Nel trattamento omeopatico devo aggravarmi prima di guarire?

Tempo di lettura: 6 minuti

La risposta immediata è NO. Tuttavia, è stata trasmessa l’idea errata che questo sia qualcosa che dovrebbe accadere, qualcosa di auspicabile perché è la conferma che il rimedio che ha aggravato i sintomi è il vero Simillimum per la persona malata.

È vero che questo accade, ma non dovrebbe accadere: perché accade?

Succede perché il malato ha ricevuto un rimedio di natura adeguata, ma con una potenza superiore a quella di cui ha bisogno. Se è più forte di quanto ne abbia bisogno secondo la sua sensibilità, significa che non è esattamente il Simillimum.

Questo apre certamente la porta a una serie di domande interessanti:

  • Se il rimedio è adeguato, perché non è il Simillimum?

La risposta si trova nel § 26 dell’Organon di Hahnemann, dove afferma la Legge della Guarigione:

“Una malattia dinamica nell’organismo vivente viene superata e distrutta in modo duraturo da un’altra (malattia dinamica) più forte, a condizione che questa, senza essere della sua stessa specie, le assomigli molto nel modo di manifestarsi”.

Una prescrizione omeopatica comprende necessariamente diversi elementi:

  • che il rimedio scelto abbia provocato negli sperimentatori gli stessi sintomi presentati dal paziente e sia quindi simile nella sua azione all’alterazione del paziente nel suo complesso (natura e capacità terapeutica della sostanza o farmakon).
  • che il suo potere trasformante (dinamico, quindi energetico, capace di interagire con le energie del paziente, cioè le sue forze vitali) sia più forte dell’alterazione che il paziente subisce e presenta.
  • Che sia fornito di una frequenza adeguata in grado di innescare e sostenere l’azione curativa in modo rapido, dolce e permanente. Come indicato nel § 2 dell’Organon di Hahnemann.
  • In una quantità che non disturbi la reazione del paziente, tenendo conto della sua età, della maggiore o minore gravità della sua patologia e della sua idiosincrasia individuale.

Da tutto ciò è facile capire che se non c’è adeguatezza in potenza, frequenza, quantità rispetto a ciò di cui il paziente ha bisogno, il rimedio non è il vero similare e può, anche se è una sostanza adeguata, non presentare l’effetto desiderato.

Caso esemplificativo

Madame Jeanne si reca a Parigi e va a festeggiare con gli amici in un bel posto. Tuttavia, si rende conto di aver mangiato inconsapevolmente un pezzo di pollo marinato nello strutto. Questo era l’unico alimento che il corpo di Giovanna non tollerava e le causa una violentissima colica biliare dovuta alla grana e ai microcalcoli di cui soffriva da anni e che le avevano già dato seri problemi, come la pancreatite secondaria, ecc.  In effetti, in diverse occasioni scopre che il lardo di maiale è stato aggiunto alla sua alimentazione, non per il gusto, ma perché ha le coliche.

Quella sera, dopo essere uscita a cena con gli amici, al ritorno a casa ha iniziato ad avere un dolore colico sul lato destro dell’addome, a livello del fegato e della cistifellea. Era a casa da sola. Conoscendo la possibile evoluzione, ha identificato i sintomi abituali:

  • Ripetute crisi biliari dovute a calcoli biliari.
  • Violento dolore crostoso che si irradia all’indietro sotto la scapola destra a causa dell’assunzione di grasso di maiale.
  • Crampi all’ombelico che lo costringono a piegarsi.
  • Necessità di bere bevande brucianti anche se non ha sete.
  • Eruttazione che sembra far sentire meglio, ma solo per un momento.

I farmaci che hanno coperto queste modalità manifestate dagli sperimentatori sono stati Chelidonium majus e Lycopodium clavatum.

Il Chelidonium è una pianta nota come verruca o rondine o Chelidonia, conosciuta fin dall’antichità per la sua eccellente azione sul fegato e sui problemi digestivi.

Il Lycopodium clavatum, invece, ha un’azione più costituzionale, più capace di modificare ciò che è già molto strutturato nel paziente.

Ebbene, senza sapere queste cose, ricordando solo quello che gli avevo dato in altre occasioni, ha iniziato a prendere Chelidonium majus 30ch (la potenza che gli era stata prescritta in altre occasioni), ogni quarto d’ora, vista la violenza del dolore che aumentava progressivamente. Dopo un’ora, temendo che tutto andasse male verso un’altra pancreatite… ha iniziato a prendere Lycopodium 30ch allo stesso modo…  Il dolore continuava ad aumentare senza alcun miglioramento evidente.

Nella disperazione decise di prendere Lycopodium Clavatum 6LM (una potenza molto più forte).

In meno di un minuto, mentre i globuli si scioglievano in bocca, come per magia, il dolore è cessato completamente senza lasciare traccia. Una sola dose è stata sufficiente a liberare completamente la cistifellea da quell’intossicazione alimentare.

Juana è riuscita a dormire tranquillamente come se nulla fosse accaduto.

Questo esempio dimostra come sia necessario identificare la sostanza farmacologica simile alla totalità e anche la potenza di quella sostanza che è la più forte e allo stesso tempo la più simile possibile al disturbo dinamico che si sta verificando, anche se è dovuto a un motivo alimentare occasionale.

La frequenza è funzione della stabilità del quadro. In questo caso era iniziato 3 ore prima. Si trattava di un’indisposizione. È bastata una sola dose del rimedio giusto per la patologia giusta e tutto si è risolto.

La quantità assunta è stata di 3 microglobuli. Considerando che Juana è una persona di sensibilità normale, erano sufficienti e non ha avuto bisogno di altro.

  • Qual è la potenza del rimedio? Cosa significa alta, media e bassa potenza?

La potenza di un rimedio omeopatico è una delle più importanti scoperte della farmacologia e della terapeutica medica di tutti i tempi.

  •  È la conseguenza dello straordinario processo di disgregazione della materia attraverso la continua triturazione delle sostanze di cui è composta (siano esse vegetali, minerali, metalli, metalloidi, sostanze animali, veleni, ecc.) fino al punto in cui possono essere completamente disciolte o amalgamate nell’acqua, nell’alcol o nel fruttosio (sostanze primordiali di base di tutti gli esseri viventi).
  • Da qui si passa alla progressiva liberazione dell’energia costitutiva e intrinseca di ogni sostanza, che è quella che la mantiene in vita come l’anima mantiene in vita l’essere umano.
  • Questo passaggio si ottiene attraverso i procedimenti di diluizione e succussione progressiva, chiamati dinamizzazione o dinamizzazione.
  • Questo processo avviene seguendo determinate proporzioni matematiche che sono stabilite dalle cosiddette scale hahnemanniane: decimale (DH) centesimale (CH) o cinquantamillesimale (LM). Oppure la scala Korsakoviana (K).
  • Questa liberazione delle sue energie intrinseche ha come conseguenza l’apertura del potere di interazione di ogni sostanza in modo nuovo, seriale e progressivo con il mondo circostante, favorendo il recupero dell’equilibrio per l’uomo, gli animali e le piante se utilizzati in modo appropriato, seguendo la Legge della Guarigione scoperta da Hahnemann (§ 26 dell’Organon).
  • La potenza del medicinale omeopatico è indicata accanto al nome della sostanza in questione (Nux vomica 200CH, Stramonium 6LM, Mercurius solubilis 1000CH e così via) e ci parla del potere di trasformazione che questa sostanza ha in relazione al piano di sofferenza in cui si trovano le alterazioni fisiche, psichiche e/o funzionali del paziente.
  • Più alto è il numero, più numerosi sono i passaggi di diluizione, succussione e dinamizzazione. Pertanto, ha meno materia e molta più energia invisibile rilasciata e impregnata, raccolta nelle sostanze che la veicolano: acqua, alcol o saccarosio. È considerata di Bassa potenza fino alla 30CH. Media potenza dalla 30CH alla 200CH e da lì in poi Alta potenza. Ma si tratta di una classificazione arbitraria e quindi provvisoria.
  • In realtà, l’idea di potenza alta, media o bassa deve essere riferita a ogni singolo caso. Non è il numero più alto o più basso scritto sul tubetto del rimedio. Ha a che fare con ciò di cui il paziente ha bisogno in base alla sua natura, alla sua struttura sana e alla sua struttura patologica, alla sua età, alla possibilità di risposta biologica individuale, ecc., per innescare la reazione di guarigione delle sue Forze Vitali. Se il malato reagisce bene con potenze che teoricamente abbiamo classificato come basse, per lui si tratta della sua giusta potenza, quella che gli corrisponde. E quindi per il malato non è bassa. È quella giusta. Così, se un altro paziente reagisce bene con le potenze che abbiamo teoricamente classificato come alte, per lui è la potenza giusta e non è alta. È quella che porta rapidamente alla guarigione.
  • Possiamo dire che una potenza è stata alta per un paziente quando ha scatenato un disagio che non avrebbe dovuto scatenare perché era troppo potente per le sue possibilità psicobiologiche. Non importa se è una potenza alla 30CH quando il paziente aveva bisogno di una potenza alla 6CH. Allo stesso modo, possiamo dire che era una potenza bassa quando non è stata in grado di innescare la reazione di guarigione. Non importa se è una 1000CH, perché il paziente aveva bisogno di una 10.000CH per poter rispondere in modo ottimale allo stimolo provocato dal Simillimum.

Cosa significa aggravamento e che tipo di aggravamento è?

Forse ora si può capire perché, se il Simillimum fosse veramente adeguato, non dovrebbe essere seguito da un aggravamento o da un disagio di alcun tipo, ma da un miglioramento dolce, rapido e stabile dell’insieme, dal punto di vista fisico, psichico e funzionale.

Il gran numero di fattori che influenzano e determinano le reazioni vitali di un paziente e la complessità delle conoscenze della scienza omeopatica fanno sì che spesso la potenza del Simillimum sia superiore a quella di cui il paziente ha bisogno e che, pur essendo il rimedio giusto, venga dosato in modo troppo forte per le possibilità biologiche di quel particolare paziente, a volte a causa di circostanze che accompagnano la vita del paziente e che oggi sono così di moda da non essere considerate.

Ad esempio, è di moda fare troppo e tutto allo stesso tempo.

È di moda fare molto e tutto allo stesso tempo. Soprattutto e ancor più quando si tratta di guarire e di cercare di ritrovare al più presto l’equilibrio e il benessere, ignorando i linguaggi del mondo energetico e vibrazionale.

La prima regola da tenere in considerazione (nella vita) è che molti stimoli producono un blocco nella reazione degli esseri viventi, quindi una complicazione e poi, se si insiste, un’incapacità di recuperare lo stato di equilibrio.

Applicata al nostro argomento, una delle regole d’oro del trattamento omeopatico, proprio per la sua potenza e precisione, è quella di non disturbare l’effetto del rimedio.

Se una persona si sottopone a un trattamento omeopatico e contemporaneamente pratica la pranoterapia, il Reiki, l’Aura Soma, la Riflessologia o altre discipline che lavorano con l’energia del corpo, normalmente la persona pensa di svolgere un’attività complementare e non si crea alcuna difficoltà.

In realtà, il minimo che accade è che la sensibilità della persona aumenta e la potenza del rimedio omeopatico scelto diventa improvvisamente troppo forte per la persona sensibilizzata.

E questo è uno dei motivi per cui può verificarsi un aggravamento che, sebbene sia ancora curativo, possiamo dire che è inutile a causa del disagio che provoca e perché consuma la Forza Vitale della persona. Forza vitale che è necessaria per una cura migliore.

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti.

Share This