Redazione

L’OMS inaugurerà il primo Centro Globale per la medicina tradizionale

Sorgerà nella città di Jamnagar, nello Stato del Gujurat, in India.
Tempo di lettura: 2 minuti

Nel giorno in cui si festeggia in tutto il pianeta la Giornata Mondiale dell’Omeopatia, ricordando la data di nascita del suo geniale fondatore, Samuel Christian Frederich Hahnemann, il 10 aprile 1755, ci fa molto piacere dare questa notizia del pieno riconoscimento della più alta istituzione sanitaria mondiale, l’OMS delle Medicine della Persona, le Medicine Tradizionali, di cui l’Omeopatia è l’indiscussa regina con i suoi 600 milioni di utilizzatori nel mondo, forte della sua altissima sostenibilità.

#isupporthomeopathy

 

Il 25 marzo 2022 i rappresentanti del governo indiano e dell’OMS hanno firmato uno storico accordo per la creazione primo Centro Globale per la medicina tradizionale. Il taglio del nastro dovrebbe avvenire nel 2024 à nella città di Jamnagar, nello Stato del Gujurat, all’estremità occidentale del sub-continente Indiano. Il Centro di Ricerca Globale per la medicina tradizionale mirerà a sfruttare il potenziale di questa antica branca medica attraverso scienza e tecnologia moderne, così da portare reali benefici  per la salute delle persone e del pianeta. Il governo indiano si è impegnato a sostenere il progetto con un investimento di circa 250 milioni di dollari.

L’OMS inaugurerà il primo Centro Globale per la medicina tradizionale

Il Centro rappresenta un importante riconoscimento da parte dell’Organizzazione mondiale della Sanità. “Per molti milioni di persone in tutto il mondo, la medicina tradizionale è il primo porto di scalo per curare molte malattie”, ha affermato il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS. “Garantire che tutte le persone abbiano accesso a cure sicure ed efficaci è una parte essenziale della missione dell’OMS. Questo nuovo centro aiuterà a sfruttare il potere della scienza per rafforzare la base di prove che riguardano medicina tradizionale. Sono grato al governo indiano per il suo supporto e non vediamo l’ora di renderlo un successo”, ha aggiunto il capo dell’OMS.

Cosa unisce le pratiche che rientrano sotto il nome di medicina tradizionale?

Il termine medicina tradizionale comprende pratiche antiche quali agopuntura, medicina ayurvedica e fitoterapia, ma anche approcci terapeutici più moderni come l’Omeopatia o non strettamente medici quali lo Yoga o la meditazione. Molte sono abilità e pratiche che culture indigene di luoghi anche molto distanti tra loro hanno utilizzato nel tempo per prevenire, diagnosticare e curare malattie fisiche e mentali. Il trait d’union che le legaè un approccio olistico, non riduzionistico, alla materia salute. Si stima che circa l’80% della popolazione mondiale utilizzi la medicina tradizionale. Il rapporto globale dell’OMS sulla medicina tradizionale e complementare del 2019 mostra che l’Omeopatia è utilizzata in oltre 100 paesi in tutto il mondo, rendendola la terza medicina complementare più popolare dopo agopuntura e fitoterapia.

La soddisfazione di Modi

Secondo il primo ministro indiano Narendra Modi “È incoraggiante apprendere la firma dell’Accordo nel Paese ospitante per l’istituzione del Global Center for Traditional Medicine (GCTM)”. “Attraverso varie iniziative – ha aggiunto – il nostro governo è stato instancabile nello sforzo di rendere accessibile a tutti l’assistenza sanitaria preventiva e curativa. Possa il centro globale di Jamnagar aiutare a fornire le migliori soluzioni sanitarie al mondo“.

LEGGI ANCHE: HRI (Homeopathic Research Institute) commenta l’articolo del BMJ sulle distorsioni nelle ricerche riguardanti l’Omeopatia

#isupporthomeopathy

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti.