Rinaldo Octavio Vargas - sociologo

Geopolitica delle formiche?

Geopolitica delle formiche?

BIO – Medicina Costruzione Sociale nella Post-Modernità – Educational Papers • Anno XIII • Numero 49 • Marzo 2024   La convenzione ...
Come siamo arrivati a pensare e a parlare in termini di verità.  Quest’argomentazione non è vera!

Come siamo arrivati a pensare e a parlare in termini di verità. Quest’argomentazione non è vera!

BIO – Medicina Costruzione Sociale nella Post-Modernità – Educational Papers • Anno XIII • Numero 49 • Marzo 2024   Cosa vuol dire ...
I dinosauri hanno governato la Terra!

I dinosauri hanno governato la Terra!

BIO – Medicina Costruzione Sociale nella Post-Modernità – Educational Papers • Anno XIII • Numero 49 • Marzo 2024   La fine del Cretaceo ...
Social media: Impatto dell’iperstimolazione sulle attività predittive del cervello

Social media: Impatto dell’iperstimolazione sulle attività predittive del cervello

BIO – Medicina Costruzione Sociale nella Post-Modernità – Educational Papers • Anno X • Numero 39 • Settembre 2021   Il ruolo dei social ...
Comportamento e capacità cognitive delle piante

Comportamento e capacità cognitive delle piante

BIO – Medicina Costruzione Sociale nella Post-Modernità – Educational Papers • Anno X • Numero 39 • Settembre 2021   La cognizione nelle ...
Strutture e attività sensoriali. La fitness batte la verità

Strutture e attività sensoriali. La fitness batte la verità

BIO – Medicina Costruzione Sociale nella Post-Modernità – Educational Papers • Anno X • Numero 39 • Settembre 2021   Il caso contro ...
Cos’è “l’Occidente”?

Cos’è “l’Occidente”?

BIO – Medicina Costruzione Sociale nella Post-Modernità – Educational Papers • Anno X • Numero 40 • Dicembre 2021   Critica di Gandhi al ...
Vivere in armonia con la natura? Tra retorica e realtà.

Vivere in armonia con la natura? Tra retorica e realtà.

BIO – Medicina Costruzione Sociale nella Post-Modernità – Educational Papers • Anno X • Numero 40 • Dicembre ...
L’Antropocene: potente narrativa sul rapporto uomo e natura

L’Antropocene: potente narrativa sul rapporto uomo e natura

BIO – Medicina Costruzione Sociale nella Post-Modernità – Educational Papers • Anno X • Numero 40 • Dicembre 2021 L’influenza umana sulla ...
Spinoza e Lovelock: l’Antropocene come espressione della natura.

Spinoza e Lovelock: l’Antropocene come espressione della natura.

BIO – Medicina Costruzione Sociale nella Post-Modernità – Educational Papers • Anno X • Numero 40 • Dicembre 2021     Liberarci ...
Sfere di luce viventi – La fisica dei sistemi complessi

Sfere di luce viventi – La fisica dei sistemi complessi

BIO – Medicina Costruzione Sociale nella Post-Modernità – Educational Papers • Anno XI • Numero 41 • Marzo 2022   Quanto dovremmo ancora ...
Il concetto di memoria cellulare

Il concetto di memoria cellulare

BIO – Medicina Costruzione Sociale nella Post-Modernità – Educational Papers • Anno XI • Numero 41 • Marzo 2022 L’ascesa in sordina del ...

Rinaldo Octavio Vargas, 66 anni, sociologo. Direttore responsabile di BIO Educational Papers Medicina Costruzione Sociale nella Post-Modernità Retroscena
La mia visione del mondo e, per tanto, quanto faccio, sono pervasi dalle idee che rinunciano alle assunzioni di linearità e agli interventi metafisici nell’indagine dei sistemi dinamici. Penso addirittura che l’autopoiesi comprenda transizioni e caos. Si direbbe, allora, che mi riconosco nei paradigmi della complessità e dell’evoluzione. Da queste posizioni collaboro nella divulgazione di idee circa la complessità di ciò che siamo e del mondo a cui apparteniamo. Lo faccio con la speranza che tali idee contribuiscano a ridimensionare la presunzione del credo in una realtà semplice corredata da una verità. Penso che vivremmo meglio se, come popolazioni, potessimo riorganizzarci riconoscendo, umilmente, che siamo solo sapiens che conversano circa le loro osservazioni locali. Il mio curriculum, spero non deludervi, piuttosto che un elenco di posizioni occupate, costituisce solo un percorso di tentativi di sviluppare una qualche consapevolezza della mia esistenza sociale di fronte all’altro e agli orizzonti di senso e non senso in cui capito. Sono debitore a tutti i pensatori e studiosi che hanno fatto tramontare (prima e dopo la caduta di Nietzsche a Torino) le certezze della modernità. Mia è soltanto la furbizia di ricopiarli e disporli congiuntamente negli incisi che caratterizzano la mia scrittura. Ah, sì, mi piace parecchio cucinare ed imbandire – e certamente il buon vino.