Redazione

Agro-omeopatia: Una piccola dose potrebbe aiutare a rigenerare l’agricoltura?

Tempo di lettura: 6 minuti

L’Omeopatia per gli esseri umani ha resistito a durissimi attacchi da parte degli scettici, e, contemporaneamente, ha continuato a fornire grandi benefici. L’agro-omeopatia potrebbe contribuire alla soluzione del problema del cibo sul nostro pianeta?

Quasi sessant’anni dopo la pubblicazione di “Primavera silenziosa“, il libro di Rachel Carson, l’agricoltura convenzionale continua l’uso indiscriminato di prodotti chimici come parte dei sistemi agricoli intensivi. La Carson aveva lanciato dei severi avvertimenti sugli effetti dannosi di tali input agro-chimici e ha attirato l’attenzione sulla disinformazione diffusa dalle compagne che operavano nel settore. Gli avvertimenti di Carson rimangono attuali ancora oggi come lo erano negli anni ’60 e ’70. Eppure, a distanza di decenni, l’uso intensivo di prodotti di sintesi, la continua distruzione degli habitat e le crescenti perdite di biodiversità minacciano la vitalità di tutti i sistemi naturali di questo meraviglioso pianeta di cui siamo custodi.

Ci viene detto che il problema ambientale più urgente che ci riguarda oggi è il cambiamento climatico e il relativo riscaldamento del pianeta. Tuttavia, come esposto dalla Carson, la perdita di biodiversità dovuta alla distruzione degli ambienti naturali e degli habitat per coltivare cereali per gli esseri umani e il modello d’allevamento intensivo del bestiame, potrebbe mettere la salute umana e planetaria in uno stato di estremo pericolo. La questione è molto più complessa e la soluzione è molto più sfumata, andando oltre il semplice coltivare più cereali, creare carne coltivata in laboratorio e abbandonare la vera carne rossa così come potrai leggere in un nostro precedente articolo.

Da molto tempo stiamo promuovendo diete diverse, fortemente basate sui vegetali in gran parte non trasformati. Per alcune persone, in alcune regioni, continuare a mangiare un po’ di carne e prodotti di origine animale prodotti in sistemi agricoli rigenerativi ha senso, sia scientificamente che dal punto di vista ambientale.

Le verdure e alcuni frutti sono vitali per la salute a lungo termine. Tuttavia, l’adozione cieca di diete a base vegetale, se tali piante provengono da sistemi di produzione intensivi e non sostenibili (ad esempio, la produzione di grano in monocoltura ad alto input agrochimico), può anche essere devastante per l’ambiente e per la vitalità dei suoli necessari per prodotti sani.

Oltre ai metodi di coltivazione non rispettosi dell’ambiente, la gente è diventata così abituata ad avere un’ampia scelta di prodotti, essendo stata tentata per così tanti anni con una serie di varietà esotiche fuori stagione. Tale è lo scollamento tra le persone e la terra, che molti non hanno idea di quali colture crescano in quale stagione nel paese in cui vivono. Questo si estende anche alla provenienza del cibo – da dove viene il tuo cibo e come è stato coltivato, in modo convenzionale o attraverso metodi sostenibili e rigenerativi come l’agroecologia, il biologico e/o il biodinamico?

Nella spinta a consumare più cibi vegetali, troppo spesso si ignora il potenziale danno all’ambiente causato dai prodotti chimici agricoli utilizzati per fertilizzare le colture e uccidere i parassiti, non solo per le piante ma per il terreno in cui sono coltivate, la terra e infine la salute di coloro che consumano i prodotti.

Investire nel nostro pianeta

Siamo chiamati a “investire nel nostro pianeta”, se ne è istituita anche la giornata mondiale. Investire in nuovi modi di produzione del cibo e i beni necessari per mantenere la nostra vita moderna, ecco su cosa siamo chiamati!. Ma anche a dare la priorità alla salute delle piante che mangiamo e all’ambiente in cui vengono coltivate.

L’agro-omeopatia, conosciuta anche come Omeopatia verde, potrebbe rivelarsi un sostituto economico e naturale dei fitofarmaci usati in agricoltura?

L’Omeopatia delle piante fu menzionata per la prima volta circa 200 anni fa dal barone von Bönninghausen, allievo prediletto di Samuel Hahnemann, il fondatore dell’Omeopatia, che notò che le sue piante erano molto più sane quando dava loro dei rimedi omeopatici. Tuttavia, Hahnemann stesso non ha mai perseguito questo uso dell’omeopatia.

Agro-omeopatia, una nuova era in agricoltura?

L’Omeopatia, come modalità terapeutica, è già utilizzata con successo per sostenere la salute del bestiame. Anche se l’agro-omeopatia è relativamente nuova per quanto riguarda il suo uso in agricoltura, promette un metodo poco costoso, senza sostanze chimiche e non tossico per curare e proteggere le piante e le risorse agricole da parassiti e malattie. C’è sempre più interesse nell’uso dell’agro-omeopatia come antidoto ai danni causati dall’uso indiscriminato di prodotti chimici nell’agricoltura convenzionale.

La ricerca sull’uso dell’Omeopatia per le piante iniziò seriamente alla fine del XIX secolo, quando Rudolf Steiner iniziò a sperimentare i rimedi omeopatici in combinazione con il suo lavoro sui metodi di agricoltura biodinamica. Lilly Kolisko, un’allieva di Steiner, e Hugo Junker continuarono le ricerche sull’agro-omeopatia all’inizio del XX secolo. Tuttavia, è venuta veramente alla ribalta alla fine degli anni ’80 dopo una scoperta casuale dell’omeopata olandese Vaikunthanath das Kaviraj, che l’uso della belladonna poteva contrastare una malattia simile alla scarlattina nei meli.

Kaviraj si trasferì in Australia per continuare il suo lavoro, ma quando i suoi successi vennero a conoscenza delle autorità agricole e dell’industria agrochimica, fu introdotta una tassa per registrare i rimedi omeopatici che allora vendeva. Il risultato? Fu effettivamente messo fuori gioco in Australia e tornò nei Paesi Bassi.

Partner perfetti?

Negli ultimi anni l’agricoltura biologica ha registrato un’enorme crescita di popolarità, grazie alla maggiore consapevolezza dei danni causati dall’agricoltura convenzionale e alla ricerca di modi per proteggere la propria salute e il pianeta. Il suo cuore è costituito da quattro principi fondamentali:

Salute – si concentra sul sostegno e sul miglioramento della salute delle piante, del suolo, degli animali, dell’uomo e del pianeta nel suo complesso.

Ecologia – lavora con i sistemi ecologici viventi e i cicli per sostenerli

Equità – trattare equamente tutti i soggetti coinvolti nel ciclo di vita del biologico, siano essi agricoltori, fornitori, commercianti o consumatori.

Cura – incoraggiare l’uso responsabile delle risorse per proteggere le generazioni future e l’ambiente naturale.

Sebbene l’uso di alcuni prodotti chimici sia consentito, la produzione biologica attenua in larga misura gli effetti negativi causati dall’uso indiscriminato di prodotti chimici nelle pratiche agricole convenzionali. Ma a un certo livello, l’agricoltura biologica può anche essere interpretata come un tipo di agricoltura “libera da…”, in cui i fertilizzanti e i pesticidi sintetici vengono omessi. È proprio così che viene vista da alcuni grandi produttori agricoli per i supermercati di tutto il mondo. In questo tipo di sistemi di produzione, non è stata data priorità al nutrimento o alla creazione di biomassa organica (in particolare microrganismi e invertebrati) nel suolo o alla creazione di biodiversità in superficie (ad esempio attraverso la consociazione, la copertura, la pacciamatura, l’aumento delle risorse floreali per gli impollinatori, ecc.)

Questa diluizione dei principi dell’agricoltura biologica da ha portato alla nozione di agricoltura rigenerativa, in cui l’accento è posto sulla rigenerazione degli habitat e della diversità. È ora un principio centrale della Soil Association, l’ente di certificazione biologica del Regno Unito e il primo certificatore biologico al mondo.

L’agricoltura biodinamica è in realtà una forma di agricoltura rigenerativa sviluppata da Rudolf Steiner. La biodinamica abbraccia tutto ciò che è l’agricoltura biologica e rigenerativa, lavorando sia a livello biologico che metafisico/spirituale. È autosufficiente, rigenerativa e lavora in armonia con la natura per massimizzare la salute e la vitalità delle colture, del suolo e del bestiame e, di conseguenza, la salute umana.

L’agro-omeopatia potrebbe dare un valido contributo alle pratiche agricole rigenerative, ma offre anche una valida alternativa alla riduzione dei prodotti chimici che danneggiano gli agro-ecosistemi, gli allevamenti animali, le piante e i microbi al loro interno e, spesso, gli habitat circostanti.

L’agro-omeopatia e i suoi benefici

Così come la medicina funzionale considera la salute della persona nella sua interezza, l’agro-omeopatia si concentra sulla salute delle piante, dei terreni vivi in cui vivono e dell’ambiente che le circonda. I rimedi vengono creati per rispondere alle esigenze specifiche delle piante e dell’ambiente in cui vengono coltivate. Ciò che funziona in un campo può non essere appropriato in un altro.

In genere, i prodotti chimici agricoli convenzionali vengono utilizzati per uccidere piante, malattie o insetti indesiderati. L’agro-omeopatia fa il contrario, rafforzando la vitalità, la forza e la resilienza di una pianta, in modo che possa scoraggiare gli attacchi dei parassiti e resistere alle malattie in modo naturale, come previsto dalla natura.

I rimedi omeopatici sono utilizzati in quantità molto più ridotte rispetto ai prodotti chimici convenzionali e non lasciano residui nocivi nell’ambiente, lasciando le piante, il suolo, l’acqua e l’ambiente circostante sicuri per la fauna selvatica che vi fa affidamento e per gli esseri umani che mangiano le piante. Di seguito sono elencati alcuni rimedi comuni:

Silicea – è spesso definita la regina dei rimedi da giardino per la sua moltitudine di applicazioni.

Arnica – aiuta a trattare le contusioni e gli shock delle piante

Helix tosta – allontana lumache e chiocciole per mesi, in modo naturale

Coccinella septempunctata – per dire addio agli afidi e ad altri insetti dal corpo molle

Bombyx processionea – dissuade i bruchi

È anche proattivo piuttosto che reattivo, consentendo ad agricoltori e giardinieri di pianificare e prepararsi alle inevitabili minacce che potrebbero danneggiare colture e piante.

E, cosa forse migliore di tutte, è stato dimostrato che l’uso di rimedi omeopatici migliora la produzione di metaboliti secondari delle piante, noti come sostanze fitochimiche, che a loro volta sono altamente benefiche per la salute umana.

In definitiva, l’agro-omeopatia potrebbe essere una soluzione vantaggiosa per tutti in termini di risparmio economico, riduzione del consumo di risorse e salvaguardia dell’ambiente e della salute del pianeta per le generazioni future.

 

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti.