Lycopodium clavatum

COLLANA MATERIA MEDICA. Quintessenza del medicamento omeopatico. Dynamis, Virtù e Potere Curativo di Lycopodium clavatum

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti.

25 Giugno, 2024
Tempo di lettura: 10 minuti

Piede di lupo o zolfo vegetale.
Considerato una sostanza inerte fino alla sperimentazione pura di Hahnemann.
È stato attraverso il processo di triturazione, disintegrazione della materia, diluizione e succussione che è stata scoperta la sua profonda e ampia azione terapeutica.

Adatto a processi cronici di lenta evoluzione. Malattie che si sviluppano progressivamente.
Colpisce soprattutto l’apparato digerente creando una grande atonia intestinale ed epatica.
Si verifica una debolezza fisica e mentale generale con esaurimento e dimagrimento.
Altera l’intera economia dell’organismo: tessuti molli, vasi sanguigni, ossa, fegato, cuore, articolazioni e tutti i tessuti e le cellule che producono rigenerazione.

Quintessenza: Cronicità. Lateralità destra. Deperimento generale lento. Prepotenza alternata a sconforto. Egocentrismo. Individualismo. Dittatoriale.

Cronicità: si riferisce a una malattia che si protrae per un lungo periodo di tempo e non scompare rapidamente o facilmente. La cronicità è l’opposto dell’acuzie.

Lateralità destra: il lato destro riflette le relazioni sociali: vicini, partner, amici, lavoro.

Deperimento generale lento: deperimento sproporzionato e perdita di massa magra dovuti a disturbi metabolici come parte di un meccanismo di difesa.
Nel nostro caso si tratta di un fenomeno generale e lento, che interessa tutto il corpo e si manifesta progressivamente senza fermarsi…

Prepotenza alternata a sconforto: persona che si considera più importante degli altri e crede di avere una posizione di superiorità di fronte al mondo. Sconforto: stato d’animo caratterizzato da malinconia, inibizione psicomotoria e attenzione ad alcuni aspetti spiacevoli della propria esistenza…

Egocentrismo: egocentrico in modo esagerato, tanto da avere difficoltà a relazionarsi con gli altri.

Individualismo: chi è concentrato solo sul raggiungimento del proprio successo personale, senza preoccuparsi degli altri e che deve fare tutto da solo perché pensa di farlo meglio.

Dittatoriale: persona che si arroga tutti i poteri e le decisioni imponendoli agli altri e non accettando obiezioni o contrarietà.

Caratteristiche dominanti del rimedio omeopatico Lycopodium clavatum

L’aspetto caratteristico di queste persone è quello dell’invecchiamento, anche in un bambino. Con una carnagione scolorita, giallastra e malsana. Le rughe sono profonde e marcate.
Le loro alterazioni circolatorie, di piccoli e grandi vasi, sono già evidenti nelle guance del viso, con guance arrossate e microvarici venose più o meno accentuate. Le vene varicose voluminose sono frequenti anche nelle gambe snelle.

Respira con un movimento involontario delle ali del naso sincronizzato con il battito del cuore.
Non è molto muscoloso e ha un torace depresso insieme a un addome globoso che sembra essere il centro della persona. Ed è proprio da qui che deriva la maggior parte dei suoi disturbi.

In generale, peggiora con il calore, sia esterno che interno. Che si tratti di un forte sole, di uno sforzo o di un esercizio fisico. Si sente meglio se si muove e respira aria fresca. Ha bisogno di essere scoperto e soprattutto di prendere aria fresca sul viso.
Dopo la mezzanotte sta meglio, ma di solito peggiora dopo aver mangiato, tra le 16 e le 20.

In realtà è un malato con una forte tendenza alla depressione che comporta grandi disturbi emotivi. Pieno di paure. Irritazione, intolleranza a qualsiasi idea diversa. Non sembra esserlo per la sua grande attività intellettuale, con la quale cerca di compensare la sua mancanza attitudine alla socialità. Con la sua espressione intelligente, vivace e talvolta brillante, non è facile riconoscere che in realtà ha quello che un tempo si chiamava “spirito debole”. Si sfilaccia facilmente a qualsiasi cosa. Le emozioni, buone o cattive, lo travolgono. È un vero ipersensibile nervoso.
Tutto ciò che è nuovo lo infastidisce e gli ripugna il lavoro abituale, ma ha grandi difficoltà a intraprendere qualcosa di nuovo.

La stanchezza mentale gli conferisce una cattiva memoria e gli fa commettere molti errori nel parlare o nello scrivere. Non ricorda il nome di qualcosa o di qualcuno mentre parla. La parola di ciò che vuole dire non gli viene in mente.
Soffre molto di ansia da anticipazione. Paura di fare brutta figura. Paura di parlare in pubblico per timore che succeda qualcosa, di dimenticarsi  qualcosa. Ha bisogno di essere considerato, stimato e, se possibile, lusingato. In realtà si sente molto insicuro, esitante e timido anche se si presenta come una persona “perfetta”, “politicamente corretta” e realizzata.

Ha bisogno di essere importante nel suo gruppo sociale perché ha paura della solitudine. Solo quando viene offeso e umiliato preferisce stare da solo. Ha paura della gente: non si muove con sicurezza. Tende a essere riservato, taciturno e a parlare poco anche se, in genere, se parla, tende a giudicare, censurare e svalutare gli altri.

Scoraggiato. Si sveglia male pensando che non accadrà nulla di buono.
Sbadiglia spesso e più spesso dopo aver mangiato con sbadigli incompleti.
Dorme male con incubi, urla, pianti, agitazione che lo fanno svegliare di malumore.

I capelli cadono spesso e presenta alopecia in vari punti.
Caratteristico eczema del cuoio capelluto con scarico dietro le orecchie, testa pesante e dolori periodici legati a disturbi digestivi. Non può andare oltre il suo programma alimentare perché soffre di terribili mal di testa congestizi.

Palpebre sporche, arrossate e ulcerate e orzaioli cronici, nonché eczema umido sulle orecchie all’interno e all’esterno.

L’apparato digerente è al centro di tutte le manifestazioni della malattia. Può essere presente un herpes con prurito agli angoli della bocca. Alito cattivo fin dal mattino e secchezza della bocca e della lingua senza sete.
Lingua secca, sporca, screpolata e dolorosa. Anche con vesciche e afte.
Arrossamento della faringe e dolore irritante. Anche tonsille, palato e gola secchi, senza sete. Anche con ulcerazioni.
Caratteristica è l’infiammazione della tonsilla destra che si diffonde successivamente alla sinistra. Non riesce a deglutire bene. Peggiora con le bevande fredde e dopo il sonno.

Fame canina ma si sazia subito e gonfiore addominale. Alterna la fame alla sazietà. Fame anche di notte che lo fa alzare.
Non ama molti alimenti: carne, pane e tutti i cibi caldi. Desidera soprattutto i dolci e lo zucchero.
La debolezza dello stomaco provoca singhiozzi ed eruttazioni incomplete e brucianti e un sonno invincibile.
Si riempie d’aria dopo aver mangiato e i gas si imprigionano e non riesce a espellerli, per cui ha una grande distensione addominale, con fermentazioni, borborismi. Anche crampi e dolori taglienti come se l’intestino fosse strangolato.
Importanti sono le frequenti crisi biliari, con vomito violento. Tende a formare calcoli biliari e ha una continua sensazione di pienezza.
La stitichezza è dominante.  Per molti giorni non ha desiderio né stimoli. In altri momenti avverte frequenti desideri inefficaci. Sente una costrizione spasmodica con prolasso dell’ano quando fa lo sforzo di evacuare. C’è sempre una sensazione di evacuazione incompleta, come se una parte dell’intestino rimanesse all’interno.

La tendenza alla formazione di calcoli si manifesta anche a livello renale.
Spesso l’urina è sporca, fangosa, con una caratteristica polvere rossastra simile a mattoni o sabbia.  Oppure lascia un sedimento come quello del sidro in fermentazione.
La vescica, come il retto, è inattiva. Si sforza molto e deve aspettare a lungo per far uscire l’urina. La ritenzione è molto evidente e il flusso di urina è lento e ridotto. Ha la tendenza a urinare molto di più di notte.

Nella sua debolezza presenta molti disturbi genitali sia nei maschi che nelle femmine.
Nei maschi è caratteristica l’impotenza dovuta a eccessi sessuali, soprattutto alla masturbazione.
Il pene è naturalmente piccolo, freddo e morbido.
Molti disturbi alla base dello scroto, eruzioni cutanee, escoriazioni che si estendono alle cosce.
Nelle donne è caratteristica la secchezza vaginale con dolore lacerante durante i rapporti sessuali con grande bruciore. Vene varicose vulvari con tutti i fastidi e i dolori che ne conseguono.

Le mestruazioni sono soppresse o molto tardive, alternate ad altre molto abbondanti e piene di coaguli scuri. Tutto questo è accompagnato da importanti cambiamenti emotivi come tristezza, pianto, mal di testa e vari sintomi digestivi.

Il paziente respira male. Ha una scarica rumorosa cronica che lo costringe a respirare con la bocca e a dormire con la bocca aperta, con tutte le conseguenze del caso. Infatti, ha la voce biascicata. Anche le mucose della faringe e della laringe sono molto secche, con tosse secca e dura, anche di notte. Gli attacchi di tosse sono estenuanti.
La respirazione è breve, difficile e persino asmatica a causa del catarro cronico del torace.
I processi bronco-polmonari arrivano all’indurimento o all’epatizzazione, accompagnata da una copiosa espettorazione di muco denso, purulento, giallo-verdastro, giallo-verdastro e sottile, con sudorazione notturna e violenti dolori al petto, soprattutto sul lato destro.

Il sudore corporeo è viscoso e maleodorante. Ha secrezioni offensive e macchie ramate in varie parti.

La sua struttura ossea è male in arnese. Ha depositi calcarei nelle articolazioni. Gotta. Bruciore alle spalle. Dolori di trazione e debolezza con difficoltà a raddrizzarsi.

L’aggravamento pomeridiano, dalle 16 alle 20, è caratterizzato anche da febbre con sudorazione profusa e brividi con vomito acido.
In sintesi, questo malessere e fragilità di tutto il corpo si verifica nell’aspetto di una persona dominante.

Caso clinico esemplificativo

Indubbiamente, la malattia è il risultato del dialogo di ogni persona con la propria vita, con la propria storia. E questo include una buona parte non solo dell’inconscio, ma anche una buona parte dell’invisibile e dello sconosciuto.
La malattia è quella dimensione che sperimentiamo come qualcosa di strano, come il nostro “non essere”, eppure è la parte che più e meglio rivela la ragione del nostro esistere e non esistere nella vita.
Vale a dire che salute/malattia è un binomio che abbraccia con forza totale che possiamo dire “a catena” il nostro desiderato “essere/non essere” e il nostro ineluttabile “esistere/non esistere” nel corso della nostra vita transitoria e transitabile.

È stato così anche per Fermín, un giovane di 26 anni che aveva appena terminato gli ultimi esami della sua carriera medica e che sognava, naturalmente, di diventare ciò che non era ancora e che non sapeva se avrebbe potuto davvero essere: un medico straordinario, speciale, che avrebbe lasciato un segno storico nella medicina dei nostri tempi. In breve, era uno di quei rari talenti che Madre Natura genera di tanto in tanto senza il permesso di nessuno e senza sapere perché, e tanto meno per quale motivo.

Fermín era figlio di contadini. Gente senza personalità, cultura, progetti o ambizioni particolari. Il tipo di contadini che si limitano, nella vita, a ripetere ciò che hanno visto o che gli è stato insegnato. E Fermín odiava questa monotonia paludosa senza tregua, ma che faceva inevitabilmente parte del suo substrato originale più genuino.
La conseguenza aveva anche una sua espressione fisica. Fermín era un uomo così volgare che non si distingueva nemmeno per la sua bruttezza. Un maschio non virile. Non era attraente e fin dall’infanzia aveva l’aspetto di un vecchio, il che non ispirava a fare cose interessanti con lui.

In fondo Fermín era annoiato da se stesso, dal suo aspetto, dalla sua mancanza di vitalità e di vigore. Lui stesso non si sarebbe mai avvicinato a un personaggio come lui. E questo lo rendeva sempre di cattivo umore.
Fermín era invidioso. Provava disprezzo per i migliori. Aveva voglia di umiliarli. Ma tutto ciò non era “politicamente corretto”.  Si rendeva conto che non gli avrebbe permesso di avere un buon posto nella società, che, in fondo, voleva sopraffare con la sua personalità, superarla, trionfare su di essa.

Senza pensarci, come uno sviluppo naturale di fronte all’ovvia realtà e all’insormontabile contrasto, l’unica possibilità era mentire.  Mostrarsi come avrebbe voluto essere, non come era. Il suo orgoglio essenziale era troppo ferito dall’essere così poco pur desiderando di essere così tanto.
Se necessario Fermín avrebbe accettato senza scrupoli e persino volentieri, come gesto di suprema astuzia, anche di essere un grande ipocrita. In questo modo poteva ottenere molteplici vantaggi da coloro che lo circondavano, lusingandoli.

Fermín, senza rendersene conto, fin da giovanissimo, si costruiva una maschera da “superuomo” con la quale si sentiva sicuro e si mostrava con la sicurezza che sapeva benissimo di non avere, Viveva mentendo a se stesso e mentiva in tutto e per tutto: nelle sue considerazioni, nei suoi affetti, nelle sue molteplici manifestazioni verso la vita fino al punto di credere lui stesso in ciò che raccontava.
Parlava dal podio. Si era concesso tutti i diritti del “grande conoscitore di tutto” e dava ordini a destra e a manca. Non tollerava la minima contraddizione, che considerava un’insurrezione.

Il suo comportamento era ambiguo anche per se stesso. Era duro con i subalterni e i colleghi di minor temperamento e molto condiscendente, pusillanime, smidollato fino al servilismo nei confronti di capi, persone con denaro, persone con potere e persino persone con personalità e idee proprie.
In realtà Fermín non poteva accettare la vicinanza di qualcuno che potesse incrinare la sua maschera.

Come poteva essere straordinario come voleva essere?
Con questa struttura interiore che aveva forgiato nei 26 anni di crescita, il percorso era ovvio.
Fermín era sfiduciato a prescindere dalla sua realtà. Non la vedeva più. E quindi il percorso logico era quello di attaccare i grandi capi reparto dell’ospedale, i “giganti” della scienza secondo il riconoscimento sociale, per ottenere il posto migliore, anche a costo di mettere in difficoltà i suoi colleghi.

Fermín doveva soprattutto apparire superiore, e questa maschera di superiorità doveva inevitabilmente includere la presenza di un “lacchè”, un allievo servile e studioso. Una falsa modestia, insomma. Un linguaggio inevitabile per ottenere prima “di essere guardati” e possibilmente poi “di essere considerati” dagli irraggiungibili “mammut sacri”, come dicevano i medici dei reparti.

Mentre tutto questo si svolgeva come una sorta di strategia clandestina, Fermín soffriva. Non era stimato come credeva. I colleghi lo evitavano perché “si vedeva attraverso il suo piumino”, anche se lui non se ne rendeva conto. Cercava di essere divertente nelle sue valutazioni, ma tutto il veleno pungente che si portava dentro usciva in espressioni spiacevoli, umilianti e malevole che lo isolavano sempre di più.

Nonostante la giovane età, il suo corpo cominciò presto a mostrare i segni di una battaglia senza pari. Indigestioni.  Fermín non poteva più mangiare nulla con piacere.  Tutto fermentava e finiva per emettere involontariamente flatus maleodorante in gruppo, il che era causa di molte prese in giro e di ulteriore isolamento. Fermín desiderava compagnia. L’isolamento lo uccideva, anche se ci era abituato. Non aveva avuto fratelli e sorelle ed era cresciuto in un piccolo villaggio con molte persone anziane e chiuse.

E presto iniziò la sua prima grande sofferenza epatica. Gli fu diagnosticata un’epatite autoimmune con i classici sintomi: nausea, inappetenza, dolore nella zona del fegato e nell’addome superiore sul lato destro. Sclerosi itterica. Pelle giallastra. In breve, una malattia fisica cronica si era innescata sulla base di sintomi mentali già cronici.
Di fronte a questa realtà si trovò di fronte a un grande dilemma: assumere cortisone e immunosoppressori per fare bella figura con i capi o cercare altre alternative.
Ovviamente Fermín si arrese e prese Prednisone e immunosoppressori. Migliorò per qualche mese, ma la malattia e i farmaci si sommarono al suo scarso vigore naturale. Fermín era esausto.

I capelli cominciarono a cadere a ciocche, causando l’alopecia areata su varie parti della testa. La testa gli doleva ogni volta che mangiava per lo stress della vita in ospedale e per la lotta contro gli ostacoli che la vita gli aveva posto davanti. Si scervellò per capire come affrontare tutto ciò che gli stava sfuggendo di mano.
Sviluppò un eczema dietro le orecchie.

Tre anni dopo questo progressivo peggioramento, gli fu diagnosticato uno stato pre-cirrotico. Alla sua situazione emotiva già completamente esasperata si aggiunsero i classici sintomi da esaurimento. Lividi facili senza motivo, anoressia completa. Nausea continua. Gonfiore edematoso delle gambe, dei piedi, delle caviglie Perdita di peso progressiva. Ittero e prurito della pelle. Completamente insofferente, insopportabile, imperioso anche nel chiedere un bicchiere d’acqua. In breve, era fisicamente e mentalmente incapace di ottenere ciò che voleva.

In questa situazione disperata ricorse all’Omeopatia. Con grande difficoltà, a causa dei farmaci che era abituato ad assumere, iniziò il trattamento. Il rimedio Simillimum per i problemi fisici e morali era Lycopodium.
Considerando la sua cronicità, la sua età ma anche la sua giovinezza, fu iniziato il trattamento con Lycopodium 6LM: 3 granuli ogni 2 giorni… e naturalmente fu costantemente osservato mentre i farmaci che assumeva venivano lentamente ridotti.
Non dobbiamo dimenticare che la cirrosi epatica è legata a emozioni ben precise e determinate, non tanto al mangiare o al bere troppo o male.
Nel tessuto della cirrosi epatica è coinvolto il tema del risentimento con la paura, il risentimento con la svalutazione, il risentimento con l’emozione della mancanza di protezione, della separazione.

Fermín, in realtà, non riusciva a sopportare il peso della propria maschera. Una maschera dura di falsa perfezione che cercava di nascondere ciò che non avrebbe mai potuto sopportare.  Fermín non avrebbe mai potuto accettare la modestia e la mediocrità fisica e morale da cui proveniva e in cui era nato. Tanto meno la sua insignificante presenza fisica e morale.
L’impatto emotivo della “vita che mi ha tolto ingiustamente qualcosa”, la brillantezza, la bellezza, la seduzione, il trionfo naturale e biologico raggiunsero il culmine quando, crescendo, si riempì di orgoglio offeso e determinato a conquistare quei diritti per sé. Solo che Fermín trovò proprio il contrario: con la sua incapacità, con la durezza della battaglia, con il disprezzo, la derisione e uno scontro che superava tutte le sue possibilità.

Il nostro giovane Fermín era sottoposto a un’umiliazione silenziosa, persino inconsapevole, che seppelliva una bomba di rabbia contenuta, un risentimento smisurato verso i suoi colleghi e verso Dio stesso, il tutto avvolto in una maschera di “tutto buono e tutto giusto”.

Quando entrò in terapia omeopatica, a poco a poco, attraverso l’effetto davvero straordinario e silenzioso del Lycopodium clavatum, tutto questo venne alla luce dolcemente dall’interno della trasformazione di Fermín.
Due anni dopo, Fermín era un uomo diverso. La sua cirrosi si era ridimensionata, senza disturbi né sintomi, ed era diventato più maturo, più modesto, più gentile con la vita e con la propria storia e professionalmente meno presuntuoso e più “medico” perché aveva assaporato in sé la grande attrazione trasformatrice della malattia e della sofferenza.

0 commenti

Share This