Redazione

Camminare a piedi nudi: tutti i benefici per il bambino

Tempo di lettura: 2 minuti

Molti di noi hanno idee preconcette sul fatto che il proprio figlio cammini a piedi nudi! “Prenderai il raffreddore” è una frase comune, soprattutto in inverno. Tuttavia, i pediatri concordano sul fatto che i bambini non prendono il raffreddore dai piedi e che è addirittura benefico per loro camminare a piedi nudi. In questo articolo troverete alcune informazioni pratiche su questo argomento.

Perché camminare a piedi nudi?

Quando i bambini si tolgono le scarpe per camminare a piedi nudi, sperimentano il contatto del loro corpo con il suolo. Sentendo la terra sotto i piedi, possono radicarsi e sentirsi sostenuti. Scoprono le sensazioni del contatto con il proprio corpo, in particolare con le caviglie, le dita dei piedi e gli archi. Si sentono più rilassati e flessibili, più forti e più stabili nei movimenti. Questo favorisce lo sviluppo psicomotorio.

Scoprire il corpo

Inizialmente, il bambino può sedersi su un tappetino per scoprire i suoi piedi, osservarli e toccarli. Possono anche portarle alla bocca ed esplorare le dita dei piedi. È attraverso il contatto con le mani che il bambino impara a conoscere il proprio corpo. Fin dalla più tenera età, i piedi sono molto mobili. Anche se le capacità motorie non sono ancora precise e volontarie, le migliaia di recettori sensoriali sono già operativi.

Tappetino sensoriale: Sono dei tappetini pensati per dare al bambino diverse esperienze sensoriali, attraverso i diversi tessuti che li compongono. Sono strumenti utili ad aumentare le possibilità di scoperta attraverso il corpo e agiscono in maniera positiva sull’apprendimento motorio e percettivo.

Incoraggiare lo sviluppo psicomotorio

I piedi hanno bisogno di libertà! Quando il bambino cresce e arriva il momento di camminare, possiamo pensare, a torto, che le scarpe consolidino il piede. Al contrario, permettere al bambino di camminare a piedi nudi attiva i muscoli dei piedi e stimola l’arco plantare. Possono quindi migliorare la loro propriocezione muovendosi a piedi nudi. Infine, fa acquisire agilità e abilità. Sono molti gli strumenti che possono rendere questo particolare momento della crescita estremamente interessante e gradevole per il bambino. Per creare percorsi percettivi, a parte i tappetini a cui accennavamo sopra, si possono usare le piastre sensoriali. Sono delle piastre, o dischi di diverso materiale e consistenza, dal gel alle plastiche più o meno dure, per trasmettere sensazioni diverse. Quelle in gel sono particolarmente affascinanti, quando il bambino appoggia il piede su di esse, il gel colorato si muove e segue il contorno del piede. Fantastico guardare i bambini mentre giocano sui loro passi! Un percorso ben architettato, con diversi strumenti sensoriali, è un modo divertente per permettere loro di iniziare a sperimentare. Chi ha la fortuna di avere un prato pulito vicino casa può direttamente rivolgersi alla natura per avere il più bel modo di sperimentare la camminata a piedi nudi… e non solo per i bambini. Ne abbiamo parlato in questo articolo, ma i principi rimangono sempre validi e gli studi in merito continuano a rafforzare le certezze sui benefici che se ne ricavano.

Ci sono rischi nel camminare a piedi nudi?

Molti genitori pensano che camminare a piedi nudi comporti dei rischi per il bambino. Ad esempio, pensano che potrebbero farsi male più facilmente… Ma non è necessariamente così! Il piede è pieno di terminazioni nervose. Per la precisione ne ha 7.200. Quando camminiamo, i nostri sensi inviano informazioni al cervello per evitare possibili pericoli. Una volta che il bambino cammina correttamente e in equilibrio in casa, può sperimentare la camminata a piedi nudi all’aperto. Un bambino che è regolarmente a piedi nudi si adatta più facilmente all’ambiente e ha meno probabilità di cadere.

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti.

Share This