Redazione - Tempo di lettura 3 min.

Omeopatia e medicina orientale per il cancro di Léo

Il leone dello zoo di Recife è troppo vecchio per essere sottoposto a chemioterapia o interventi chirurgici

21 anni, per un leone, sono davvero tanti. Per questo allo zoo botanico Dois Irmãos State Park di Recife, in Brasile, tutti vogliono bene a Léo. Quando gli hanno diagnosticato una neoplasia – un tipo di cancro comune negli animali anziani – alla regione gengivale sotto il canino inferiore sinistro, è stato un brutto colpo per le persone che se ne prendono cura. Léo, poi, ha anche una funzionalità epatica compromessa, che rende difficile la somministrazione di farmaci. I veterinari, però, non si sono dati per vinti, e hanno avviato un trattamento omeopatico speciale per contenere la malattia e garantirne il benessere.

Omeopatia e medicina orientale per il cancro di Léo

Secondo i dati dell’Associazione degli zoo e degli acquari del Brasile (AZAB), i leoni vivono in media 12 anni in vita libera e circa 20 anni in cattività. “Léo è molto vecchio, e questo tipo di cancro è associato alla sua età, come indicato dalla ricerca scientifica relativa ai gatti selvatici. Attualmente la neoplasia è una delle principali cause di morte di animali di questo tipo sotto cure umane ” ha spiegato il veterinario e responsabile tecnico della fauna del Parco, Márcio Silva.

Un leone sempre in salute e circondato d’affetto

Secondo Silva la malattia non ha alcuna relazione con la sua storia. Léo ha sempre goduto di ottima salute, né ha mai presentato complicazioni. “Lo abbiamo

Non solo leoni: sono tantissimi gli animali di cui gli addetti del Parque Estadual de Dois Irmãos si prendono cura ogni giorno

salvato dal circo a circa 5 mesi, molto magro, spaventato e con tutti gli artigli rimossi. Ma qui lo abbiamo curato, si è ripreso rapidamente, ha guadagnato peso, ha sviluppato un eccellente comportamento sociale con custodi, biologi e veterinari. È un animale che ha avuto una vita molto sana e piena di affetto da parte di tutti coloro che si sono presi cura di lui. Tutto questo lo ha portato a raggiungere una grande longevità. Ma purtroppo ha anche sviluppato questa malattia ”, ha sottolineato il veterinario.

17 specialisti ne hanno approntato il trattamento

La diagnosi e le cure mediche da seguire sono state valutate da un panel di 17 specialisti, collegati all’Università Federale Rurale di Pernambuco, all’Università Federale di Paraíba, a istituzioni private e al Parco stesso. Il cancro che ha colpito il leone è considerato aggressivo e, secondo il parco, non risponde bene ai trattamenti convenzionali, come la chemioterapia e la radioterapia.

Date le condizioni, niente chemio o chirurgia

La commissione di esperti ha inoltre escluso la possibilità di sottoporlo a un intervento chirurgico per asportare il tumore. Dovrebbero infati asportargli parte della mascella. Questo impedirebbe al leone di nutrirsi da solo, renderebbe impossibile gestirlo nel periodo post-operatorio e comporterebbe un rischio molto alto che l’animale possa non svegliarsi dopo la somministrazione dell’anestetico, data l’età avanzata.

I veterinari puntano su Omeopatia e medicina orientale

“Abbiamo già iniziato lo speciale trattamento a base di medicinali omeopatici e medicina orientale per diminuire il tasso di crescita del tumore – racconta Márcio Silva – Il tutto associato a farmaci che garantiscono una migliore stabilità delle cure e condizioni di vita più confortevoli. Per migliorare la funzionalità epatica, poi, abbiamo utilizzato un protettore epatico all’avanguardia, che viene inserito quotidianamente nel suo cibo”.

Da ottobre, quando sono stati rilevati i primi sintomi e sono stati svolti gli esami opportuni, il Dois Irmãos State Park ha intensificato la routine di monitoraggio di Léo, con visite e valutazioni giornaliere da parte di veterinari e biologi. Non possiamo che augurarci che torni presto in piena forma. Forza, Léo!

LEGGI ANCHE: Pinguini e Omeopatia: sarà effetto placebo?

 

 

Omeopatia e medicina orientale per il cancro di Léo

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share This