto essere così.

Non ha mai avuto la volontà di guarire perché non ha mai avuto la volontà di rompere la sua “promessa”. Sta morendo progressivamente idealmente insieme a suo padre. Lo ha sempre accompagnato, ha mantenuto la sua parola!

Questo è uno dei casi in cui non possiamo ottenere la trasformazione desiderata.

Indubbiamente il problema viene dall’eredità. La sua disponibilità a immolarsi senza che questo sacrificio sia un atto vitale, cioè un olocausto che dà la vita ad un altro o ad altri. La sua mancanza di un buon Principio Vitale che gli permetta di trasformare la promessa in un gesto vitale d’amore e in qualcosa di veramente trascendente, come essere il padre per i suoi figli che suo padre era per lui.

Ha consumato la Forza Vitale che ha ricevuto dalla Vita in un egocentrismo mortale che ha danneggiato gli altri e se stesso. Oggi se ne rende conto, ma non sa come uscire dall’inferno che una volta era per il sacro paradiso. E, infatti, non lo vuole; o, piuttosto, ha paura di non volerlo. Non si sente abbastanza forte per avviare un processo di restituzione.

Recentemente ha avuto un incidente e si è rotto una gamba. Non può camminare quando forse cominciava a volerlo fare. (La paura ha vinto la volontà indebolita).

Ciononostante, viene alla consultazione… e camminiamo insieme. Analizziamo tutto ciò che possiamo ripristinare per dargli una vita migliore e la possibilità di riguadagnare provvisoriamente ciò che ha perso. Dal punto di vista del trattamento, possiamo dire che i risultati dei rimedi sono stati molto poco evidenti e silenziosi. Secondo i pochi sintomi manifestati dall’offuscamento dei farmaci, prendeva Nux vomica, Sulphur, Phosphorus…. quando si verificava occasionalmente.

In realtà, Pier, è venuto a consolarsi con un’amicizia clandestina. Raccontare a se stesso, davanti a qualcuno di cui poteva fidarsi, una sofferenza che non poteva identificare. Non capiva lui stesso perché era così e perché voleva continuare ad essere così, anche se non lo voleva, nel profondo di se stesso.

I rimedi stavano facendo il loro lavoro silenzioso fino a quando siamo arrivati a scoprire spontaneamente in una delle nostre conversazioni amichevoli, mentre fumavamo insieme una sigaretta arrotolata sulla terrazza, la ragione del suo dolore, il suo pianto silenzioso e la tragedia della sua vita.

Ignatia XMK ha rilasciato il lutto in tre giorni. Le conversazioni insieme gli hanno dato ordine e il desiderio di recuperare ciò che aveva perso. Oggi è un uomo ferito, sì, ma ha ridotto notevolmente le sue abitudini dannose ed è più presente nel mondo. Oggi prova la gioia di “ricevere”, di sentire l’affetto che gli danno i suoi figli e il rispetto che sua moglie ha ancora per la loro vita insieme. Un successo silenzioso, si potrebbe dire.

 

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti.

Share This