Redazione

La situazione in Cina secondo gli inviati dell’ OMS

Quello che i media non ancora detto sullo stato dell'infezione in Cina
Tempo di lettura: 5 minuti

L’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha inviato un team di esperti per per indagare sull’attuale situazione in Cina. Il professor Clifford Lane, durante la conferenza stampa ne riassume i risultati.

Seppure in alcuni passaggi si tratti di questioni tecniche, vale la pena leggere i punti della relazione, per farsi un’idea chiara e diretta della situazione. Riportiamo un estratto del rapporto degli inviati.

La delegazione di 25 inviati dall’OMS ha visitato Pechino, Wuhan, Shenzhen, Guangzhou e Chengdu. Ecco alcuni fatti interessanti su Covid che non abbiamo ancora letto sui media:

  • delle persone contagiate, la  stragrande maggioranza (78-85%) ha contratto l’infezione all’interno della famiglia da goccioline provocate da tosse o starnuti di altri portatori di infezione a stretto contatto con una persona infettata. La trasmissione per via aerea su lunghe distanze non è una delle principali cause di diffusione. La maggior parte dei 2.055 lavoratori ospedalieri ammalatisi sono stati infettati a casa o nella fase iniziale dell’epidemia a Wuhan, quando le misure di sicurezza dell’ospedale non erano ancora state implementate.
  • Il 5% delle persone a cui è stata diagnosticata la Covid richiede il ricorso a respiratori artificiali anche per diversi giorni. Un altro 15% ha bisogno di respirare con ossigenazione ad alta concentrazione. La durata dall’inizio della malattia fino al recupero è in media da 3 a 6 settimane per questi pazienti gravi e critici (rispetto alle sole 2 settimane per i malati lievi – 80%).
  • La Cina può ora produrre 1,6 milioni di kit dei test per il nuovo coronavirus alla settimana. Il test fornisce il risultato il giorno stesso. In tutto il paese, chiunque si rechi dal medico con la febbre viene sottoposto a screening per il virus: nella provincia del Guangdong, lontano da Wuhan, sono state sottoposte a esame 320.000 persone e lo 0,14% di queste si è dimostrato positivo al virus.
  • La stragrande maggioranza dei contagiati prima o poi sviluppano sintomi. I casi di persone in cui è stato rilevato il virus e che in quel momento non presentano sintomi sono rari – e la maggior parte di loro si ammala nei giorni seguenti.
  • I sintomi più comuni sono febbre (88%) e tosse secca (68%). Esaurimento (38%), espettorazione di muco quando si tossisce (33%), respiro corto (18%), mal di gola (14%), mal di testa (14%), dolori muscolari (14%), brividi (11%) sono altri comunemente presenti. Meno frequenti sono nausea e vomito (5%), naso chiuso (5%) e diarrea (4%). La secrezione nasale non è un sintomo di Covid.
  • Un esame di 44.672 persone infette in Cina ha mostrato un tasso di mortalità del 3,4%. La mortalità è fortemente influenzata dall’età, dalle condizioni preesistenti, dal genere e in particolare dalla risposta del sistema immunitario. Tutte le cifre relative alla mortalità riflettono la situazione in Cina fino al 17 febbraio.
  • Sistema sanitario: il 20% delle persone infette in Cina ha bisogno di cure ospedaliere per settimane. La Cina ha posti letto sufficienti per curare contemporaneamente lo 0,4% della popolazione – altri paesi sviluppati hanno tra lo 0,1% e l’1,3% e la maggior parte di questi letti sono già occupati da persone che hanno altre patologie. La cosa più importante è innanzitutto contenere in modo aggressivo la diffusione del virus al fine di mantenere basso il numero di pazienti Covid gravemente ammalati e in secondo luogo aumentare il numero di letti (incluso materiale e personale) fino a quando ce ne siano abbastanza per i malati gravi. La Cina ha anche testato vari metodi di trattamento per la malattia sconosciuta e quelli di maggior successo sono stati implementati a livello nazionale. Grazie a questa risposta, il tasso di mortalità in Cina è ora inferiore a un mese fa.
  • Condizioni preesistenti: il tasso di mortalità per le persone infette da malattie cardiovascolari preesistenti in Cina era del 13,2%. Era del 9,2% per quelli infetti con alti livelli di zucchero nel sangue (diabete non controllato), 8,4% per ipertensione, 8% per malattie respiratorie croniche e 7,6% per tumore. Le persone infette senza una precedente malattia grave sono morte nell’1,4% dei casi.
    • Età: più sei giovane, meno è probabile che tu sia infetto e meno è probabile che ti ammali gravemente se ti infetti:

  • Età % della popolazione % di infetti Mortalità
    0-9 12,0% 0,9% 0 a partire da ora
    10-19 11,6% 1,2% 0,1%
    20-29 13,5% 8,1% 0,2%
    30-39 15,6% 17,0% 0,2%
    40-49 15,6% 19,2% 0,4%
    50-59 15,0% 22,4% 1,3%
    60-69 10,4% 19,2% 3,6%
    70-79 4,7% 8,8% 8,0%
    80+ 1,8% 3,2% 14,8%

 

  • Genere: le donne si ammalano con la stessa frequenza degli uomini. Ma solo il 2,8% delle donne cinesi che sono state infettate sono morte a causa della malattia, mentre sono morti  il 4,7% degli uomini infettati. La malattia sembra non essere più preoccupante per le donne in gravidanza. In 9 parti esaminati di donne infette, i bambini sono nati con taglio cesareo e non contagiati. Le donne sono state infettate nell’ultimo trimestre di gravidanza. Non è chiaro quale effetto abbia il virus sugli embrioni nel primo o secondo trimestre di gravidanza poiché questi bambini non sono ancora nati
  • Il nuovo virus è uguale geneticamente per il 96% a un coronavirus noto nei pipistrelli e all’86-92%  a un coronavirus che affligge il pangolino. Pertanto, la trasmissione di un virus mutato dagli animali all’uomo è la causa più probabile della comparsa del nuovo virus.
  • Dalla fine di gennaio, il numero di nuove diagnosi di coronavirus in Cina è in costante calo con ora solo 329 nuove diagnosi nell’ultimo giorno – un mese fa era di circa 3.000 al giorno. Il rapporto afferma che “Questo calo dei casi COVID-19 in tutta la Cina è reale”. Gli autori arrivano a questa conclusione sulla base della loro esperienza sul posto, stanno diminuendo le visite ospedaliere nelle regioni colpite, cresce il numero di letti ospedalieri non occupati e gli scienziati cinesi cominciano ad avere problemi nel reclutamento di sufficienti nuovi infettati per le ricerche in corso e i saggi su nuovi medicinali.

 

Infine, alcune citazioni dirette dal rapporto:

“L’approccio coraggioso della Cina per contenere la rapida diffusione di questo nuovo patogeno respiratorio ha cambiato il corso di un’epidemia che poteva essere molto più grave. Di fronte a un virus precedentemente sconosciuto, la Cina ha messo in campo forse lo sforzo più ambizioso, agile e aggressivo di contenimento della malattia nella storia: l’uso rigoroso di misure non farmaceutiche per contenere la trasmissione del virus COVID-19 in molteplici contesti fornisce lezioni vitali per la risposta globale. Questa risposta senza precedenti del sistema sanitario in Cina ha invertito il trend di contagi crescenti nella provincia di Hubei, dove vi è stata una diffusa trasmissione comunitaria, e nelle province con un importante tasso di emigrazione, dove i gruppi familiari sembrano aver guidato lo scoppio dei focolai.”

“Gran parte della comunità globale non è ancora pronta, nella mentalità e materialmente, ad attuare le misure che sono state impiegate per contenere COVID-19 in Cina. Queste sono le uniche misure che attualmente si sono dimostrate efficaci per interrompere o minimizzare le catene di trasmissione negli esseri umani. Fondamentali per queste misure sono: la sorveglianza estremamente proattiva per rilevare immediatamente casi, una diagnosi molto rapida e l’isolamento immediato dei casi, monitoraggio rigoroso e quarantena dei soggetti potenziali contatti stretti degli infettati, nonché un livello eccezionalmente elevato di comprensione della popolazione e accettazione di tali misure.

“COVID-19 si sta diffondendo con sorprendente velocità; gli scoppi di COVID-19 in qualsiasi contesto hanno conseguenze molto gravi; e ora ci sono prove evidenti che gli interventi non farmaceutici possono ridurre e persino interrompere la trasmissione. Ci preoccupa che la pianificazione della preparazione globale e nazionale è spesso ambivalente su tali interventi. Tuttavia, per ridurre la malattia e le perdite da COVID-19, la prontezza della pianificazione a breve termine deve comprendere l’implementazione su larga scala di misure di sanità pubblica non farmaceutiche di alta qualità. Tali misure devono comprendere integralmente la rilevazione e l’isolamento immediato dei casi, tracciamento e monitoraggio / quarantena, rigorosi a stretto contatto e impegno diretto della popolazione / comunità.”

Aggiungiamo a commento di questo report che le condizioni sociali e politiche in Cina hanno certamente favorito questi risultati. C’è da chiedersi qual è il tributo in termini di libertà individuali che i cinesi pagano a questa “efficienza” e se noi occidentali saremmo disposti a tali sacrifici.

Share This