Donne e Omeopatia (2a parte)

Due grandi pioniere: Mercy B. Jackson e Clemence S. Lozier
12 Maggio, 2024
Tempo di lettura: 7 minuti

Continua da 1a parte

[Tratto dal capitolo contenuto nel libro di Dana Ullman: The Homeopathic Revolution: Why Famous People and Cultural Heroes Choose Homeopathy] 

L’American Institute of Homeopathy votò per l’ammissione delle donne nella sua organizzazione nel 1869, sette anni prima che l’AMA (American Medical Association) facesse altrettanto. Sebbene le donne fossero state ammesse nell’AMA nel 1876, lo statuto fu modificato per accettarle formalmente come membri solo nel 1915 (Kirschmann, 2004, 83). Nel 1915, già dieci donne erano state elette come vicepresidenti dell’American Institute of Homeopathy.

Le donne che frequentarono le scuole di medicina omeopatica lo fecero nonostante le grandi sfide. La maggior parte di queste donne era molto più anziana degli studenti di medicina maschi. Un’indagine ha rilevato che l’età media delle donne che frequentavano le scuole omeopatiche era di 34 anni, e non era raro che iniziassero a studiare medicina a quaranta o cinquant’anni. Molte di queste donne erano madri e alcune incontravano notevoli resistenze all’interno delle loro famiglie.

Le prime donne medico

Elizabeth Blackwell

Sebbene alcuni storici attribuiscano erroneamente a Elizabeth Blackwell, MD (1821-1910) il titolo di prima donna in America a ricevere una laurea in medicina, non è così, e non solo perché era inglese. La prima donna americana a laurearsi in medicina è stata Lydia Folger Fowler (1822-1879), diplomata al Central Medical College di Syracuse nel 1848. Per aggiungere un po’ di storia americana, è interessante notare che la dottoressa Fowler era una parente di Benjamin Franklin.

La prima donna ad aver conseguito una laurea in medicina fu Melanie d’Hervilly (1800-1878), seconda moglie di Samuel Hahnemann, fondatore dell’omeopatia. All’età di 34 anni Melanie sposò Samuel, che all’epoca aveva 79 anni. Anche se lui viveva in Germania, lei lo portò a Parigi, dove fece il suo apprendistato e lui affermò che lei “conosceva meglio l’Omeopatia, sia dal punto di vista teorico che pratico, di tutti i miei seguaci” (Haehl, 1922, 446-447). Il Dr. Hahnemann scrisse all’Allentown Homeopathic Academy (la prima scuola di medicina omeopatica d’America) per chiedere se avrebbero concesso a Melanie una laurea e nel 1840 le fu conferito il diploma, nove anni prima della laurea di Elizabeth Blackwell.

Altri storici sostengono che la dottoressa Blackwell abbia creato il primo college medico femminile. Anche questo non è vero. Il primo college medico femminile fu il Boston Female Medical College, fondato nel 1848. Quattro anni dopo cambiò nome in New England Female Medical College e nel 1873 si fuse con una più grande scuola di medicina omeopatica dell’Università di Boston per diventare un college di medicina coeducativo [NdT: sia Omeopatia che Allopatia].

Mercy B. Jackson, MD (1802-1877) fu una delle prime laureate (1850) del New England Female Medical College. La sua storia è tipica di molte donne dell’epoca. Si sposò nel 1823 con il reverendo John Bisbee, pastore della First Universalist Society, nel Connecticut, ma questi morì nel 1829. Ebbe tre figli dal primo marito e altri otto dal secondo, anche se cinque dei suoi figli non sopravvissero all’infanzia. Mercy conobbe fin troppo bene i limiti e i pericoli della medicina convenzionale, sperimentando emorragie eccessive, sanguisughe e farmaci purganti e farmaci catartici.

Mercy Jackson, il suo secondo marito e la sua famiglia si trasferirono a Plymouth, nel Massachusetts, nel 1833. Quando la cugina del marito e buona amica della Jackson, Lydia Jackson, sposò Ralph Waldo Emerson, la Jackson fu introdotta in un vivace circolo intellettuale. Nel 1839 iniziò a studiare l’Omeopatia e nel 1841 iniziò una pratica omeopatica limitata tra i suoi amici. Espresse il suo interesse per lo studio della medicina al suo medico di famiglia, il dottor Robert Capen, un medico formatosi ad Harvard. Insieme si recarono a Boston per acquistare alcuni libri e medicinali. Anche Capen si convinse del valore dell’Omeopatia e nel 1842 divenne omeopata, continuando a praticarla fino alla sua morte nel 1853.

Tuttavia, Mercy Jackson voleva ottenere un’educazione medica più formale. Quando alla femminista Harriet K. Hunt (1805-1875) fu rifiutata l’ammissione ad Harvard, Mercy Jackson le scrisse per sostenere i suoi sforzi. Le due donne svilupparono un’amicizia che durò tutta la vita, mentre entrambe si impegnavano sempre più nel movimento per i diritti delle donne. Già nel 1854 Mercy scrisse una lettera agli assessori della città di Plymouth per protestare contro la “tassazione senza rappresentanza“.

Alla fine Mercy Jackson si laureò al New England Female College nel 1850, all’età di 48 anni. Nell’aprile del 1868, la dottoressa Mercy B. Jackson fu nominata prima donna membro della Massachusetts Homeopathic Medical Society, ma le fu negata l’adesione con un voto di 33 a 31, nonostante il comitato esecutivo l’avesse raccomandata.

Nel 1867 la questione della “formazione medica femminile” attirò l’attenzione dell’American Medical Association e dell’American Institute of Homeopathy (AIH). Una risoluzione per concedere alle donne l’ammissione all’AIH fu proposta ma persa con un voto di 68 a 56. Tuttavia, nel 1869, una risoluzione simile fu proposta e approvata con 80 voti a 45. Nel 1871, la dottoressa Mercy B. Jackson divenne la prima donna ammessa all’AIH.

Nel 1874, la Società Medica Omeopatica del Massachusetts approvò una risoluzione che consentiva l’ammissione delle donne alla società e la dottoressa Mercy B. Jackson fu la prima donna ad essere ammessa. In seguito fece parte della facoltà della Scuola di Medicina dell’Università di Boston, dove fu docente di malattie pediatriche.

La professione omeopatica deve alla dottoressa Jackson la gratitudine per aver dimostrato l’efficacia della Pulsatilla per far girare i bambini podalici nel grembo materno e consentire un travaglio più sicuro e più rapido (Cleaves, 1873; King, 1905; Pilgram Hall, online).

Radicalizzata nella sua convinzione dell’importanza dell’uguaglianza delle donne, la dottoressa Jackson sostenne le sue convinzioni mediche in articoli sulle malattie femminili per riviste omeopatiche e si batté per i diritti delle donne in articoli scritti per la pubblicazione femminista di Lucy Stone, The Women’s Journal. Polemizzò con un importante sostenitore della coeducazione perché “desiderava rendere le donne il più possibile simili agli uomini. … le donne stanno ora lottando … per avere le stesse opportunità da utilizzare a modo di donna” (Jackson, 1874).

Clemence Lozier

 

Clemence Sophia Lozier, MD (1813-1888) aprì una scuola di medicina omeopatica per donne perché insisteva sul fatto che “la donna, per ogni istinto e attitudine della sua natura, era più adatta dell’uomo alla professione medica” (Lozier, 1888). A differenza delle scuole mediche maschili, dove c’era un forte antagonismo tra docenti e studenti convenzionali e omeopatici, gli studenti e i docenti delle scuole mediche femminili tendevano a collaborare tra loro, almeno inizialmente.

La scuola di Clemence Lozier, il New York Medical College and Hospital for Women, aprì nel 1863 e l’insegnamento terapeutico principale era l’uso di farmaci omeopatici. Il suo consiglio di amministrazione comprendeva alcuni illustri omeopati dell’epoca (Timothy Field Allen, MD, William Guernsey, MD, Edmund Carleton, MD e Carroll Dunham, MD -che era anche cugino della Lozier), due leader del movimento per i diritti delle donne (Elizabeth Cady Stanton e Julia Ward Howe) e Clara Barton, fondatrice della Croce Rossa americana.

Con questo consiglio di amministrazione alla guida del college, forse non sorprende che questa scuola sia stata la prima scuola di medicina del Paese a offrire un corso di igiene e medicina preventiva (Kirschmann, 2004, 59). La scuola fu anche una delle prime ad estendere la formazione a tre anni, facendolo prima del 1874, mentre il college di medicina convenzionale, il New York University Medical College, non richiedeva tre anni di scuola di medicina fino al 1892. I docenti del college femminile sembravano così convinti dell’importanza di un programma educativo esteso che dichiararono nel bando del loro college che “l’educazione medica delle donne deve essere più approfondita e portata a un grado superiore rispetto all’educazione degli uomini” (Sullivan, 1927, Libro 12, Capitolo 13, Parte 6).

Nel 1897, grazie al significativo sostegno dell’élite newyorkese, la scuola della dottoressa Lozier eresse un nuovo edificio progettato da William B. Tuthill, l’architetto della Carnegie Hall. Molto più tardi, nel 1918, si fuse con una più grande scuola di medicina omeopatica il New York Homeopathic Medical College and Flower Hospital. Ancora più tardi, nel 1936, l’istituto cambiò nome in New York Medical College e poco dopo cessò l’insegnamento dell’Omeopatia.

L’istituzione della scuola di Clemence Lozier fu seguita dalla creazione di un’altra scuola medica femminile, fondata da Elizabeth Blackwell, MD, chiamata The Women’s Medical College. A differenza della scuola di Lozier, il college di Blackwell non ammetteva donne con idee suffragiste e la Blackwell criticò persino la Lozier per il suo coinvolgimento in vari movimenti di riforma sociale (Kirschman, 2004, 61).

Nonostante le differenze di vedute mediche e sociali, le due scuole collaborarono. Per un certo periodo, Clemence Lozier fu il preside della facoltà della scuola di Blackwell e diversi omeopati insegnarono in entrambe le scuole. Tuttavia, quando entrambe le scuole cominciarono a prosperare e ad avere un maggior numero di studentesse, ciascuna scuola iniziò a concentrarsi su modalità diverse (quella di Lozier era omeopatica e quella di Blackwell era di medicina ortodossa) e, ancora più tardi, le due donne svilupparono un forte antagonismo reciproco. Susan B. Anthony (1820-1906), cofondatrice con Elizabeth Cady Stanton della National Women’s Suffrage Association e oggi riconosciuta come una delle leader americane per i diritti delle donne, cercò disperatamente di riunire queste due potenti donne, ma le loro differenze mediche, politiche e sociologiche mantennero un “abisso gelido” tra loro.

I primi tempi delle scuole mediche femminili non furono facili. Alla fine degli anni Sessanta del XIX secolo, un gruppo di trenta studentesse di medicina omeopatica si recò al Bellevue Hospital per la formazione clinica. Le donne affrontarono una tale ostilità da parte di professori e studenti maschi che portarono con sé coltelli a serramanico per respingere i loro persecutori (Harth, 1999). Un giorno furono accolte da centinaia di studenti maschi che bloccarono il loro ingresso, le colpirono con palline di carta masticate e si misero a ridere e urlare contro di loro. la dottoressa Lozier, in qualità di presidente del college, organizzò un grande incontro pubblico con Henry Ward Beecher e Horace Greeley (editore del New York Tribune), in cui denunciarono il comportamento becero degli studenti maschi di medicina. Dopo una notevole attenzione da parte dei media a sostegno delle donne, il sindaco di New York accettò di inviare le forze di polizia per “proteggere le signore nei loro diritti”, consentendo loro di ottenere una formazione medica completa (Kirshmann, 2004, 59).

Clemence Sophia Lozier è stata la donna medico omeopata più influente degli Stati Uniti nel XIX secolo. Per venticinque anni fu presidente e preside del suo college, durante i quali si laurearono 219 donne. Lozier fu per l’istruzione femminile omeopatica ciò che Elizabeth Blackwell fu per l’istruzione medica convenzionale delle donne, anche se la storia ha una forte tendenza a essere parziale nei confronti del paradigma medico dominante. Il nome della Blackwell è oggi noto a molti, mentre quello della Lozier è conosciuto solo da pochi.

Alla fine del XIX secolo, i medici omeopati avevano di solito un reddito migliore rispetto ai medici convenzionali. In parte perché gli omeopati attiravano un maggior numero di pazienti ricchi e istruiti, di solito facevano pagare di più i loro servizi e tendevano ad avere studi più completi. Nel 1870, Clemence Lozier dichiarò che il reddito annuo della sua attività medica era di oltre 25.000 dollari, un reddito molto considerevole per quell’epoca. Elizabeth Cady Stanton, che insieme a Lucretia Mott guidò la prima convenzione per i diritti delle donne nel 1848, affermò che la dottoressa Lozier fu uno dei maggiori sostenitori finanziari del movimento per il suffragio e della pubblicazioni di Susan B. Anthony.

La Lozier fu presidente della New York Woman Suffrage Society per tredici anni (1873-1886) e fu presidente della National Woman Suffrage Association nel 1877-1878.

La casa di Clemence Lozier a New York divenne un quartier generale virtuale per vari movimenti di riforma sociale. Le riunioni e le raccolte di fondi erano tipiche, sia che si trattasse di protestare contro la condanna a morte di una donna accusata di infanticidio, sia che si trattasse di sostenere alloggi a prezzi accessibili per le donne lavoratrici, sia che si trattasse di impedire la distribuzione di pornografia ai bambini, sia che si trattasse di protestare contro la condanna inflitta a Susan B. Anthony per aver votato. La Lozier e altri omeopati erano anche sostenitori della temperanza (il movimento per ridurre il consumo di alcol).[1]

______________Note _________________

1. Il sostegno di Clemence Lozier alla sobrietà nasce dalla sua vita personale. Divorziò dal primo marito a causa dell’ubriachezza di quest’ultimo.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti.

Share This