Redazione

Cos’è l’ipnagogia e perché l’Omeopatia può aiutarti

L'ipnagogia si verifica durante la transizione tra la veglia e il sonno. È una condizione normale, ma a volte può diventare problematica e portare stati allucinatori
25 Gennaio, 2024
Tempo di lettura: 2 minuti

L’ipnagogia è uno stato complesso che si verifica durante la transizione tra la veglia e il sonno. Questo fenomeno coinvolge la manifestazione di immagini, suoni o sensazioni intense, spesso accompagnate da una sorta di “sogno lucido”. Circa il 70% delle persone sperimenta l’ipnagogia almeno una volta nella vita, secondo dati pubblicati dalla Cleveland Clinic. Durante questo stato transitorio, le persone possono vivere esperienze allucinatorie, come la sensazione di cadere nello spazio, che spesso porta a un risveglio improvviso.

Approfondimento sull’Ipnagogia e rischi per la salute

Un articolo del 2016 pubblicato su Schizophrenia Bulletin, intitolato “What is the Link Between Hallucinations, Dreams, and Hypnagogic-Hypnopompic Experiences?“, ha descritto l’ipnagogia come una condizione normale, che la maggior parte delle persone sperimenta regolarmente. Durante lo stato di ipnagogia, il cervello attraversa una fase di transizione complessa. Sebbene la maggior parte delle persone possa sperimentare sensazioni leggere di caduta, volo o presenza di qualcun altro nella stanza, in alcuni casi, l’ipnagogia può portare a allucinazioni più intense. Queste allucinazioni possono variare da esperienze surreali a visioni spaventose, con il potenziale di causare disturbi del sonno più gravi. Le persone più inclini a sperimentare l’ipnagogia sono spesso quelle che lamentano una bassa qualità del sonno o che soffrono di condizioni cliniche come l’insonnia, il disturbo da stress post-traumatico, la depressione o l’ansia.

Approccio Omeopatico a L’Ipnagogia

Nel trattamento dell’ipnagogia, l’Omeopatia offre diversi rimedi per i problemi del sonno. La natura dell’Omeopatia è tale che i farmaci non sono specifici per una singola malattia, ma sono selezionati in base alla costituzione generale del paziente. Tra i rimedi omeopatici suggeriti per calmare la mente e affrontare specificamente l’ipnagogia ci sono il Kali phosphoricum e la tintura madre di Passiflora incarnata. È fondamentale, tuttavia, consultare un medico per ottenere il trattamento più adatto: non ci stancheremo mai di ripetere che in Omeopatia è impossibile prescrivere un medicinale solo in base a un sintomo, senza uno studio approfondito sulle caratteristiche fisiche e psichiche del singolo paziente. Anche alcune posture yoga, come la posizione del cadavere (shavasana), la posizione del capo al ginocchio (janu shirsasana) e la posizione dell’utensile (shashankasana), insieme alla meditazione guidata, possono contribuire ad alleviare i sintomi.

Approcci Alternativi e Olistici

Oltre all’Omeopatia, esistono diverse opzioni terapeutiche alternative, come l’ayurveda, l’agopuntura e la riflessologia, che possono contribuire positivamente al trattamento dell’ipnagogia. È importante sottolineare che l’insonnia e i problemi del sonno possono creare squilibri a livello cellulare, preludendo a problemi di salute. Pertanto, l’approccio al trattamento dovrebbe essere personalizzato e indirizzato alle cause sottostanti.

Conclusioni

Migliorare la qualità del sonno richiede l’individuazione delle cause sottostanti. Dall’Omeopatia ad altre pratiche olistiche, come le tecniche di respirazione e l’evitare stimoli mentali ed elettronici prima di dormire, ci sono diverse opzioni per affrontare l’ipnagogia e garantire un riposo notturno sano. Trattare il problema alle sue radici è essenziale per ridurne gli effetti e migliorare la qualità generale del sonno.

LEGGI ANCHE: Perché è necessario dormire bene: ecco tutti i benefici

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti.

Share This