Intervista a George Vithoulkas di Manish Bathia

Le mie esperienze con il filosofo Jiddu Krishnamurthy
Tempo di lettura: 11 minuti

Salve amici! Siamo entusiasti di avere ancora una volta con noi il Prof. George Vithoulkas. Oggi parleremo della sua esperienza di cura di una celebrità spirituale indiana, Jiddu Krishnamurthy.

George Vithoulkas è oggi professore onorario presso numerose università, tra cui l’Università dell’Egeo, l’Università Medica Statale della Repubblica di Chuvash (Russia), il Centro Educativo Nazionale per la Medicina Tradizionale e Complementare (Russia), la Pontificia Universidad Javeriana (Colombia), il Centro di Ricerca Scientifica All-Russia per la Medicina Riparativa e Ricostruttiva del Ministero della Salute della Federazione Russa, la PHEE “Kyiv Medical University “, Istituto di Medicina di Dnipro (Ucraina), ed è Dottore Honoris Causa – Universitatea de Medicină și Farmacie Victor Babeș di Timosoara (Romania) e Dottore Honoris Causa – Universitatea de Medicină și Farmacie Iuliu Hațieganu di Cluj-Napoca (Romania) e Professore presso la Kiev Medical Accademy. Maggiori dettagli sul suo lavoro sono riportati alla fine dell’intervista.

MB: Prof. Vithoulkas, ho parlato con lei dei suoi diversi interessi anche in precedenza. L’Omeopatia è rimasta al centro delle nostre discussioni. Tuttavia, oggi vorrei chiederle qualcosa di molto diverso. Ho letto le trascrizioni dei suoi “Seminari di Celle” e mi ha incuriosito la sua esperienza con Jiddu Krishnamurthy, uno dei più noti filosofi e pensatori indiani dell’era moderna. Può raccontarci come lo ha conosciuto?

GV: Come ho già detto nelle mie conferenze, ho sempre avuto un grande interesse per le questioni spirituali fin dai primi anni della mia vita, dopo aver perso entrambi i miei genitori durante la Seconda guerra mondiale e dopo aver sperimentato la morte di molti altri parenti intorno a me.

La mia mente si chiedeva cosa stesse accadendo esattamente e perché tante persone care intorno a me stessero lasciando questo mondo. Anche prima di imbattermi nell’Omeopatia, uno dei miei desideri era quello di viaggiare in India ed esplorare la spiritualità in questa terra di mistici, poiché avevo sentito molte storie interessanti che mi avevano incuriosito.

Alla fine, ho deciso di intraprendere il viaggio e di recarmi in India, dopo aver lavorato per quattro anni in Sudafrica, dove ero riuscito a risparmiare i fondi necessari. Era la mia ricerca personale per conoscere la filosofia e la spiritualità indiana, mentre cercavo risposte alla sofferenza umana.

In Sudafrica – dove avevo lavorato in una ditta di costruzioni – ho conosciuto un giovane e famoso pianista, Alain Naude, che come me era profondamente interessato a questioni spirituali, ma anche all’Omeopatia, che ha condiviso con me. Siamo diventati grandi amici e gli sarò per sempre grato per avermi introdotto ai contenuti dell’Omeopatia.

A quel tempo Alain era alla ricerca di una guida spirituale e si era messo in contatto con un guru appena giunto in Sudafrica dall’India. Dopo essere rimasto deluso da questa esperienza, finì per leggere i libri di J. Krishnamurti, che negava apertamente la necessità di guide spirituali, insegnanti e guru.

Alain era così affascinato da queste idee di Krishnamurthy che decise di recarsi in India per cercare di incontrarlo e ascoltare il suo insegnamento. Nel frattempo, anch’io lasciai il Sudafrica per iscrivermi al Bombay Homeopathic Medical College. Era il 1964 e, dopo la mia partenza per l’India, purtroppo persi i contatti con Alain e non avevo idea di cosa fosse successo tra lui e JK.

Poi, mentre nel 1964 mi trovavo a Bombay per frequentare il College di Omeopatia, sono andato ad ascoltare una delle lezioni di JK. Jiddu Krishnamurthy sembrava così vecchio ed esausto che pensai che sarebbe sicuramente morto presto. Con mia grande sorpresa, qualche mese dopo ricevetti un telegramma dal mio vecchio amico Alain che mi diceva che Krishnamurthy voleva che lo curassi. In seguito, scoprii che Alain ora lavorava con il maestro indiano ed era stato proposto come suo segretario.

Come Alain mi spiegò in seguito, stava pranzando con Jiddu Krishnamurthy e alcuni dei suoi più stretti seguaci, come Pupul Jayakar, oltre ad altri ospiti illustri, e la discussione verteva sulla salute di JK. Alain disse a Jiddu Krishnamurthy che aveva un amico greco che stava studiando Omeopatia in quel periodo in India e che era già stato un omeopata di successo in Sudafrica. Alain disse: “Con mia grande sorpresa, Jiddu Krishnamurthy mi afferrò il braccio e mi disse: “Per favore, chiama il tuo amico greco per prendere il mio caso”.

Tutti i presenti al tavolo in quel momento hanno espresso le loro obiezioni. “Ma Krishnaji, è solo uno studente!”, disse qualcuno. “Possiamo chiamare qualsiasi medico da qualsiasi parte per curarti”. JK insistette: “Questo mi aiuterà”. A quanto pare aveva provato diversi famosi omeopati dell’epoca per la sua bronchite cronica, ma nessuno era stato in grado di aiutarlo e ora era sotto trattamento allopatico.

Pochi giorni dopo ricevetti un biglietto aereo da Kolkata – dove mi ero trasferito al Kolkata Homeopathic Medical College – per andare a Benares e incontrare Jiddu Krishnamurti, il più famoso filosofo dei nostri tempi, per curarlo dalla bronchite, dalla stanchezza e dal mal di testa. Naturalmente ero entusiasta all’idea di poter aiutare quest’uomo straordinario.

MB: Quando ha incontrato Jiddu Krishnamurthy, qual è stata la sua impressione iniziale della persona che era JK?

GV: Aveva un aspetto vecchio ed esausto, tossiva, con profondi solchi sul viso, una vera “faccia da Ippocrate”. Tuttavia, i suoi modi erano quelli di una persona umile e gentile e mi ha sorpreso la sua disponibilità a rispondere alle mie numerose domande, anche se ho fatto attenzione a non stancarlo ulteriormente cercando di far emergere sempre più sintomi.

Sentivo di avere pochissimo tempo per trovare il rimedio, ed era angosciante perché ero profondamente solidale con le sue difficoltà respiratorie. Tossiva e tirava fuori l’espettorato, ma sembrava sereno nonostante la sua sofferenza. Verso la fine del consulto, stavo ancora valutando diversi rimedi, in tutta onestà ero disperato.

Poi, all’improvviso, notai una piccola eruzione sulla punta del naso, un sintomo chiave per Aethusa cynapium e allora le cose andarono improvvisamente al loro posto: la stanchezza, i solchi profondi, il volto ippocratico. Gli ho prescritto una dose di 200C e l’ho lasciato tornare a letto a riposare.

Nel frattempo, sono stato molto contento di aver incontrato di nuovo il mio amico Alain Naude, che ha trascorso il resto della giornata raccontandomi di come ha conosciuto JK e di tutte le sue esperienze con lui. Il mattino seguente Alain mi disse che Jiddu Krishnamurthy aveva avuto un aggravamento del rimedio con febbre bassa ed estrema irritabilità. Il terzo giorno, tuttavia, le cose cominciarono a calmarsi. Rassicurai JK che si trattava di una buona reazione e qualche giorno dopo partii per Kolkata.

Pochi giorni dopo la mia partenza, Alain mi inviò una lettera per convincermi a venire a stare con JK e a diventare il suo omeopata personale permanente, per continuare a occuparmi della sua salute che, fortunatamente, stava migliorando di giorno in giorno. Ho accettato la sua proposta.

MB: Era nervoso nel trattarlo, visto che era una celebrità?

GV: Non ero solo nervoso. Ero estremamente ansioso! Finché non ho visto il risultato del trattamento. Ogni volta che ho trattato celebrità in passato c’è sempre stata una forte ansia, perché sentivo che il risultato sarebbe stato pubblico e quindi l’Omeopatia avrebbe potuto imporsi agli occhi del mondo medico.

Più alta è la celebrità, meglio è per l’Omeopatia, era il mio pensiero. A posteriori, non sono sicuro che questo dettame abbia funzionato. Se tutti i personaggi famosi che hanno tratto beneficio dall’Omeopatia fino ad oggi avessero parlato della loro esperienza quando si sono sentiti in grado di farlo, l’Omeopatia avrebbe sicuramente già preso il posto che le spetta all’interno delle professioni e delle specialità mediche.

MB: Ho letto che molte delle sue prime prescrizioni non hanno funzionato? Con il senno di poi, a cosa attribuirebbe oggi questi insuccessi? E come potrebbero gli altri evitare questi fallimenti?

GV: Ho già parlato di questi fallimenti quando JK ha improvvisamente sviluppato una broncopolmonite acuta con febbre alta mentre teneva una conferenza in Svizzera. All’epoca soggiornavamo a Gstaad, in montagna. Questo accadeva circa un anno dopo l’inizio del trattamento di JK con me, dove la sua salute era molto migliorata.

Ora non ricordo quali sintomi mi spinsero a somministrare la sequenza di rimedi che purtroppo non ebbero alcun effetto in una fase così critica per Jiddu Krishnamurthy. Forse il mio giudizio era offuscato dall’ansia e dalla preoccupazione per la risposta negativa che avrei potuto ricevere da chi era vicino a JK in quel momento. Al culmine della crisi di salute di JK, Alain mi riferiva le reazioni ostili delle persone che circondavano Jiddu Krishnamurthy e che pensavano che fosse in pericolo sotto le mie cure.

Solo Alain e la nostra ospite svizzera la signora Vanda Scaravelli sembravano amichevoli e fiduciosi nelle mie cure. Tutti gli altri apparivano arrabbiati con me e lavorare con quel clima mi portò a fare un sogno terribile una notte in cui ho visto JK morire e cadere dal divano. Non lo dimenticherò mai.

Era chiaro che l’équipe di JK voleva chiamare un medico allopatico o portarlo in ospedale. Credo che nessun omeopata possa evitare queste circostanze. Infatti, quando c’è una situazione critica di salute acuta come questa, per mia esperienza, la responsabilità è schiacciante e molti omeopati a questo punto fanno un passo indietro e accettano il trattamento allopatico.

Per rispondere alla sua domanda, l’unico modo per ridurre questi errori come omeopata è, come sempre, lo studio della Materia Medica e la necessità di una corretta repertorizzazione. Gli studenti di omeopatia hanno fortunatamente a disposizione il software esperto che ho ideato per aiutare nell’analisi di questi casi.

MB: Come si è imbattuto in Phosphorus? Come ha agito su Jiddu Krishnamurthy?

GV: Avevo fatto una completa repertoanalisi differenziale con il repertorio cartaceo con tutti i

 sintomi che avevo raccolto nei giorni precedenti e lì davanti ai miei occhi è emerso il Phosphorus!

Dopo questo incidente acuto con febbre alta e Phosphorus, la salute di Jiddu Krishnamurthy migliorò per la prima volta. A questo punto JK si fidò delle mie prescrizioni e io continuai a monitorare la sua salute consultandolo ogni giorno, a una certa ora del mattino, con la presenza di Alain Naude.

Alan si prendeva cura di lui con grande tenerezza e affetto, quasi con adorazione. Durante questi consulti JK mi raccontava in dettaglio cosa gli era successo nelle 24 ore precedenti, come aveva dormito, se aveva mal di testa.

Molte volte mi disse che durante la notte avrebbe subito una “mutazione”, aggiungendo: “Lei sa signore cosa intendo!”. Quello a cui si riferiva non era un sintomo patologico, ma uno stato di alterazione della coscienza. Avendo avuto modo di stargli vicino per così tanto tempo, avevo capito cosa intendesse con questa “mutazione”.   Quando dovetti tornare in Grecia per un breve periodo, Alain continuò a tenere per me una sorta di diario della salute di Jiddu Krishnamurthy.

MB: Ho letto anche che curare Jiddu Krishnamurthy l’ha aiutata a scoprire il quadro cronico di Aethusa. Può dirci qualcosa di più al riguardo?

GV: La descrizione di Aethusa nella mia Materia Medica Viva illustra ciò che già sapevamo su questo rimedio e le mie osservazioni sulle condizioni di JK. L’esperienza con lui mi ha certamente aiutato a comprendere meglio il quadro cronico.

Dopo Aethusa che aveva agito così bene, JK si sentiva sempre meglio e così era passato un anno intero con la sua salute notevolmente migliorata. Tuttavia, credo che la broncopolmonite acuta si sia manifestata improvvisamente in Svizzera perché JK era stato esposto all’aria fredda di montagna.

Questa malattia acuta era un segno che Jiddu Krishnamurthy aveva ormai superato la condizione cronica di bronchite e mal di testa e che la sua salute era migliorata a tal punto da permettergli di passare a un livello superiore di salute. Questo fenomeno dell’innalzamento della febbre dopo un corretto trattamento delle condizioni croniche era qualcosa di cui non ero a conoscenza all’epoca in cui trattavo JK.

In seguito, questa comprensione mi ha portato alla formulazione della “Teoria del Continuum” e qualche anno dopo alla teoria dei “Livelli di salute”. In ogni caso, dopo questo evento con JK, ho iniziato un’osservazione sistematica di questo fenomeno che mi ha portato in seguito a formulare gli aspetti teorici di cui sopra, citati nei miei libri “La scienza dell’omeopatia” e “I livelli di salute” più di dieci anni dopo.

MB: Ha mai avuto la possibilità di ascoltare i suoi discorsi filosofici? E queste interazioni con lui hanno avuto qualche effetto sulla sua filosofia e sulla sua comprensione della vita in generale?

GV: Essendo il suo omeopata privato e avendo viaggiato con lui per due anni, ero presente a tutte le discussioni nei suoi circoli interni ed esterni e in molte occasioni mi chiedeva di accompagnarlo nelle sue passeggiate. Camminare con Jiddu Krishnamurthy era considerato il più alto privilegio, perché c’era la possibilità di fargli domande private.

In realtà non gli ho mai posto una domanda, perché sentivo che avrei potuto disturbarlo, e in ogni caso avevo ascoltato attentamente tutte le sue risposte nelle riunioni del circolo ristretto. A meno che non mi chiedesse qualcosa, di solito restavamo in silenzio per la maggior parte della passeggiata.

MB: Quando era in contatto con lui, ha sperimentato il suo background teosofico o se ne era allontanato del tutto?

GV: Quando lo conobbi, si era già da tempo allontanato dall’Ordine della Stella e da tutta l’agitazione che preparava il terreno per annunciarlo come il Nuovo Messia. Tutti i suoi discorsi erano ormai molto contrari alle pratiche di devozione a guru, maestri spirituali o salvatori. Si concentrava sul tentativo di rivolgere le menti degli ascoltatori verso l’Io interiore, che considerava l’unico modo per arrivare al vero significato e scopo della vita.

Jiddu Krishnamurthy diede tutte le spiegazioni possibili su come si potesse raggiungere questo stato, ma senza alcun risultato. A volte diceva: “Vedo qui alcune persone che mi seguono da 30 anni…”, sottintendendo che dopo tutti questi anni non avevano capito nulla di ciò che diceva.

MB: La letteratura su di lui parla dei suoi risvegli o del “processo”. Era in grado di comprenderli da un punto di vista medico?

GV: Il cervello di JK era un cervello che veniva dal futuro, come avevo detto a Peter Michel nel 2008, quando stava scrivendo una biografia di JK ed era venuto a intervistarmi ad Alonissos.

Bisogna capire l’evoluzione del cervello di JK fin dall’infanzia. Era un ragazzo che si aggirava completamente assorto e sempre a bocca aperta. Leadbeater, l’uomo che lo aveva “scoperto”, aveva detto più volte a JK di chiudere la bocca, ma il ragazzo era così assorto in uno stato di meraviglia che non riusciva a prestare attenzione a queste istruzioni.

Jiddu Krishnamurthy ricorda, come lei ha detto, che alla fine Leadbeater lo colpì una volta sotto il mento per costringerlo a chiuderla. Questa è stata un’esperienza importante che bisogna prendere in considerazione quando si cerca di analizzare lo sviluppo di JK. Il ragazzo sembrava avere difficoltà di apprendimento, ma in realtà percepiva tutto in modo diverso e unico.

Il secondo punto che mi colpisce è quello che mi ha raccontato dei suoi strani e inspiegabili forti mal di testa che lo raggiungevano quando era in uno stato delirante o semicomatoso, in cui urlava, gridava e cadeva a terra. Descriveva i dolori lancinanti che iniziavano nella regione cervicale e poi salivano a tutta la testa. Questi mal di testa arrivavano all’improvviso, duravano alcuni giorni e poi sparivano all’improvviso come erano arrivati.

Durante questi periodi non riusciva quasi a mangiare o a bere nulla. Le persone sagge che lo circondavano gli dicevano che questi processi avvenivano con l’ascesa della Kundalini. Dopo questi episodi, JK era certamente completamente esausto per alcuni giorni.

La terza cosa che dobbiamo prendere in considerazione è il suo sintomo periodico di urinare sangue. Una volta ne parlai a Jiddu Krishnamurthy davanti ad Alain Naude. JK mi guardò come per dire: “Te lo dirò più tardi”. Capii il suo significato e avevo ragione quando, in privato, JK mi confessò che pensava che tale fenomeno si verificasse in lui perché riteneva che i due elementi maschile e femminile fossero in equilibrio in lui, il che implicava che il sanguinamento fosse una funzione simbolica delle mestruazioni.

In qualsiasi modo si vogliano spiegare questi sintomi, è un fatto che JK percepiva la realtà in modo diverso da voi o da me; quindi, si potrebbe dire che la struttura del suo cervello era un'”eccezione” in Natura. Date le qualità del suo cervello e della sua personalità, l’amore, l’integrità, il pensiero profondo, la gentilezza, il desiderio di dare all’umanità ciò che sentiva come libertà dal pensiero e dall’agire convenzionale – che odiava – possiamo dire che aveva un cervello che avrebbe potuto manifestarsi nella razza umana in generale solo in un futuro molto lontano. Questo è il motivo per cui tante persone di “genio” scientifico intorno a lui non potevano raggiungere gli stati mentali che lui descriveva, in cui la mente diventa “immobile”.

Quando la razza umana avrà attraversato la crisi di sofferenze atroci come i “mal di testa” di JK, che egli aveva sostenuto per aprire le porzioni superiori del suo cervello, allora potremo avere un mondo diverso, dove l’amore prevarrà.

Avevo già curato Jiddu Krishnamurthy per circa un anno e mezzo con grande attenzione, valutando ogni giorno le sue condizioni. In quel periodo, mentre stavamo passeggiando, si fermò un attimo e mi disse con grande entusiasmo della sua salute: “Signore, mi sento come un ragazzo di 16 anni”.

Continuò a stare bene e, circa sei mesi dopo, sentii di poterlo lasciare e tornare in Grecia per diffondere l’omeopatia nel mio Paese, dove l’Omeopatia classica era praticamente sconosciuta.

Jiddu Krishnamurthy rimase in ottima salute dopo i due anni di cure omeopatiche fino alla sua morte, avvenuta a 91 anni [20 anni dopo nel 1986. N.d.T.]. Come ha scritto Mary Lutyens nel secondo volume della sua biografia, questi anni furono i più creativi perché JK si sentiva in ottima salute.

MB: È stata una bella esperienza. È incoraggiante sapere che l’Omeopatia ha avuto un ruolo cruciale nella vita di Jiddu Krishnamurthy. Lei ha avuto la fortuna di vederlo da vicino e lui è stato fortunato ad avere lei come omeopata! Grazie Prof. Vithoulkas per aver condiviso con noi il suo viaggio.

Questa intervista è stata condotta dal Dr. Manish Bhatia per Homeopathy for Everyone  ed è protetta da copyright. Non è consentita la riproduzione senza autorizzazione. Generiamo Salute, che ha curato la traduzione, ringrazia il dr. Manish Bathia per aver generosamente concesso la pubblicazione in Italia.

Il prof. George Vithoulkas è Membro Associato Senior della Royal Society of Medicine, Regno Unito, Membro Onorario della Liga Medicorum Homeopathica Internationalis e Presidente Onorario dell’Associazione Medica Omeopatica Ellenica (fondata nel 1970) Nel 1996 è stato insignito del Right Livelihood Award (noto anche come Premio Nobel Alternativo,) “…per il suo eccezionale contributo alla rinascita della conoscenza omeopatica e alla formazione degli omeopati ai più alti standard”.

Tra i suoi principali contributi alla medicina ricordiamo:

I livelli di salute   

Il continuum di una Teoria Unificata delle Malattie,

Come una condizione infiammatoria acuta può essere trasmutata in una malattia cronica,

La Definizione di Salute e Come possono nascere bambini più sani?

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti.