Lucille

Il medico omeopata cura la complessità dell’individuo

Tempo di lettura: 8 minuti

Chi è il medico? Per poter rispondere a questa domanda, è essenziale sapere cos’è l’essere umano nella sua sofferenza. Sapere quando soffre, come soffre, dove soffre e perché. Cos’è che fa sì che un essere vivente abbia bisogno di ciò che intendiamo per “medico”.

Continuando con la riflessione e con gli esempi che avevamo iniziato nel primo capitolo di questo tema, potremmo fare molte altre letture simili applicate ad ogni essere umano in relazione alle forze, agli istinti e ai desideri della sua interiorità che danno origine ai più naturali impulsi abituali di realizzazione nelle molteplici sfere della sua vita: amore, lavoro, procreazione… la sua autoaffermazione e riconoscimento di sé, cioè la vita stessa e le manifestazioni nel suo corpo.

Mito, simboli e malattia

Invece di fare esempi con gli impulsi e i bisogni erotici, storicamente e popolarmente chiamati afrodisiaci (in onore di Afrodite), potremmo farlo con molte altre forze interiori dell’Olimpo individuale miticamente riconosciuto come l’autonoma Artemide e la fredda Atena fino alla nutriente Demetra e la creativa Afrodite, passando per Era, dea del matrimonio, o Persefone, regina degli inferi, o Estia, prototipo della donna paziente. Dagli autoritari Zeus e Poseidone al sensuale Dioniso, passando per i creativi Apollo ed Efesto.
Insomma, aspetti profondi dei nostri impulsi a vivere e realizzarsi che, quando sono disordinati, fanno sì che l’organismo manifesti, in ogni individuo, una particolare forma di sofferenza. Una sofferenza più o meno persistente che è quella che induce una persona a cercare un medico.
Questa sofferenza si manifesta non solo nell’anima, nelle emozioni, ma si concentra anche su un organo corrispondente alla natura della sofferenza. Come tutti sappiamo, il fegato nella rabbia, il cuore nel dolore, la testa nelle preoccupazioni, ecc… Un organo specifico che denuncia la ragione della sofferenza manifestando una mancanza, un eccesso o una perversione nel suo modo di essere e funzionare. Un’alterazione evidente e riconoscibile di quelle che dovrebbero essere le normali funzioni e il benessere di questo organo di questa persona. Per esempio, mancanza di appetito, appetito eccessivo, rifiuto del cibo o desiderio di mangiare cose indigeste (plastica, gomma, gesso…).

Organi “bersaglio”

In altre parole, l’alterazione della manifestazione naturale di quell’organo che, inevitabilmente, si riferirà sempre alla TOTALITA’ dell’equilibrio maggiore o minore della persona a cui appartiene. E questo, spontaneamente, diventa consapevolezza, una “realizzazione”, anche se la persona è molto semplice nella sua comprensione, della necessità di una modifica, una correzione nelle abitudini o nei modi di vita o nei propri conflitti irrisolti. Non importa se lo chiamiamo afroditico, ateniese o dionisiaco. In realtà sarebbe semplicemente un modo di specificare che è in disordine, volontariamente o involontariamente, un aspetto dei molteplici che costituiscono la nostra vita, un aspetto del nostro sviluppo vitale quotidiano, abituale e inevitabilmente trascendente.
In questo disordine accertato dell’anima e del comportamento… è concepibile che la causa di una cistite, vaginite o endometriosi, di una bronchite sia prodotta da un batterio, un virus o un ultra-virus?
Quanti disturbi metabolici capaci di produrre fermentazioni digestive, insufficienza di eliminazioni tossiche, accumulo di catarro, può produrre una vita senza amore? È concepibile che un batterio sia il sostituto maligno del principe azzurro?

Progressi tecno-scientifici e senso comune

Il senso comune, sempre più umile di tutti i progressi tecnico-scientifici, ci fa sapere che qualcosa non corrisponde.
Da qui la domanda: chi è il medico?
Il medico (lat. medicus – medicare) è colui che sa curare, cioè colui che sa prendersi cura, accudire e somministrare rimedi (lat. re- medeor). Fornire il “mezzo”, la “risorsa” che permette all’individuo di tornare alla salute, all’equilibrio instabile e armonioso che dovrebbe essere la vita di ogni essere vivente. Ripristinare il benessere fisico e morale, integrando passato-presente e futuro. Colui che sa vedere in modo accorto e penetrante in ogni momento di sofferenza nella vita di un paziente ciò che è necessario, possibile e degno di essere curato. E inoltre, lo sa, ha scoperto come farlo.
Come scrive Hahnemann nel paragrafo 2 della sua opera Organon, l’ideale della guarigione sarà “…ripristinare la salute in modo rapido, dolce e permanente e sradicare e distruggere la malattia per la via più breve, più sicura e meno dannosa (sulla base di principi facilmente comprensibili).
Quindi, il medico è un uomo che sceglie e dichiara la sua professione di conoscere l’uomo nella salute e nella malattia e si preoccupa di scoprire tutti i mezzi possibili per aiutare l’essere umano a ritrovare il suo equilibrio. Di conseguenza si preoccupa di conoscere in profondità ciò che costituisce la sofferenza di TUTTO il paziente e ciò che è corrispondentemente necessario a quell’uomo che è ogni paziente che viene nel suo studio. Un pensatore, uno la cui caratteristica naturale è l’umanesimo, essere a favore di tutto ciò che è umano, di tutto ciò che è “vita” e “restituzione” e che compie lo scopo supremo della sua vocazione. È chiaro che il medico non può essere solo un “tecnico” del corpo. Non può essere un individuo che ragiona meccanicamente sul funzionamento più o meno noto dell’organismo senza prestare attenzione al “pathos”, al malessere reale e completo di tutto ciò che costituisce la vita di quell’uomo che è un paziente perché soffre.

Le differenze tra medico Omeopata e medico convenzionale

La differenza fondamentale è costituita dai criteri, dalla dottrina, dalla terapeutica e, di conseguenza, dalla condotta.
Per giudizio medico dobbiamo intendere l’insieme di leggi, principi e regole su cui il medico basa il suo giudizio, la sua valutazione e la sua propria condotta di fronte alla cosiddetta “malattia” o alla causa della sofferenza del paziente. Ciò significa che in ultima istanza, di fronte a una data diagnosi, come un’ulcera corneale, il medico dice “è necessario operare ora” o, al contrario, “no, non è ancora necessario operare! Oppure, non è opportuno toccarlo! Anche con una diagnosi di tumore maligno, il medico può considerare, a causa delle condizioni del paziente (per esempio l’età e la mancanza di resistenza e risposta vitale, l’estensione della patologia, ecc.
La dottrina medica è la necessaria elaborazione intellettuale che l’essere umano è in grado di fare a partire dalla conoscenza dei fenomeni che si manifestano nell’organismo vivente, articolando le molteplici manifestazioni e scoprendo il significato profondo di ogni fenomeno, delle sue condizioni e delle sue peculiarità. Cioè comprendere il linguaggio dell’organismo come un insieme psicofisico in modo tale che sia possibile riconoscere un modo coerente di agire per mantenere o recuperare lo stato di salute individuale che appartiene ad ogni essere vivente secondo le sue possibilità.

La medicina della complessità

Per questo si può intendere una disciplina medica che si basa sull’esperienza, ma che non è in grado di elaborare una dottrina, cioè una serie di articolazioni concatenate, collegate tra loro in modo tale da poter essere comprese nel loro insieme, questa serie di articolazioni concatenate che ci permettono di sapere cosa si fa e perché si fa in relazione ad ogni paziente è una disciplina medica incompleta perché non può agire in modo coerente né trovare nei suoi atti un’unità d’azione che rispetti e soddisfi le necessità della totalità di questo organismo vivente, e ancor meno se si tratta di un organismo umano, la cui complessità psico-fisica supera quella degli altri esseri viventi.
La dottrina non è dunque una conoscenza sparsa di uno o mille fenomeni biologici, accumulata nel tempo, attraverso una o mille indagini, per quanto varie e interessanti possano essere. La dottrina medica è l’insieme dei principi, delle leggi, delle costanti dimostrabili e delle regole dedotte dall’esperienza nell’uomo sano e quindi permanentemente corroborate e riproducibili. Tutto questo è organizzato in modo tale da costituire ciò che chiamiamo il logos medico: l’elaborazione discorsiva necessaria per comprendere ciò che si vede, ciò che si sperimenta e ciò che si scopre.
La terapeutica medica è tutta la conoscenza che riguarda la guarigione di un organismo malato, con chiarezza, accuratezza e precisione, sia fisicamente che psichicamente. Cioè la conoscenza del potere di guarigione dei mezzi e dei rimedi, con tutte le loro modalità e possibilità di azione curativa in modo tale che sia evidente che si produce il possibile ripristino integrale dell’individuo.
Resta inteso che l’uso di ogni mezzo o rimedio necessario e adeguato, implica necessariamente la conoscenza non solo del potere curativo della sostanza ma anche la conoscenza delle leggi biologiche che permetteranno la sua efficacia.
Questa efficacia dipenderà interamente dall’esperienza o dalla sperimentazione. L’esperienza ha a che fare solo con l’osservazione dei fenomeni. La sperimentazione ha a che fare con la prova volontariamente controllata dallo sperimentatore e dall’osservatore in determinate condizioni: ambiente determinato, conosciuto, identificabile e comunicabile. Questo si chiama Campo Sperimentale.

Uno Zeus improbabile

Il nostro paziente è un uomo di 40 anni che viene da noi con una fistola anale suppurativa che gli causa molto disagio. Inoltre, ha una calcificazione nell’articolazione della spalla destra che gli causa anche molto fastidio. Ha una lentezza nei muscoli dell’occhio che non gli permette di mettere a fuoco bene e gli causa molto fastidio.
La medicina convenzionale non gli offre nulla di curativo per nessuna di queste tre cose. Propone mezzi, non rimedi.
Per la fistola, sostegno con l’igiene e, se va oltre, chirurgia.
Per la spalla, fisioterapia.
Per gli occhi, niente.
La comprensione della totalità del paziente da parte della medicina omeopatica permette diverse considerazioni importanti e certamente rimedi: acuto, superficiale e profondo.
Da bambino aveva una struttura fragile e delicata. Si è sviluppato bene ma non come un uomo forte. Temperamento timoroso e servizievole, pigro, lento e poco combattivo. Molto protetto da sua madre. Abbandonato da suo padre. Molto disorientato dalla vita. L’unica cosa che vuole chiaramente è “non essere rifiutato o abbandonato”.
Essendo diventato un uomo e avendo costruito una famiglia, l’atteggiamento servile verso tutti, debole, senza una personalità significativa lo ha spinto a prendere una posizione più chiara perché ha due figli. Si è posto la domanda “chi vuole essere”… e ha preso come modello il nonno paterno, che era un eroe del periodo di Hollywood, muscoloso, atletico, forte e bello.

Questo lo ha portato ad un comportamento volontario per costruire la propria maschera secondo il suo ideale. Zeus dell’Olimpo, come direbbero i greci. Per esempio, fare pesi per sviluppare muscoli che naturalmente non corrispondono alla sua struttura. Questa è la ragione per cui, in età molto precoce, ha problemi di calcificazioni e limiti tendinei, molto persistenti e con una tendenza cronica.
Era sempre di natura dolce e gentile. Quindi, la cosa giusta, buona e naturale nella sua vita sarebbe stata quella di essere così e di dare il meglio di sé in quel modo di essere. Sviluppare la sua autorità e la sua forza all’interno della sua morbidezza e dolcezza. Tuttavia, questo non è lo schema del “maschio alfa” imposto dalla società e dalla sua stessa maschera. Non gli bastava perché l’immagine di “ciò che avrebbe voluto essere”, il suo archetipo, il suo Zeus olimpico interiore, lo spingeva sempre a voler essere “più di quanto potesse essere”. Questo lo portò inevitabilmente ad un continuo fallimento e ad una tensione che lo fece ammalare.

I suoi problemi di vista sono apparsi in un momento di grande conflitto familiare, quando doveva difendere la sua famiglia ma gli mancavano la forza, la lucidità e il coraggio. Non poteva sopportare di guardare la gente e soprattutto un uomo, un uomo sprezzante che si mostrava molto più forte e autorevole di lui. Era al di là delle sue forze, ma non poteva farne a meno… ed era incoraggiato. Ha affrontato il ricordo della potente figura di suo nonno. Non ha trionfato sulle accuse, ma ha tenuto alta la sua figura e la sua dignità e il nome della famiglia.
La fistola ci parla di conflitti che non sono riconosciuti dal paziente, di una profonda insicurezza anche se non sembra esserlo. Questa volta innescato dalla tensione causata dalla malattia di sua madre, di fronte alla quale ha paura di non essere in grado di affrontare tutto ciò che verrà. Non sa dove stare. È molto più preoccupato per quello che potrà mostrare che per la perdita di affetto.

La maschera

La sua preoccupazione per la sua immagine, la costruzione della sua maschera secondo l’archetipo del potere che lo assorbe e lo innamora, ha avuto una conseguenza molto significativa che lui stesso riconosce. È sempre centrato su se stesso e non prova affetto per niente e nessuno in modo molto significativo.
Per trattare una cosa del genere, per mezzo di quella che possiamo definire la “vecchia scuola medica”, cioè il modo convenzionale sarebbe la psicoterapia continua e dare farmaci compensatori per ogni disagio fisico e per il resto il consiglio che gli è stato dato: abituarsi e vivere con i suoi problemi.
Attraverso la moderna medicina rivoluzionaria, l’Omeopatia, il trattamento comprende il Simillimun, cioè il rimedio adatto alla totalità della vostra sofferenza in ogni momento della vostra esistenza. Questo rimedio, se è adatto anche nella sua potenza medicinale, nella sua frequenza e nella sua quantità, scatenerà la risposta di guarigione psicofisica e animica dall’interno del paziente e integrerà progressivamente la sua personalità, adattando la sua natura il più possibile ai suoi archetipi e viceversa. Questo sarà osservato. Diventerà evidente a tutti e a se stesso. Il risultato si manifesterà: una vera integrità dell’individuo e un’armonia avvicinamento tra la sua maschera e la sua vera identità. Una persona più coerente, matura e capace.
Così è successo attraverso rimedi come Lycopodium, Sulphur e i grandi policresti che hanno agito come veri artigiani e chirurghi dell’anima e gli hanno permesso di conquistare il meglio di sé, cioè la sua possibile salute integrale.

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti.

Share This