Redazione

Omeopatia: la storia di Robert, come contrastare ansia e depressione

Tempo di lettura: 4 minuti

Dopo decenni di lotta con la sua salute mentale, Robert si è rivolto all’omeopatia in preda alla disperazione. Ora ha 45 anni e racconta come una visita alla clinica Homeopathy UK di Edimburgo abbia contribuito a rafforzare la sua fiducia e ad aprire la strada verso un futuro più sereno.

La depressione mi messo fuori gioco

Ho sofferto di ansia e depressione per la maggior parte della mia vita adulta e ho provato numerosi trattamenti, tra cui psicoterapia, antidepressivi e ansiolitici. Ma non sono mai riuscito a trovare qualcosa che funzionasse. Quando le cose erano fuori controllo, anche il suono del telefono o l’abbaiare dei cani, mi facevano scattare. C’è stato un periodo in cui non potevo andare al lavoro, e volevo solo stare in casa da solo. Non mi piaceva stare in mezzo alla gente e questo rendeva difficile la vita con mia moglie e la mia famiglia. L’Omeopatia mi è stata suggerita da mia suocera, che giura su di essa e non usa altro. Avevo provato tutto il resto e mi sono detto: “Perché no? Potrei anche fare un tentativo”. Sapevo che le medicine convenzionali potevano portarmi solo fino a un certo punto e desideravo raggiungere una condizione in cui potevo vivere liberamente la mia vita.

Ma cercare di ottenere l’accesso all’Omeopatia attraverso il NHS si è rivelato un inferno. Ci sono voluti circa 6-9 mesi per chiedere al mio medico di base di essere indirizzato per ottenere finalmente un appuntamento a Glasgow – un’ora e mezza di treno da dove vivo nel Midlothian, in Scozia. L’omeopata che ho visto mi ha dato un rimedio da provare e mi ha mandato via per tre mesi. Ci ho provato, ma sentivo ancora che non stavo arrivando dove dovevo essere.

Una diagnosi significativa è stato il giro di boa

Più o meno nello stesso periodo, tornai dal mio medico di base e spiegai che nessuno degli approcci convenzionali che avevamo provato stava funzionando. Alla fine mi indirizzò a uno psicologo clinico che, nel giro di pochi appuntamenti, mi diagnosticò che ero nello spettro autistico e avevo la sindrome di Asperger. I problemi che avevo affrontato crescendo iniziarono ad avere un po’ più di senso. Ora potevo risalire agli inizi della mia ansia alla scuola elementare e capire perché a volte facevo fatica nelle situazioni sociali.

Era difficile venire a patti con il fatto che erano trascorsi 43 anni prima che qualcuno lo rilevasse. Ho detto allo psicologo: “Come ho fatto a sopravvivere così a lungo senza una diagnosi? Mi fu detto che era perché ero rimasto attivo e mi ero spostato da una cosa all’altra. Era vero: ero sempre stato molto occupato e avevo tre o quattro lavori alla volta, fino a quando mi sono trasferito a Edimburgo nel 2000. Fu proprio a quel punto che le cose cominciarono davvero a emergere e a rompersi.

Ritorno all’omeopatia

Poco dopo, ho scoperto che c’era una clinica omeopatica molto più vicina a me – la clinica Homeopathy UK di Edimburgo – e sono stata abbastanza fortunato da ottenere un appuntamento con Karen Hooton, che gestisce il servizio. Ho ripassato tutto con Karen, e ho sentito che si è presa il tempo per conoscermi in modo da potermi dare il giusto trattamento. Non erano solo cinque minuti, ecco delle compresse e via. Credo che il mio primo appuntamento sia durato circa 45 minuti. Mi ha dato un rimedio da provare – Lava – che era adatto a me perché ho un carattere molto caldo e veloce.

Con l’aiuto di questo rimedio, preso insieme alle medicine prescritte dal mio medico, il mio stress, l’ansia e la depressione sono migliorati. Non mi sarei mai aspettata che una pillola potesse risolvere tutto. Oltre all’ansia, alla depressione e alla sindrome di Asperger, soffro della sindrome dell’intestino irritabile (IBS), che è causata dai miei nervi, e di un forte dolore cronico alla schiena come risultato di tre incidenti d’auto che ho avuto negli ultimi 20 anni.

Ma mi sentivo molto meglio prendendo il rimedio omeopatico che non la sola medicina convenzionale. Lo prendo ancora adesso quando so che sto per affrontare una situazione stressante, per esempio se so che sto andando a una riunione o parlo con qualcuno di nuovo al telefono. E quando ripenso a cose del genere, so che non sarei stato in grado di gestire la situazione se non avessi preso il rimedio.

Una grande differenza dell’omeopatia

La cosa che mi piace di più dell’Omeopatia è che mi calma senza farmi sentire insensibile. Il problema che ho avuto con alcune medicine convenzionali è che mi hanno stordito. Non sarei stato in grado di guidare, o anche di stare in piedi, perché mi sentivo troppo abbattuto. Questo approccio non funziona per me, ho bisogno di sentirmi calmo per gestire la maggior parte delle situazioni, ma rimanere lucido e presente a me stesso. L’Omeopatia mi aiuta a farlo.

Non credo che ci siano pillole che mi aiuteranno ad affrontare completamente la situazione, ma l’Omeopatia mi ha aiutato a muovermi nella giusta direzione. Mi ha aiutato a tornare al lavoro e mi ha dato la forza di uscire con la mia famiglia.

Direi che la cosa più significativa in cui mi ha aiutato è stato darmi la fiducia necessaria per fondare un piccolo gruppo di fotografia nella mia zona circa due anni fa. Prima di provare l’Omeopatia, non mi sarei mai sognato di fondare un gruppo come questo, ma mi ha dato la spinta per farlo.

Ora siamo circa 18 e facciamo fotografia notturna, il che significa che siamo lontani dalle folle. Mi ha fatto parlare con persone che la pensano come me, che ho potuto incontrare una ad una e che gradualmente sono entrate a far parte di una cerchia ristretta.

Tutto sommato, mi sento fiducioso sull’impatto che l’Omeopatia ha avuto su di me. Mi ha aiutato a raggiungere un punto che non avrei mai pensato di raggiungere – anche se  non sono ancora al traguardo.

Tratto da: HOMEOPATHY UK

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti.