Lucille

L’effetto curativo del rimedio omeopatico

Tempo di lettura: 6 minuti

Diversi lettori mi hanno chiesto come sia possibile che dopo aver preso un rimedio ci sia a volte una modifica e una correzione così rapida e completa dello stato totale della sofferenza del paziente. E mi hanno anche chiesto perché a volte non è così.

Vorrei rispondere a questa domanda spiegandola in modo chiaro con esempi chiari.  Con una spiegazione dell’applicazione omeopatica classica, sia metodologica che dottrinale, chiara, accessibile e convincente per tutti. In altre parole, “scientifico”.

Perché a volte è così?

Quando si parla dell’effetto curativo di un rimedio, si entra nella parte più pratica e metodica.  Il suo nucleo sta nell’applicazione della Legge di Guarigione, la Legge del Simili, scoperta ed enunciata da Hahnemann attraverso la Sperimentazione Pura di ogni sostanza nell’Universo e nell’identificazione chiara, esatta e precisa dei cosiddetti sintomi caratteristici. Tutto questo è già stato detto molte volte. Questo, che a prima vista sembra scontato, deve essere il punto di arrivo di una serie di valutazioni complesse dell’igiene di vita e delle abitudini, delle possibilità biologiche e della realtà concreta dello squilibrio attuale della storia di vita e della sofferenza di qualsiasi malato, compreso il suo senso di proiezione e di futuro, i suoi sogni reali. In altre parole, la complessità della patologia in cui la diagnosi fisiologica e/o lesionale non ha l’ultima parola, come cercherò di dimostrare.

I primi esempi hanno la caratteristica di essere tanto severi quanto chiari, al punto che non c’è stato il tempo di indagare tutto il loro background storico e personale.

Entrambi i pazienti in cui la sofferenza si trova solo nella sfera emotiva. Entrambi con la diagnosi nosologica (ufficiale) di grave nevrosi cronica depressiva ansiosa. Entrambi nel mezzo della vita. Entrambi maschi ed entrambi vengono senza desiderio di parlare o raccontare nulla della loro esistenza, solo il loro tormento.

Giovanni è cupo e taciturno

Giovanni è un giovane uomo di circa 35 anni. Alto, snello, con linee sottili. È silenzioso, ritirato. Si lamenta che dalla pubertà sente un’apatia che non lo lascia vivere. Si sente sempre esausto per tutto. Non riesce a concentrarsi. Non può pensare. Non è interessato a nulla perché ha una costante sensazione di incapacità. Pieno di ansia e paura della malattia. Soprattutto di morire, anche con una sensazione costante di morte. Sempre con la sensazione che stia per succedere qualcosa. Non vive. È triste. Con una malinconia che lo isola. Gli dà fastidio che gli si parli perché si sente confuso e stordito e risponde con grande difficoltà. È sempre taciturno, cupo. 

Quando si sente meglio si sente sovraeccitato e non dorme perché è molto sensibile e pieno di paura al buio.  È pieno di pensieri tristi sulla sofferenza di tutti e sulla sua, con un desiderio incontrollabile di piangere. Sente dei rumori, vede dei fantasmi o immagina involontariamente dei pericoli che lo spaventano, dei ladri. E altre cose.

Non posso vivere così e negli anni in cui ho preso antidepressivi per un breve periodo non è cambiato nulla. Non voglio prenderli.

Questa è l’immagine della sofferenza. Una serie di sintomi organizzati in un modo di essere e di stare al mondo che sfociano nel suo comportamento squilibrato e nel suo conflitto esistenziale. La sua sofferenza individuale e sociale.

Spontaneamente ha detto tutto ciò che è predominante, straordinario e peculiare del suo modo di soffrire. Il suo modo di essere incapace di vivere ciò che gli corrisponderebbe in modo adeguato, naturale.

Un’immagine di sofferenza facilmente riconoscibile da qualsiasi medico omeopatico esperto come un’immagine di PHOSPHORUS FLAVUS.

Gli è stato dato il fosforo 6LM (scala cinquantamillesimale)

3 granuli una volta al giorno… allontanandosi man mano che si sentiva meglio. Massimo 7 volte se la situazione è rimasta la stessa e poi darmi notizie.

Il paziente è scomparso per 3 mesi. Quando è tornato è entrato sorridente e allegro.

Non mi ha dato quasi il tempo di fare domande. Mi ha detto subito: “Non sono venuto prima perché ho aspettato di vedere se era qualcosa di temporaneo. Non potevo crederci. Ha iniziato a guarire abbastanza rapidamente, anche se poco a poco. Non mi ha riconosciuto. Immaginate che avevo persino voglia di fare battute, cosa che non credo di aver fatto per 20 anni. Ho aspettato e sono ancora così di buon umore che a volte non dormo perché sono così eccitato”.

Manuel: la depressione come compagna di vita

Avevo appena iniziato la mia esperienza in Spagna come medico in punta di piedi nell’omeopatia senza una seria formazione. Avevo solo studiato e letto da autodidatta. Naturalmente, a parte il mio entusiasmo, ero piena di dubbi e ignoranza e lo sottolineo perché non potevo avere alcun potere di suggestione con il paziente.

È apparso Manuel. Un uomo di 45 anni con un viso color terra e un’espressione scura di grande angoscia. Appena gli chiesi cosa lo avesse portato alla pratica omeopatica, mi disse: “Questa è l’ultima possibilità. Se non lo risolvo, mi ucciderò. Sono nato con una depressione endogena ereditaria che mi porto dietro da quando ero bambino. Due zii della mia famiglia si sono suicidati. Mio padre è sempre stato un depresso e abbiamo avuto una vita infernale. Ho iniziato ad avere stati depressivi dalla pubertà. Non ho osato fare nulla. Volevo fare molte cose e tutto era difficile per me. Mi sono isolato per incompetenza con gli altri, pieno di rabbia, arreso a qualsiasi sfida che è tipica dei giovani, e sono ancora così, solo peggio. Mi sento inutile e mi vergogno di stare in pubblico. Sento di non meritare nulla. Che sono un essere senza posto nel mondo e che non merito di vivere o di stare con gli altri. Penso costantemente a buttarmi da un balcone o sotto un treno o a schiantarmi con la macchina. Mi dispero dentro di me al massimo, mi trattengo perché ho due figli e una moglie che amo, ma non posso fare di più. Se non risolvo… lo farò. Non voglio sottoporre la mia famiglia all’inferno che è stata la mia vita con mio padre, sempre triste senza respiro e senza far respirare nessuno”.

Detto questo, ho iniziato a studiare nella mia ignoranza di apprendista. Il quadro era straordinariamente simile alla sperimentazione di cui si parla nell’Aurum Metallicum. Ignorando la forza delle potenze dei rimedi omeopatici, gli ho dato 3 granuli di Aurum Metallicum 90 LM, cioè 90 cinquantamillesimale, che significa diluito cinquantamila volte, e quindi senza la minima ombra di materia o struttura molecolare. Una potenza così forte che oggi credo che non sarei in grado di prescriverla come primo rimedio a nessun paziente depresso. L’ho dato solo una volta con il consiglio di riferirmi dopo una settimana.

Il paziente non tornò più e io, in cuor mio, pensai tristemente che si fosse suicidato.  Tuttavia, l’incredibile sorpresa fu che 5 anni dopo, quando già vivevo in Messico, il paziente mi telefonò. Mi aveva cercato per cielo, mare e terra per anni per ringraziarmi. Ha detto: “Non mi sono dato pace finché non l’ho trovata. Devo ringraziarla con tutto il mio cuore. Da quando ho preso quella cosa che mi hai dato, non sono più stato depresso. La mia vita è cambiata progressivamente in quasi 15 giorni finora. Io stesso non riesco ancora a crederci.

Considerazioni metodologiche.

Come è possibile questo tipo di, direi quasi qualsiasi tipo di miracolo terapeutico? Sono coincidenze?

La risposta è NO. Non sono coincidenze. Qualsiasi medico omeopatico classico potrebbe riferire molti casi simili.

La ragione di una tale risposta è l’adempimento della Legge della Similitudine e l’avere in mano il giusto rimedio, la giusta potenza, e una ancora buona natura del paziente nonostante la gravità e nonostante qualsiasi fiducia o conoscenza dell’Omeopatia solo la necessità di guarigione come “ultima possibilità”.

Come funziona un rimedio omeopatico

Per contro-reazione. Per l’azione secondaria dell’effetto farmaco-biologico soggetto a una serie di condizioni molto precise e ben stabilite nel paragrafo 26 dell’Organon di Hahnemann.

Il paragrafo 26 dell’Organon, dove si stabilisce la Legge della Guarigione, dice esattamente: “Un affetto dinamico più debole viene distrutto permanentemente nell’organismo vivente da uno più forte, se quest’ultimo (anche se diverso nel genere) è molto simile nelle sue manifestazioni”.

In altre parole, in queste condizioni, si stabilisce un fenomeno di risposta noto oggi come “effetto paradosso”, cioè un effetto contrario alla logica dell’azione primaria del farmaco, che sarebbe quella di fornire un antinfiammatorio, anti-vitaminico, anti-coagulante, antidepressivo… L’effetto paradossale, oggi riconosciuto in tutti i tipi di ricerca scientifica che si occupano di BIOS, sarebbe come “curare creando un’alterazione dinamica dell’organismo simile a quella sofferta dal paziente nel suo insieme”, da cui la parola omeopatia (malattia simile). Per esempio: quando un alpinista si congela le mani o i piedi in montagna… non viene messo in acqua calda ma in acqua ghiacciata fino a quando non viene fatto reagire, se il suo organismo ha ancora la capacità di farlo. 

Hahnemann dà molti esempi visibili di cui scelgo uno molto attuale. Dice nella nota 14: – “In quale modo astuto il soldato annega le grida pietose del sofferente che viene punito con il passaggio delle bacchette alle orecchie dei simpatici assistenti? Con le note alte del piffero mescolate a quelle del rumoroso tamburo.”

Qual è la difficoltà nel capire questo così ovvio? La difficoltà è se siamo in grado o meno, da parte nostra, di accettare la realtà. Riuscire ad accettare, nonostante la nostra educazione materialista e meccanicista, che ciò che costituisce il movimento della vita, della salute e della malattia non è solo visibile e corporeo ma fondamentalmente dinamico e invisibile, come uno sguardo cattivo o amorevole, come un pensiero crudele o bello, come una parola opportuna o avvelenata o come l’impatto di una pietra lanciata da lontano.

Detto questo, possiamo precisare che nel caso delle due storie presentate, solo la fondamentale metodologia scientifica della Sperimentazione Pura su esseri umani sani, del metallo Fosforo e del metallo Oro, effettuata da Hahnemann, ha fatto conoscere con chiarezza, accuratezza e precisione il modo unico e irripetibile di alterare la salute umana di ognuno dei due metalli, rendendo queste sostanze disponibili al terapeuta ed elevate alla categoria dei farmaci perché sono note le loro possibilità curative, cioè il loro modo particolare e unico di guarire di ognuno di loro. In altre parole, la loro individualità medicamentosa. 

Nella saggezza popolare, il vecchio detto “chiodo schiaccia chiodo” è il modo più elementare per riconoscere la Legge di Similitudine nell’esperienza di vita di tutti i popoli.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share This