Hepar sulphur

COLLANA MATERIA MEDICA. Quintessenza del medicamento omeopatico. Dynamis, Virtù e Potere Curativo di Hepar sulphur
28 Maggio, 2024
Tempo di lettura: 9 minuti

Uno dei composti hahnemanniani ottenuti dalla calcinazione di una miscela di parti uguali di fiore di zolfo molto puro e Calcium carbonicum (Calcarea ostrearum). Il risultato finale è una massa gialla o rossastra, porosa e fragile, poco solubile in acqua.

Altera principalmente il Sistema Nervoso, creando una forte iperestesia dei sensi e una grande debolezza con tendenza alla depressione del Sistema Nervoso.
Agisce sulle mucose in generale, producendo marcati stati catarrali. In particolare sulle mucose dell’apparato respiratorio, delle orecchie e degli occhi, dove produce eccessi di catarro, infiammatori con secrezioni abbondanti.

L’odore di formaggio rancido e acido è l’odore caratteristico delle sue secrezioni.
La tendenza suppurativa e piogena è una delle sue caratteristiche più importanti.
Altera il sistema linfatico gangliare con linfonodi ipertrofizzati e duri. Con tendenza alla suppurazione.

Colpisce in modo significativo la pelle, che risulta sudata e malsana, sempre con tendenza alla suppurazione. È stato giustamente definito il “bisturi omeopatico” per la sua capacità di aprire ascessi di qualsiasi tipo che si stanno formando in qualsiasi parte del corpo.

Il disagio tende a essere periodico.

È aggravato dal freddo, dalla minima corrente d’aria, dal vento freddo o dal mangiare o bere cose fredde, dal minimo tocco sulle parti doloranti.
Prova sollievo dal calore e dal tepore.

Quintessenza: “muso di tapiro”, ipersensibile a tutto e molto soprattutto al freddo. Morbidezza. Suppuratività. Piogenico. Raptus.

Muso di tapiro: deformazione della bocca simile a quella di un coniglio. Il labbro superiore si gonfia come se fosse spaccato e quello inferiore si apre al centro ed è pieno di piaghe e ulcere.

Ipersensibile a tutto: sente tutto in modo esagerato e ha una risposta esagerata a qualsiasi stimolo, fisico o emotivo. Non sopporta il normale impatto della vita. È troppo vulnerabile. Ha poca resistenza anche agli stimoli buoni.

Sensibile al freddo: è una sensibilità talmente esagerata che il solo pensiero di qualcosa di freddo gli fa intensificare il dolore e la sofferenza.

Morbidezza e mollezza: abbandono irresistibile alla pigrizia, all’inattività, alla mancanza di tono e di volontà.

Suppurativo: facilità o tendenza a eliminare le infiammazioni attraverso il drenaggio del pus e la pulizia.

Piogenico: Cioé, “che produce pus”. Tende ad accumulare sacche maggiori o minori di pus, interne o esterne, in qualsiasi parte dell’organismo.

Raptus: furore causato dall’intensità delle passioni e dall’impossibilità di contenerle. Agisce senza badare alle conseguenze in modo veemente, focoso, impetuoso, incline ad essere folle e pericoloso.

Caratteristiche dominanti

Adatto a persone scrofolose, flaccide, molli, malsane nell’aspetto e nella pelle.
Si muovono lentamente e appaiono apatiche, fiacche, indolenti ma irritabili.

Sono presenti ostruzioni linfonodali ed eruzioni cutanee in vari punti.
Estrema ipersensibilità del sistema nervoso e quindi al dolore, al tatto, all’aria fredda e al disagio. Il minimo dolore può farli svenire.

Durante la malattia, hanno o formano un “muso da tapiro” perché il labbro superiore si gonfia e quello inferiore si apre al centro, si spacca e si riempie di ulcere. Questo è molto evidente durante le febbri.

La sua irascibilità è caratteristica e tutto gli provoca una sofferenza intensa ed eccessiva. I dolori delle eruzioni o delle suppurazioni sono insopportabili per lui e ha la sensazione di essere fatto a pezzi o schiacciato.
Parla frettolosamente e non riesce a frenare i suoi impulsi. È affrettato in tutto, mangia, beve, parla in fretta.
È litigioso, conflittuale. È maleducato e ha la tendenza a offendere e insultare per qualsiasi inconveniente.
Insoddisfatto di tutto. Tutto lo infastidisce e lo offende.

Vorrebbe vedere tutto nuovo, persone, cose, ma non gli piace quai niente. E nella solitudine si sente scoraggiato anche con pensieri di suicidio. Infatti prova impulsi irragionevoli come quello di voler improvvisamente uccidere il suo migliore amico. Improvvisi impulsi di violenza e distruzione senza motivo: gettare qualcuno dalla finestra o appiccare il fuoco.

È così esageratamente sensibile al freddo che gli sembra di sentire una corrente d’aria se si apre una porta nella stanza accanto.

La sua capacità depurativa è tale che elimina rapidamente i corpi estranei, dall’aculeo di un riccio a un pezzo di proiettile conficcato nel corpo o una scheggia di legno… espellendo il dolore o, se il corpo estraneo è piccolo, riassorbendolo.

Di notte dorme male. La sua testa si riempie di mille idee violente e si sveglia come se le mancasse il respiro, piangendo e con molta ansia. A volte, al contrario, sembra quasi assonnato.

Cuoio capelluto molto sensibile e doloroso. Può avere tuberosità ed escoriazioni sporche e dolorose.
I capelli cadono a chiazze come una sorta di tigna umida, pruriginosa e bruciante.
Se ha mal di testa, ha la sensazione che un cuneo gli sia entrato nel capo dal lato o alla radice del naso.

Occhi e palpebre arrossati e infiammati con congiuntivite purulenta e marcata chemosi con abbondante fuoriuscita di pus e grande sensibilità al tatto e all’aria.
Dolore agli occhi come se fossero tirati all’indietro.
Ulcerazioni della cornea.

Anche nelle orecchie infiammazione catarrale con tendenza suppurativa, fino alla perforazione del timpano, con sangue e dolori acuti, laceranti nell’orecchio con rottura del timpano. Scarico fetido giallastro, purulento e sanguinolento, con il classico odore di “formaggio rancido”.

Il “muso da tapiro” è accompagnato da crepe e fessure agli angoli della bocca con ulcerazioni. Ma la caratteristica più dolorosa del volto è la nevralgia localizzata sul lato destro dell’orecchio, del temporale e del labbro.

Le tonsille presentano un’ipertrofia cronica e il dolore è intenso come una “spina in gola” o come un nodulo in gola che fa male quando si deglutisce e si irradia verso l’orecchio. È frequente quando la suppurazione è imminente.

In generale soffre molto dell’apparato digerente. Tutto gli fa male. Tutto gli dà fastidio e sente una fame lancinante, come un vuoto e un desiderio impellente di mangiare qualcosa, soprattutto qualcosa di acido o forte, o di alcolico, per esempio il vino. Disgusto per i grassi.
Può bere con grande sete, ma poi si gonfia e si sente male.
Fitte al fegato e costipazione dovuta all’atonia dell’intestino.
Se ha diarrea, è acida, fetida e lentigginosa, con pezzi di cibo.

Si verifica anche catarro nella vescica con pus e muco abbondante. Ulcerazioni nell’aspetto della vescica per cui tutto è molto doloroso ed è molto difficile urinare. Si avverte bruciore con tenesmo e costante stimolo a spingere, ma senza forza, tanto che l’urina cade in verticale e si ha sempre la sensazione di non aver finito.
Inoltre, si manifestano ulcerazioni simili all’herpes sui genitali maschili e femminili con lesioni umide e prurito, anche sulle cosce.
Nelle donne, la leucorrea è fetida ed escoriante, simile al classico “formaggio rancido” di Hepar sulfur in tutte le secrezioni.

Le fosse nasali si ostruiscono ogni volta che la donna esce all’aperto. Si gonfiano e fanno male.
Al minimo raffreddore diventa rauca e tossisce con rumori, fischi e rantoli come se il muco stesse per uscire, ma non esce. Peggiora al mattino o con l’umidità o il freddo.
Il raffreddore diventa particolarmente doloroso nei bronchi e la tosse dura per giorni e giorni, anche settimane. Rumorosa, abbaiante, e il petto fa male quando si tossisce. Intollerante al minimo freddo, anche togliendo la mano dalle lenzuola o dalla tasca. Si aggrava intensamente per il suo disagio. Soffoca e tossisce fino a vomitare e suda abbondantemente.

La pelle è sempre malaticcia, sensibile al tatto e al freddo e piena di eczemi, pruriti, secrezioni pus-fetide, pustole dolorose e sanguinanti, bolle, con linfonodi gonfi e duri.
Sudore acido che non migliora né allevia, soprattutto di notte.

Caso clinico esemplificativo

Don Severino aveva 74 anni quando decise di chiedere aiuto all’Omeopatia, alla quale non credeva. Perché era un uomo di formazione universitaria, insegnante di pedagogia per 50 anni e credeva soprattutto nella Ragione, nella Logica e soprattutto nella Scienza.

Tuttavia, la necessità determina sempre cambiamenti insospettabili nella vita di una persona e Don Severino decise, tra dolori e disperazioni, di chiedere aiuto al suo migliore amico, un affermato medico omeopata, che gli diede la certezza di non cadere nelle mani di un ciarlatano o di un imbroglione.

Don Severino era stato portato dai suoi parenti perché aveva sviluppato lentamente e progressivamente un dolore nella zona del rene destro che non accennava a diminuire.  Il dolore si faceva sempre più forte e quando si recò in ospedale per essere visitato e sottoposto a radiografie, dovette aspettare così tante ore al pronto soccorso che il suo stato si aggravò sempre di più.

Alla fine fu sottoposto agli esami del caso e risultò una grande massa nella parte superiore del rene destro. Il tutto era accompagnato da un forte dolore, che andava aumentando, con intolleranza a tutto, al tatto, all’aria che respirava, al minimo contrattempo. Don Severino non si reggeva in piedi e non si riconosceva più. Il suo carattere bonario e sempre allegro era completamente scomparso. Quello che non aveva mai fatto prima, combattere! Ora gli uscivano dalla bocca parole terribili tutte d’un fiato e aveva persino voglia di uccidere qualcuno. E il dolore continuava ad aumentare.

Tra i brividi durante l’attesa al pronto soccorso e il dolore insopportabile, la febbre scoppiò all’improvviso. Il dolore alle estremità e i brividi alla schiena, proprio tra le scapole. Tremori fortissimi, intensi. Anche i denti che battevano.

Don Severino era freddo e non pensava minimamente di scoprirsi nonostante la febbre alta. La sua pelle era secca, asciutta e bruciava, anche con una sensazione di forte bruciore nei polmoni.

Aveva solo bisogno di una boccata d’aria fresca, ma era immerso in sudori freddi e l’odore del suo corpo era diventato insopportabile, come di carogna.
La situazione era diventata improvvisamente grave e la famiglia chiamò in lacrime l’amico medico omeopata implorando il suo intervento.
Ovviamente l’amico arrivò subito perché don Severino non riusciva a muoversi e già delirava per il dolore, la paura e la disperazione.

Gli fu subito diagnosticata una febbre settica e il magnifico Pyrogenium alla potenza di 200ch in una sola dose fece il miracolo di far scomparire il sudore settico in meno di 12 ore. Il dosaggio fu ripetuto e la condizione settica si attenuò. Don Severino si sentì rinvigorito e cominciò a mordersi la lingua perché non aveva mai “creduto” a quello che tutti gli dicevano: l’inspiegabile meraviglia del Simillimum omeopatico.

Tuttavia, il rene era ancora dolorante e la zona dove si trova il rene destro si era rigonfiata al punto da essere visibile a occhio nudo. Era rosso, ipersensibile al freddo, al tatto e a tutto, anche alla minima corrente d’aria che entrava da una qualsiasi fessura della stanza.

Evidentemente era urgente un drenaggio, ma al tatto l’ascesso sembrava duro e immaturo. Come diceva Ippocrate, “non era ancora cotto”.
Drenarlo prima del tempo sarebbe stato inefficace e gravemente dannoso, ma allo stesso tempo il dolore aumentava sempre di più e don Severino non riusciva più a sopportare nulla. Nemmeno tutta la serie di farmaci che il medico dell’ospedale voleva somministrargli perché era allergico a tutto e vomitava tutto ed era praticamente intoccabile. Tuttavia, era necessario agire in fretta perché il danno renale si stava aggravando.

Fortunatamente il suo amico medico (che era il Prof. Ortega) con la sua classica serenità, gentilezza e, naturalmente, con le sue conoscenze cliniche e di Materia Medica Omeopatica, lo tranquillizzò e gli prescrisse Hepar sulfur 30CH. 1 globulo sciolto in mezzo litro d’acqua. E da lì prendere un cucchiaino, sempre agitando prima, ogni 3 ore. Finché non si verificano reazioni particolari che fanno interrompere completamente l’assunzione del rimedio. Naturalmente, raccomandò di tener d’occhio l’evoluzione in tutti i particolari.

E sì, il Prof. Ortega non esitava a somministrare questo rimedio chiamato “il bisturi omeopatico” e di cui Kent, uno dei più importanti maestri americani nella storia dell’Omeopatia, disse che avrebbe preferito trovarsi in una stanza buia con un uomo armato di coltello piuttosto che assumere una dose erroneamente prescritta di Hepar sulfur.

La sintesi davvero inimmaginabile per un giovane medico o un medico della vecchia scuola era vedere cosa succedeva.

L’Hepar sulfur fece maturare rapidamente l’ascesso in meno di 6 ore, cioè 2 dosi di Simillimum. Il dolore aveva cominciato a diminuire già dalla prima dose, dopo un momento di intensificazione. Il timore, logicamente, era che si aprisse all’interno del corpo e causasse una setticemia devastante. Invece, è successo che l’organismo si è svuotato da solo.

Improvvisamente, rapidamente, in un punto cominciò a comparire un’area molto più rossa. Quest’area è diventata più concentrata e allungata. Cominciò a comparire un’area gialla, che era chiaramente un punto di pus. Tutta l’area circostante divenne sempre più rossa, sempre più scura, e una palla sempre più evidentemente piena di pus comparve… fino a quando, sorprendentemente, esplose.

Un drenaggio spontaneo era inimmaginabile in quella zona, soprattutto per la natura interna del problema e per la sua pericolosità.

Tuttavia, Don Severino, sorpreso dell’accaduto ma felice di ciò che stava vivendo, in meno di 24 ore con il suo amico omeopata, risolse felicemente ciò che avrebbe potuto essere non solo doloroso ma anche fatale.

È stata la sua confessione finale a completare la comprensione di ciò che era accaduto. E perché. Tutto era iniziato circa sei mesi prima, quando aveva scoperto che il fratello maggiore aveva commesso un grosso sbaglio e aveva rubato tutta l’eredità della madre che apparteneva anche a lui.

Era un tradimento che Don Severino non avrebbe mai potuto immaginare, così come la catastrofe di essere “derubato” economicamente, soprattutto alla sua età.
Il dolore, l’odio, il desiderio di uccidere il fratello e soprattutto la cognata, che era stata colei che aveva architettato l’appropriazione indebita, la necessità di contenersi per evitare il peggio e la paura dell’indigenza, delle conseguenze di essere lasciati per strada senza nulla per sé e per i propri figli. Tutto questo era una bomba che negli ultimi mesi gli aveva tolto la forza e la gioia di vivere. E si è conclusa con un ascesso al rene destro, la forma più evidente del conflitto esistenziale di don Severino.

Prima con Pyrogenium e poi con Hepar sulfur l’organismo fu liberato non solo fisicamente ma anche moralmente. Don Severino confessò la sua angoscia all’amico e, sebbene il conflitto esistesse ancora, il contatto con la possibilità di morire, il dolore e anche la sana liberazione verso la salute gli permisero di avere un approccio più misurato e meno violento al problema e di decidere con più calma cosa fare.

Sarebbe stato lo stesso se un’espulsione così chiara e violenta della sofferenza totale di don Severino fosse stata soppressa con farmaci antipiretici, antibiotici, antinfiammatori, antidepressivi e antistimolanti? Evidentemente NO.

Come contenere il vulcano, il fuoco e la lava che eruttava nel corpo e nell’anima di don Severino? Costringerlo a esplodere dentro sarebbe stato l’inizio di un calvario fisico e morale che lo avrebbe accompagnato fino alla morte. I sintomi dell’ultima manifestazione si sarebbero sovrapposti per un po’ di tempo.

Dopo il drenaggio forzato, è molto probabile che l’organismo avrebbe cercato di ripetere la protesta per farsi sentire ma a livelli più gravi, con più debolezza fisica e con molta più mortificazione morale. In altre parole, una prognosi molto più triste e cupa.

Tuttavia, il Simillimum del primo momento e il Simillimum nel secondo momento, due rimedi diversi che si completavano a vicenda nella loro successiva buona azione, portarono Don Severino in brevissimo tempo al benessere fisico e morale, all’interno della realtà dei suoi problemi e soprattutto a sentirsi nuovamente e meglio “padrone di sé”.

0 commenti

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti.

Share This