Redazione

HRI (Homeopathy Research Institute) commenta l’articolo del BMJ sulle distorsioni nelle ricerche riguardanti l’Omeopatia

Una ricerca riporta che i livelli di bias negli articoli scientifici, che possono portare alla sovrastima dei benefici dei trattamenti, sono più bassi nella ricerca sull'Omeopatia che nella ricerca medica convenzionale
Tempo di lettura: 3 minuti

Un nuovo studio di Gartlehner et al. evidenzia un problema ben noto che riguarda tutte le aree della ricerca medica, noto come ‘reporting bias’, che può distorcere l’evidenza complessiva di quanto sia efficace un trattamento medico, di solito sovrastimando i benefici.

I resoconti dei media basati su questo studio, sostengono che i benefici dell’omeopatia sono stati “sostanzialmente sovrastimati”, non menzionando la dichiarazione degli stessi autori che il reporting bias “non è un fenomeno limitato all’omeopatia” – si verifica in tutte le aree della ricerca clinica.

Tuttavia, scegliendo di concentrarsi solo sul fatto che questo problema colpirebbe la base delle prove dell’omeopatia, questo nuovo studio ha fornito nuove importanti intuizioni, mostrando che il settore della ricerca sull’omeopatia sembra superare la medicina convenzionale per quanto riguarda gli standard scientifici ed etici, con livelli inferiori di reporting bias. Esempi importanti di bias segnalati includono il “bias di pubblicazione”, cioè non tutti gli studi vengono pubblicati, con studi positivi che hanno più probabilità di essere pubblicati rispetto a quelli negativi. Un’altra distorsione è il cambiamento dell'”esito primario”, cioè quale sintomo/misura (tra i vari monitorati durante uno studio) dovrebbe essere considerato il “risultato” principale per determinare se il farmaco testato è efficace o meno.

Gli autori affermano che “la mancata pubblicazione dei risultati degli studi e la segnalazione selettiva dei risultati … non è un fenomeno limitato all’omeopatia”, ma non hanno fornito un contesto adeguato per i loro risultati, non facendo alcun confronto diretto con altre aree di ricerca clinica. Studi precedenti pubblicati nel BMJ (British Medical Journal) hanno esaminato i bias di segnalazione in tutti i campi medici:

La metà di tutti gli studi clinici registrati nella medicina convenzionale non riportano i loro risultati entro un periodo di 12 mesi; mentre il 62% di tutti gli studi registrati sull’omeopatia raggiungono la pubblicazione.

Le incongruenze nella segnalazione dei risultati primari si verificano nel 43% degli studi di medicina convenzionale, mentre questo si verifica solo nel 25% degli studi omeopatici pubblicati.

Il lavoro del Dr. Robert Mathie, un ricercatore affiliato all’HRI, è stato riconosciuto come un “punto di riferimento per le revisioni sistematiche” degli studi che valutano gli effetti del trattamento omeopatico, utilizzato come punto di partenza per l’analisi del BMJ. Il potenziale impatto dei risultati non registrati/non pubblicati sulle stime degli effetti del trattamento è ben noto, ma per l’omeopatia, secondo Gartlehner et al, l’impatto può essere minimo, o nullo: “la differenza nelle dimensioni degli effetti tra studi registrati e non registrati non ha raggiunto la significatività statistica”.

È quindi sorprendente vedere gli autori affermare che le meta-analisi di riferimento del dottor Mathie “potrebbero sostanzialmente sovrastimare il vero effetto di trattamento dei rimedi omeopatici e devono essere interpretati con cautela”. Fortunatamente, hanno qualificato le loro scoperte con la parola “potrebbe”, poiché un esame approfondito del loro studio rivela che questa affermazione non è supportata dai loro dati.

Le revisioni del dottor Mathie, che forniscono la sintesi più rigorosa delle prove cliniche in omeopatia fino ad oggi, rimangono valide: le conclusioni riguardanti la dimensione degli effetti benefici del trattamento omeopatico si basavano solo sugli studi di altissima qualità, che avevano un basso rischio di distorsione. Poiché la maggior parte degli studi non registrati hanno un alto rischio di distorsione, essi non avrebbero influenzato le conclusioni di queste revisioni.

Mentre sono stati chiaramente fatti dei tentativi di usare questo nuovo studio per minare la base delle prove dell’omeopatia, sostenendo una “cattiva pratica di ricerca“, tali affermazioni sono completamente infondate.

Come spiega il dottor Alexander Tournier, direttore esecutivo dell’HRI, “La distorsione dei resoconti è un problema ben riconosciuto in tutte le aree della ricerca medica, quindi non sorprende che si verifichi nella ricerca sull’omeopatia. La scoperta più interessante di questo nuovo studio, pubblicato su ‘BMJ Evidence Based Medicine’, è che ora sappiamo che l’omeopatia supera la medicina convenzionale sotto questo aspetto, con livelli inferiori di reporting bias“.

HRI è impegnata a promuovere e sostenere la più alta qualità della ricerca: sostiene quindi tutti gli sforzi che vengono fatti per ridurre i reporting bias nella ricerca clinica per informare più accuratamente le scelte sanitarie. Nel frattempo, è rassicurante per i pazienti, i decisori politici e gli scienziati sapere ora che, contrariamente alle affermazioni di questi autori, la base di prove cliniche dell’omeopatia non ha bisogno di una “interpretazione più cauta” di qualsiasi altra prova scientifica.

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti.