Redazione

Il tuo stile di vita potrebbe causare quel mal di testa

La maggior parte dei lavoratori accetta il mal di testa come conseguenza della tensione quotidiana in ufficio e li combatte con antidolorifici. L'Omeopatia offre un modo sicuro per gestirli
Tempo di lettura: 6 minuti

Articolo del dottor Mukesh Batra

Nel 21° secolo, uno stile di vita malsano e sedentario è la condizione più ampiamente diffusa nelle aree del mondo maggiormente “sviluppate”. Il nostro stress lavorativo in costante aumento e lo stile di vita inattivo conducono a complicazioni anche gravi sulla salute. Secondo un rapporto dell’OMS, l’inattività fisica e una dieta insalubre provocano circa due milioni di morti ogni anno e sono le cause principali, in tutto il mondo, di malattie e disabilità potenzialmente letali.

Mentre lo stress, la paura, la preoccupazione, la tristezza, l’esaurimento e l’intorpidimento sono normali e prevedibili, le risposte emotive a una crisi sanitaria come la pandemia da Covid-19 non possono essere ignorate. Secondo The Indian Psychiatric Society, durante le fasi iniziali della pandemia, c’è stato un aumento del 20% dei casi di depressione e ansia derivanti dalla paura. L’ansia non provoca solo mal di testa ma anche altri disturbi significativi, tra cui ipertensione, insonnia, mal di schiena posturale, sciatica, problemi respiratori causati dal fumo e aumento del consumo di alcol. Uno studio clinico ha mostrato che il 58% delle persone affette da stress e ansia ha beneficiato di un trattamento omeopatico. Credo sempre in un approccio medico integrato e l’Omeopatia lavora nelle routine preventive e nella gestione dello stile di vita. Essa tiene conto non solo dei sintomi presenti, ma anche degli aspetti psicosociali del paziente. 

Nevrosi d’ansia

I sintomi della nevrosi d’ansia sono familiari: attacchi di panico e ansia improvvisi e incontrollabili durante periodi stressanti come ad esempio un colloquio di lavoro o un incontro importante. Ad accompagnarli ci sono debolezza, sudorazione, palpitazioni, nausea e vomito. Il disagio emotivo è così grande che i pazienti spesso pensano di soffrire di una grave malattia fisica e un attacco d’ansia può essere interpretato erroneamente come uno squilibrio del metabolismo della tiroide o una malattia cardiaca. La nevrosi d’ansia è un disturbo puramente psicosomatico, che colpisce generalmente persone con fragilità emotive più o meno sviluppate o con molti conflitti e instabilità non risolte.

La corretta cura omeopatica dipenderà dall’organo o dal sito in cui si manifesta la nevrosi. Aethusa cynapium aiuterà ad alleviare la confusione durante le interrogazioni ed è efficace per la paura degli esami; Argentum nitricum è utile nelle persone ansiose, irrequiete e impazienti. La personalità di Argentum è sempre di fretta. Queste persone camminano continuamente avanti e indietro in attesa del loro turno fuori dall’ambulatorio. Gelsemium è utile nei casi di ansia con vertigini, sonnolenza e tremore degli arti. Kalium phosphoricum  è un buon calmante dei nervi, e anche se viene assunto per un lungo periodo, da un individuo che soffre di disturbi nervosi, non ne derivano effetti collaterali. Pulsatilla aiuta i tipi tesi, ansiosi e lunatici che soffrono di nevrosi d’ansia. Scutellaria calma i nervi.

Mal di testa

Innanzitutto, il mal di testa non è una malattia, ma solo un sintomo. Il cervello stesso è incapace di qualsiasi sensazione, ma il rivestimento cerebrale trasporta fibre nervose sensibili alla pressione. Le cause possono variare da un tumore al cervello a meningite, trauma o trauma cranico e pressione sanguigna alta o bassa. Ci occupiamo di mal di testa che affliggono una persona molto stressata sul lavoro che presumiamo non abbia nessuna delle malattie sopra elencate. È lo stile di vita stesso che lo causa. L’eccesso di cibo e lo squilibrio gastrico danno origine a quelli che sono noti come mal di testa biliari. Tali mal di testa, che sono associati a nausea e disturbi di stomaco, rispondono bene a Iris versicolor. La stitichezza è spesso ritenuta la causa del mal di testa.. Si ritiene che l’ostruzione dovuta al cattivo transito delle feci provochi l’assorbimento di tossine nel sangue, dando origine al mal di testa. Questa teoria potrebbe non avere fondamento, perché anche chi digiuna soffre di mal di testa. Inoltre, il mal di testa “scompare” troppo presto dopo il passaggio delle feci per non essere altro che psicosomatico. Tuttavia, il cosiddetto mal di testa da fame, causato dallo stomaco vuoto, di solito risponde bene a Sulphur. Il mal di testa può anche essere causato dalla mancanza di sonno, che è soprattutto il problema dei manager. Queste persone si accorgono che anche lunghe ore di sonno non le ristorano e si svegliano contratte e con un mal di testa pulsante. La ricetta del medico in questo caso è Nux vomica

 Lunghi orari di lavoro in uffici poco ventilati causano mal di testa, così come alcuni tipi di occupazioni. Ciò accade principalmente quando è necessario mantenere una postura fissa durante tutta la giornata lavorativa, ad esempio dal personale addetto al data entry. I muscoli del collo si torcono o si irrigidiscono e il mal di testa segue poiché la circolazione sanguigna è compromessa.

L’emicrania, il “malessere del perfezionista”, è un forte e penetrante mal di testa di natura cronica e affligge circa il 10 per cento della nostra popolazione. Nausea, vomito e disturbi visivi che durano da poche ore a diversi giorni sono i soliti sintomi di accompagnamento. Gli studi effettuati presso la Mayo Clinic hanno mostrato che l’emicrania si verificava cinque volte più frequentemente nei pazienti che soffrivano di ipertensione. La causa specifica sembra essere ancora una volta l’interruzione del flusso sanguigno. Tra i tanti farmaci usati per l’emicrania, ho trovato Lac defloratum il più utile; Niccolum (preparato dal nichel metallico, emicranie periodiche in pazienti deboli, nervosi e intelligenti); Onosmodium (mal di testa sul lato sinistro associato a affaticamento degli occhi e debolezza). È interessante notare che uno studio sui pazienti affetti da emicrania ha indicato che la personalità tipica di questa malattia è intensamente ambiziosa e orientata al successo, capace di ottenere molto in un breve lasso di tempo, spingendosi a sforzi quasi sovrumani.

Ma se si suggerisce a un paziente che potrebbe soffrire di cefalea tensiva, è probabile che la reazione sia quella di ridere e dire: “Cosa? Io, teso?”. La tensione è diventata così strettamente intrecciata nel tessuto della nostra vita quotidiana che non sembriamo più in grado di riconoscerla. Le persone accettano la tensione al lavoro e a casa, e persino i bambini la portano a casa da scuola. 

Una volta ho avuto un paziente che lamentava un mal di testa diffuso su tutto il cuoio capelluto. Lo sopportava da più di un anno e non rispondeva alla terapia farmacologica e alla dieta. Il suo background? Suo padre era un assistente sociale che, tuttavia, non metteva in pratica ciò che predicava. A casa era un tiranno taciturno, che parlava raramente con la moglie e prestava poca attenzione alla sensibilità dei suoi familiari. L’interrogatorio rivelò che il mio paziente era un individuo straordinariamente sensibile e per di più emotivamente insicuro. Conclusi che il suo mal di testa aveva origine nel suo subconscio. Di certo, pochi mesi dopo, si sposò con una ragazza dolce e affettuosa e lasciò la sua casa opprimente. Il mal di testa scomparve. 

L’Omeopatia riconosce sia la tensione conscia che quella subconscia come fattori che causano mal di testa: Acid phosphoricum, (dovuto allo sforzo mentale); Coffea, (per quelli originati da eccitazione mentale); Ignatia, (a causa del dolore); Nux Vomica, (a causa della rabbia).

La maggior parte dei lavoratori accetta il mal di testa come parte della tensione quotidiana in ufficio e lo combatte con gli antidolorifici. Ma tutti i mal di testa non possono essere presi alla leggera e trattati a casa. Una classe più pericolosa di mal di testa deriva da malattie organiche. Tra queste, il tumore al cervello che è stato esagerato dagli scrittori di fiction e di cinema. In realtà, solo una piccola parte di tutti i mal di testa è dovuto a questa causa. Un buon modo per capire se un tumore è all’opera è la ricerca dei seguenti sintomi: crisi di vomito, calo della vista, debolezza degli arti e confusione mentale. Se questi sintomi sono presenti, consultate subito un medico per un controllo approfondito.

La pressione alta o bassa, spesso una caratteristica riscontrabile, comporta anche un mal di testa pulsante alle tempie (in caso di pressione alta) e un mal di testa sordo e generale, con una sensazione di letargia, esaurimento e depressione mentale (in caso di pressione bassa). Quando il dolore è dovuto a un trauma cranico, è indicata l’Arnica (mancanza di concentrazione, insonnia e irritabilità). Se la lesione è di vecchia data ma il mal di testa persiste, la scelta è Natrum sulphuricum. Tuttavia, per sicurezza, controllate prima i denti e le orecchie, nel caso in cui il mal di testa sia il risultato di un’infezione locale. Se il colpevole è l’affaticamento degli occhi, dovuto alla scarsa capacità visiva o all’eccessiva lettura, Ruta graveolens. offre sollievo.

La sinusite è un’infiammazione negli spazi protettivi del cranio. È molto comune e le cefalee associate si verificano e si ripresentano periodicamente, solitamente accompagnate da dolorabilità locale nelle aree del seno frontale.

Arsenicum album aiuta quando c’è uno scarico sottile e acquoso, con starnuti eccessivi che non offrono sollievo. Se il caso è cronico, devono essere cercati rimedi costituzionali. Il mal di testa del seno, che peggiora al sole ed è associato a una secrezione abbondante, ha bisogno di Natrum muriaticum Quando le scariche sono offensive e i seni iniziano a diventare settici, il Pyrogenium è utile. Quando il mal di testa ha una lateralità a sinistro, pensare a Spigelia. Per i seni del lato destro è comunemente indicata Sanguinaria.

Quando il mal di testa si irradia dalla parte posteriore del collo alla testa, alle spalle e alle braccia, è associato a vertigini e anche a svenimenti, fare una radiografia. Se mostra che lo spazio tra due delle vertebre spinali è diminuito, allora il  mal di testa è il risultato della spondilosi cervicale. È causato da uno scatto improvviso, dal trasporto di pesi ponderosi e da malattie ossee come l’osteoporosi. Pochi semplici rimedi e il dolore più intenso scompare.

Eppure le persone ricorrono alla trazione, alla diatermia e indossano collari intorno al collo nel tentativo di ottenere una tregua temporanea. Rhus toxicodendron, che agisce sui tessuti muscolari, e Calcarea Fluorica  e Magnesia phosphorica, che alleviano lo spasmo muscolare, aiutano a ridurre il dolore. Altri farmaci utilizzati sono Cocculus (spondilosi cervicale associata a vertigini); Hypericum (associato a nevralgie); e Lachnanthes tinctoria (estrema rigidità del collo).

Insieme ai farmaci, alcuni semplici esercizi fatti in casa per pochi minuti possono essere di grande aiuto.

1. Ruota lentamente il collo da un lato all’altro.

2. Ruota il collo in senso orario e antiorario.

3. Sdraiati sull’addome piegando le mani dietro la schiena e alzan la testa.

4. Piega le mani e solleva le spalle su e giù gradualmente.

5. In caso di forte dolore, ruotare la spalla del lato colpito in senso orario e antiorario.

6. In caso di dolore moderato, ruotare entrambe le spalle insieme.

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti.