Redazione

Raffreddore da fieno – rimedi naturali

Tempo di lettura: 2 minuti

Dagli spray nasali ai colliri e agli impacchi. Esistono rimedi efficaci e naturali per le allergie acute al polline.

Chi soffre di allergia ai pollini deve affrontare ogni anno sintomi spiacevoli. Gli occhi lacrimano continuamente, il naso cola e gli starnuti sono un fastidio costante. Non è necessario che sia così, perché i sintomi acuti possono essere trattati in modo naturale. Il farmacista Lukas Zogg raccomanda:

Omeopatia e spagirica per il raffreddore da fieno

Un collirio omeopatico o uno spray spagirico per bocca a base di euphrasia lenisce l’infiammazione alle mucose e aiuta a contrastare il prurito e la lacrimazione degli occhi in caso di allergia ai pollini. Suggerimento: detergere di tanto in tanto gli occhi con prodotti contenenti lipidi. In questo modo si rimuovono i corpi estranei e allo stesso tempo si donano grassi al film lacrimale. Sono importanti per lo strato oleoso.

Gli spray omeopatici per il raffreddore da fieno aiutano a contrastare il naso che cola e gli starnuti. Inibiscono il prurito e hanno un effetto calmante sulle mucose. Inoltre, gli spray formano una pellicola protettiva sottile ed elastica sulla mucosa nasale. Questo impedisce alle sostanze irritanti di penetrare.

Gemmoterapia

Uno spray per la bocca a base di ribes nero aiuta a contrastare il prurito e la lacrimazione degli occhi e il pizzicore al naso. Ha un effetto antiallergico e antinfiammatorio. È possibile utilizzare lo spray più volte al giorno, sospendendo nel tardo pomeriggio.

Soluzioni saline come risciacquo nasale

Per il naso che cola e gli attacchi di starnuti, possono essere utili gli sciacqui nasali con acqua salata. In questo modo si eliminano pollini, sporcizia e agenti patogeni presenti sulle mucose.

I risciacqui nasali con acqua salata eliminano il polline.

Gli spray nasali ipertonici contengono più sale marino delle normali soluzioni saline. Hanno un effetto decongestionante e possono liberare il naso chiuso. “Di solito, dopo averli usati, bisogna soffiarsi bene il naso una volta. Dopodiché, per un po’ di tempo si ha la pace”, dice il farmacista Zogg.

Gli impacchi leniscono gli occhi

Gli impacchi rinfrescanti leniscono il bruciore agli occhi causato dal raffreddore da fieno. È sufficiente inumidire un panno con acqua o tè nero e appoggiarlo sugli occhi chiusi per 15-20 minuti.

Attenzione: la camomilla è considerata un antinfiammatorio, ma non utilizzare la camomilla per gli impacchi. Si ricava dai fiori di camomilla e contiene polline che può irritare gli occhi. Gli estratti di camomilla in farmacia o in drogheria sono migliori. Sono privi di particelle di fiori.

“Tutti questi farmaci naturali non hanno effetti collaterali. Per questo motivo sono adatti anche ai bambini e agli anziani”, afferma il farmacista Zogg.

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti.