Redazione

Dormire poco aumenta il rischio di infiammazioni

Tempo di lettura: 3 minuti

Una continuata mancanza di sonno ha un impatto negativo sulle cellule staminali immunitarie, aumentando il rischio di disturbi infiammatori e malattie cardiache.

La privazione del sonno altera la struttura del DNA all’interno delle cellule immunitarie e ne aumenta il numero, il che le fa reagire in modo eccessivo e scatenare l’infiammazione. Lo studio ha scoperto che recuperare il sonno non inverte questo effetto.

La mancanza cronica di sonno può influenzare negativamente le cellule immunitarie, e può portare a disturbi infiammatori e malattie cardiovascolari. Questo secondo un nuovo studio della Icahn School of Medicine of Mount Sinai (New York- US). Più specificamente, perdere costantemente un’ora e mezza di sonno a notte aumenta potenzialmente il rischio.

La ricerca, pubblicata il 21 settembre sul Journal of Experimental Medicine, è la prima a dimostrare che la mancata qualità del sonno altera la struttura del DNA all’interno delle cellule staminali immunitarie che producono globuli bianchi, note anche come cellule immunitarie, e questo può avere un impatto duraturo sulla flogosi e contribuire alle malattie infiammatorie.

Le cellule immunitarie combattono le infezioni, ma se il numero di queste cellule diventa troppo alto, reagiscono in modo abnorme e causano infiammazione. Questa ricerca è anche la prima a dimostrare che recuperare il sonno non inverte gli effetti dell’interruzione del sonno.

“Questo studio inizia con l’identificare i meccanismi biologici che collegano il sonno e la salute immunologica a lungo termine. Mostra che negli esseri umani e nei topi, il sonno interrotto ha una profonda influenza sulla programmazione delle cellule immunitarie e sul tasso di produzione, facendole perdere i loro effetti protettivi e peggiorare effettivamente le infezioni, e questi cambiamenti sono duraturi.

“Questo è importante perché è l’ennesima osservazione chiave che il sonno riduce l’infiammazione e, al contrario, che l’interruzione del sonno aumenta l’infiammazione”, afferma l’autore principale Filip Swirski, PhD, direttore dell’Istituto di ricerca cardiovascolare di Icahn Mount Sinai.

“Questo lavoro sottolinea l’importanza per gli adulti del dormire costantemente da sette a otto ore al giorno per aiutare a prevenire l’infiammazione e le malattie, specialmente per quelli con condizioni mediche di base”.

Un team di investigatori ha analizzato 14 adulti sani che dormono regolarmente otto ore a notte. In primo luogo, i ricercatori li hanno monitorati durante il sonno per almeno otto ore a notte, per sei settimane. Hanno prelevato il sangue e hanno analizzato le loro cellule immunitarie. Poi, lo stesso gruppo di adulti ha ridotto il loro tempo di sonno di 90 minuti ogni notte per sei settimane e il loro sangue è stato rianalizzato. 

Al termine dello studio i ricercatori hanno confrontato i campioni di sangue e cellule dal sonno notturno intero e dai periodi di sonno limitati.

Tutti i partecipanti hanno avuto cambiamenti significativi nelle loro cellule immunitarie (note anche come cellule ematopoietiche) a causa della mancanza di sonno: ce n’erano più, e la struttura del DNA è stata alterata. Dopo sei settimane di restrizione del sonno, hanno avuto un aumento del numero di cellule immunitarie.

I ricercatori hanno anche analizzato il sonno nei topi. I gruppi di topi sono stati fatti dormire indisturbati o hanno avuto la frammentazione del sonno, dove sono stati svegliati durante la notte per 16 settimane. Poi, i topi con frammentazione del sonno hanno subito un recupero ininterrotto del sonno per dieci settimane.

Gli investigatori hanno preso le cellule staminali immunitarie e le cellule immunitarie dai topi durante queste fasi indisturbate, frammentate e di recupero del sonno, le hanno analizzate e le hanno confrontate alla fine dell’esperimento.

I risultati nei topi erano coerenti con i risultati negli esseri umani. Hanno dimostrato che tutti i topi con sonno frammentato hanno avuto cambiamenti significativi nelle loro cellule staminali immunitarie, producendo un maggior numero di esse, e hanno anche mostrato prove di ricablaggio e riprogrammazione.

Una scoperta notevole del gruppo di topi è stata che anche dopo il recupero del sonno, le cellule staminali immunitarie hanno mantenuto questa struttura di riclabaggio e hanno continuato a produrre ulteriori globuli bianchi, rendendo i topi suscettibili all’infiammazione e alle malattie.

“I nostri risultati suggeriscono che il recupero del sonno non è in grado di invertire completamente gli effetti del sonno di scarsa qualità. Possiamo rilevare un’impronta molecolare di sonno insufficiente nelle cellule staminali immunitarie, anche dopo settimane di sonno di recupero”.

“Questa impronta molecolare può far sì che le cellule rispondano in modi inappropriati che portino a infiammazione e malattie”, afferma il co-leader del gruppo di ricerca Cameron McAlpine, PhD, assistente professore di medicina (cardiologia) presso Icahn Mount Sinai.

“È stato sorprendente scoprire che non tutti i gruppi di cellule staminali rispondevano al sonno insufficiente allo stesso modo. C’erano alcuni gruppi di cellule staminali che proliferavano e crescevano in numero, mentre altri cluster sono diventati più piccoli. Questa riduzione della diversità generale e dell’invecchiamento della popolazione di cellule staminali immunitarie è un importante contributo alle malattie infiammatorie e alle malattie cardiovascolari”.

Autore: Ilana Nikravesh
Fonte: Mount Sinai Hospital

Traduzione a cura di Generiamo Salute

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti.