Redazione

A Juiz de Fora (Brasile) istituita commissione per l’Omeopatia

Avrà il compito di incentivare il ricorso a Omeopatia e fitoterapia
Tempo di lettura: < 1 minuto

Il Municipio di Juiz de Fora, in Brasile, ha istituito una “Commissione di Omeopatia, Fitoterapia e Piante Medicinali”, denominata CH-Fito .L’iniziativa compare tra gli atti di governo del municipio e mira a sviluppare e attuare azioni a favore dell’uso dell’Omeopatia e della Fitoterapia nel sistema sanitario comunale.

Secondo il Municipio, il gruppo si riunirà secondo un programma e avrà le seguenti responsabilità:

  • definire le azioni da attuare nella Rete Sanitaria Comunale (SUS) con l’utilizzo di piante per preparazioni omeopatiche e fitoterapiche;
  • sviluppare studi, progetti e proposte finalizzate al finanziamento e all’attuazione del programma di Omeopatia e Fitoterapia, con integrazione di azioni e servizi alla Politica Comunale Pratiche Integrative e Complementari;
  • coordinare il follow-up, l’esecuzione, il monitoraggio e la valutazione di progetti e proposte relative all’esecuzione del programma di omeopatia, fitoterapia e piante medicinali nell’ambito del Sistema Sanitario Municipale (SUS);
  • coordinare le azioni di formazione permanente con i professionisti che operano nella Rete Sanitaria Municipale (SUS);
  • coordinare l’implementazione dell’uso di medicinali omeopatici, fitoterapici e piante medicinali nella Rete Sanitaria Municipale (SUS);
  • supportare tecnicamente i professionisti della rete sanitaria comunale durante la realizzazione di progetti che utilizzano l’Omeopatia e la Fitoterapia;
  • instaurare collaborazioni istituzionali e con le istituzioni scolastiche al fine di ricercare il miglioramento tecnologico e accademico finalizzato all’utilizzo dell’Omeopatia e della fitoterapia nell’ambito del Sistema Sanitario Comunale (SUS)

Ricordiamo che ad oggi il Brasile è uno dei pochi Stati al mondo a offrire riconoscimento pubblico per le pratiche omeopatiche, che sono comprese nel Sistema Único de Saúde (SUS) e quindi co-finanziate dallo Stato.

LEGGI LA NOTIZIA SU GLOBO.COM

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti.

Share This