L’Omeopatia nel trattamento del Long COVID nei bambini

La medicina omeopatica ha più volte dimostrato la sua efficacia, e non sono per i problemi respiratori
Tempo di lettura: 2 minuti

A marzo 2020 nessuno avrebbe potuto immaginare fino a che punto l’arrivo del virus Sars-Cov-2 avrebbe messo sotto stress i sistemi sanitari di tutto il mondo. Ancora oggi, a due anni di distanza e con una copertura vaccinale molto elevata, il virus e le sue sottovarianti continuano a mettere a rischio la salute di tutti noi. Certo, la percezione del rischio ora è molto ridotta, per una serie di motivi: la larga diffusione di varianti meno aggressive, la protezione offerta dai vaccini e, diciamolo, anche una certa sovraesposizione alle notizie che riguardano il COVID. Ma ciò non vuol dire che il problema sia superato, soprattutto per i più fragili e per i bambini.

L’Omeopatia nel trattamento del Long COVID nei bambini

Sebbene il COVID-19 inizi con lievi sintomi simil-influenzali, può capitare che si diffonda gradualmente ad altri organi e comporti sintomi gravi. Il virus colpisce in particolare la parte superiore o inferiore delle vie respiratorie, e in alcuni casi l’infezione può raggiungere anche gli alveoli (piccole sacche d’aria) che trasferiscono l’ossigeno ai globuli rossi. Ciò può causare tosse secca, mal di gola, respiro affannoso, difficoltà respiratorie, aumento della frequenza cardiaca e polmonite, seguiti da infezioni polmonari in cui gli alveoli si infiammano. Il COVID-19 è direttamente correlato alla sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS). I suoi effetti avversi continuano a disturbare il sistema respiratorio di ogni individuo (compresi i bambini) anche dopo la guarigione.

I rimedi omeopatici più utilizzati

L’Omeopatia può essere di grande aiuto in questi casi, e questo per almeno due diversi motivi. Il primo è che i medicinali omeopatici aiutano a rafforzare il sistema immunitario, e sono particolarmente indicati per i più piccoli data la loro atossicità. Il secondo è che se c’è un ambito in cui l’Omeopatia ha dimostrato di avere grande efficacia, questo è proprio quello delle malattie respiratorie, senza provocare alcun effetto collaterale.

Come sulle pagine di Generiamo Salute vi abbiamo più volte spiegato, l’Omeopatia non punta a curare (o anche solo attutire) il sintomo, ma piuttosto ad agire sulle cause che hanno portato il corpo a reagire in quel modo ad una sollecitazione esterna, come può essere quella del virus. Alcuni dei rimedi omeopatici prescritti per problemi respiratori sono Aconitum napellus, Hepar sulphur, Belladonna, Antimonium tartaricum e Bryonia alba. Ricordiamo, però, che prima di assumere tali medicinali è sempre consigliabile consultare un omeopata.

Non solo problemi respiratori

I problemi respiratori non sono, purtroppo, gli unici che possono colpire i bambini anche mesi dopo la guarigione. I pazienti indicano spesso depressione, problemi gastro-intestinali, sfoghi cutanei e prolungato senso di debolezza tra i problemi riscontrati. Per ognuno di essi, e in modi diversi, l’Omeopatia ha dimostrato di poter essere una valida alleata. Uno studio riportato da Homeopathy360.com riporta che su 25 casi di diarrea acuta, il 97% dei casi è stato superato. Allo stesso modo, la rivista Psychosomatic Research pubblicò nel 2004 uno studio sull’efficacia del trattamento omeopatico individualizzato per la sindrome da stanchezza cronica. I dati dello studio, durato 6 mesi, hanno mostrato che il trattamento omeopatico ha avuto un’efficacia sensibilmente maggiore rispetto al placebo.

Leggi anche

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti.