Sconfiggere ansia e paura con la Medicina omeopatica

Tempo di lettura: 2 minuti

Ansia e paura veicoli di contagio

In questi ultimi giorni c’è stato un susseguirsi di notizie riguardanti l’infezione da Coronavirus (COVID-19) che hanno sicuramente investito, oltre che fisicamente, anche e soprattutto psicologicamente la popolazione.
Ribadendo che tutto ciò che viene attuato come misura preventiva ha un senso e sul buon senso dell’igiene e del rispetto verso l’altro non ci sia nulla da eccepire, il pensiero va a come poter contenere  la “tempesta emotiva” che sconvolge le menti delle persone.
Si passa da stati d’animo quali sospetto e paura a franco terror panico, senza possibilità di chiedere aiuto e far intervenire la razionalità, che in tempi normali, fa parte del nostro modus vivendi. La paura è andata dritta verso i centri fisiologici deputati (ipotalamo e amigdala) per cui a poco serve il contenimento verbale.

Il ruolo dell’Omeopatia

La medicina omeopatica, in queste occasioni, è di grande aiuto.  Infatti, curando la persona in toto (cioè tenendo conto del suo aspetto mentale, generale e da ultimo, ma non per importanza, fisico) può dare sollievo ad una mente “perturbata”. Mente che entrata in conflitto con la paura di soffrire/morire, diventa la prima porta di ingresso per la patologia, cioè per far si che l’organismo abbassi le difese immunitarie e il virus svolga la sua azione infettante.
In medicina si tiene in conto solo della noxa patogena (batteri, virus, funghi, tossine, ecc…) ma non si ragiona mai sul terreno dell’individuo, che è proprio quello che fa si che queste sostanze possano attecchire.
In altre parole si può dire che non sia sufficiente un virus per far malattia. Ma che sia molto importante la resistenza e l’equilibrio del “terreno” (inteso come substrato psico-fisico) del paziente per mantenere lo stato di benessere/salute.

I rimedi degli stati di ansia e paura

Come dicevo esistono rimedi omeopatici per migliorare il tono dell’umore e diminuire la paura che attanaglia le persone in questo particolare momento. Ogni rimedio omeopatico, sperimentato sull’uomo sano ormai dal più di 200 anni, sviluppa un quadro morboso sia psicologico sia fisico.  Proprio nell’aspetto mentale troviamo sostegno per lenire quello che è il sentimento di paura/panico/terrore. 
Questo perché, ad esempio come nel caso dell’Arsenicum album consigliato dal Ministero della Salute Indiano come prevenzione per “allertare” l’energia vitale delle persone.  Riconosce nel suo aspetto mentale la paura di morire al massimo grado che sopraggiunge soprattutto quando è solo, di notte. Pensa di essere incurabile. ha un’agitazione estrema con una stanchezza profonda e non vede vie d’uscita.
Chiaramente ci sono molti altri rimedi che contemplano questa ansia/angoscia quali: 
Aconitum napellus: dispera di guarire, agitato e stenico
Argentum nitricumsoggetto particolarmente agitato e precipitoso. Vede la sua fine se lasciato solo
Arnica montana: «traumatizzato» dall’evento, shock, dolorabilità osteoartro-muscolare diffusa
Arsenicum album: in prevenzione per coloro che hanno paura di morire con agitazione ansiosa
Baryum carbonicum: come «istupidito» dalla paura. Diventa ottuso, lento a comprendere, a capire e a reagire
Gelsemium sempervirens: affetto dalla paura che paralizza. Stanco e occhi pesanti con cefalea occipitale
Kalium carbonicumcon paura irrazionale della morte segnato da profonda astenia
Ignatia amara: che vive la paura in modo isteriforme, con sbalzi d’umore, malinconia, insonnia
Phosphoruscon inquietudine costante, specie verso sera, sensibile, empatico
Spongia tostaansioso soprattutto la notte con respiro difficoltoso e senso di soffocamento
Stramoniumche si spaventa facilmente, «pavor» notturno fino al delirio furioso
– ecc…

La visita omeopatica

L’ideale, come sempre, è rivolgersi al vostro medico omeopata di fiducia. Fatevi prescrivere il rimedio più opportuno alle vostre modalità reattive mentali, per recuperare quello stato di benessere che è il substrato essenziale di salute.
Share This