Redazione

Salute mentale dei bambini: è emergenza

L'Autorità garante lancia l'allarme per il boom di richieste di supporto psicologico
29 Maggio, 2022
Tempo di lettura: 2 minuti

“Emergenza salute mentale”. I risultati dello studio “Pandemia, neurosviluppo e salute mentale di bambini e ragazzi“, realizzato dall’Agia con l’Istituto Superiore di Sanità, sono tutt’altro che rassicuranti. La pandemia ha portato un aumento vertiginoso delle richieste di aiuto da parte di bambini e adolescenti, e anche oggi che stiamo venendo fuori dall’emergenza, le situazioni di disagio si stanno cronicizzando. Le risposte da parte della Sanità pubblica sono state, nella migliore delle ipotesi, insufficienti. In molti casi le famiglie dei bambini hanno dovuto rivolgersi a professionisti privati, con la conseguente disparità di trattamento data dalle condizioni economiche.

Salute mentale dei bambini: è emergenza

L’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza, Carla Garlatti lancia l’allarme: “I problemi del neurosviluppo e della salute mentale di bambini e ragazzi manifestatisi durante la pandemia rischiano di diventare cronici e diffondersi su larga scala”. Gli specialisti, infatti, hanno rilevato un gran numero di disturbi diversi, che vanno dalla sfera alimentare a quella sociale. Disturbi del comportamento alimentare, tendenze suicide, autolesionismo, alterazioni del ritmo sonno-veglia e ritiro sociale. E non solo: anche le funzioni cognitive hanno subito conseguenze, con l’emergere di disturbi legati all’apprendimento e al linguaggio di vario genere. Frequenti anche i casi di attacchi d’ansia e di paure legate al contagio.

Proposte per uscire dalla crisi

Come arginare questa “seconda pandemia”? L’Autorità garante – insieme a i Garanti dell’infanzia e dell’adolescenza regionali e delle province autonome per la promozione dei patti educativi di comunità – ha formulato una serie di raccomandazioni rivolte a Parlamento, Governo, Regioni, Comuni e istituzioni scolastiche, nonché a tutte le associazioni di promozione sociale e del terzo settore. Queste raccomandazioni per la tutela della salute mentale, per il corretto sviluppo cognitivo e più in generale per il benessere psicologico di bambini e ragazzi, puntano a garantire i diritti dei minori in maniera omogenea a prescindere dal territorio di provenienza e alle condizioni sociali (puoi leggerle qui).

LEGGI ANCHE: Trattamenti anti-age per la pelle in menopausa

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti.

Share This