Redazione

Dolcificanti artificiali e rischio di malattie cardiache

Tempo di lettura: 2 minuti

I dolcificanti artificiali “non dovrebbero essere considerati un’alternativa sicura allo zucchero” dopo che gli accademici hanno scoperto che il consumo di consumo di dolcificanti è collegato a un rischio maggiore di malattie cardiovascolari. I ricercatori della Sorbona Paris Nord University in Francia hanno anche scoperto che il consumo di dolcificanti artificiali era collegato a un rischio maggiore di quasi il 20% di condizioni che influenzano il flusso sanguigno al cervello. Lo studio ha esaminato l’assunzione da parte dei partecipanti di dolcificanti da tutte le fonti dietetiche, comprese bevande, dolcificanti da tavola e latticini, prima di confrontarla con il rischio di malattie cardiache o circolatorie.

I ricercatori hanno utilizzato più di 100.000 adulti francesi per lo studio che è stato pubblicato sul British Medical Journal. I partecipanti avevano un’età media di 42 anni e quattro su cinque erano donne. E’ stata monitorata l’assunzione di dolcificanti utilizzando i registri della dieta, su cui i partecipanti annotavano  tutto ciò che hanno mangiato, incluso quale marca è stata utilizzata, per 24 ore, con il diario dietetico ripetuto tre volte a intervalli di sei mesi, con un campione di due nei giorni feriali e una nel fine settimana.

Circa il 37% dei partecipanti ha consumato dolcificanti artificiali. Durante un periodo medio di follow-up di nove anni, i partecipanti hanno registrato 1.502 eventi cardiovascolari. Ciò includeva attacchi di cuore, ictus, attacchi ischemici transitori (noti anche come mini ictus) e angina – dolore toracico legato a uno scarso flusso sanguigno ai muscoli cardiaci.

I ricercatori hanno scoperto che il consumo di dolcificanti artificiali era collegato a un rischio maggiore del 9% di malattie cardiache. E quando hanno esaminato in modo specifico ogni tipo di malattia, hanno scoperto che il consumo di dolcificanti artificiali era collegato a un rischio maggiore del 18% di malattie cerebrovascolari, condizioni che influenzano il flusso sanguigno al cervello.

Un tipo specifico di dolcificante – l’aspartame – era associato a un aumento del 17% del rischio di eventi cerebrovascolari, mentre l’acesulfame potassio e il sucralosio erano associati a un aumento del rischio di malattia coronarica.

“In questa coorte prospettica su larga scala di adulti, i dolcificanti artificiali (soprattutto aspartame, acesulfame potassio e sucralosio) erano associati a un aumentato rischio di malattie cardiovascolari, cerebrovascolari e coronariche”, scrivono gli autori.”I risultati suggeriscono che i dolcificanti artificiali potrebbero rappresentare un fattore di rischio modificabile per la prevenzione delle malattie cardiovascolari.

“I risultati indicano che questi additivi alimentari, consumati quotidianamente da milioni di persone e presenti in migliaia di cibi e bevande, non dovrebbero essere considerati un’alternativa sana e sicura allo zucchero, in linea con l’attuale posizione di diverse agenzie sanitarie”.

Fonte: BMJ

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti.