Gli incontri impossibili: Hahnemann e Mr. Hyde

10 Maggio, 2024
Tempo di lettura: 2 minuti

In casa Hahnemann accadde una tragedia. Melanie scambiò la pozione del dottor Jekyll per un ricostituente e la diede da bere al marito che, in pochi minuti, si trasformò in Mr. Hyde. Melanie chiamò d’urgenza Costantine Hering. – Cos’è diventato? – Domandò il medico americano. – Un essere ripugnante e malvagio, un gigante con tratti scimmieschi e forza erculea?-

Melanie, piangendo. – È una creatura irriconoscibile!-

Hering: – Allora si è trasformato in un giovane gobbo, con braccia corte, mani pelose e tozze, un essere che si lascia andare ai propri istinti primordiali?-

Magari!- Si eccitò Melanie. Poi si ricompose e spiegò: – Oltre che fisica la trasformazione è avvenuta a livello mentale. Si veste in un modo strano e dice cose che prima non aveva mai neppure pensato.-

Hering:- Si è trasformato in un individuo sadico, selvaggio e asociale?-

Melanie scosse la testa e aprì la porta dello studio.- Guardate voi stesso e capirete.-

Apparve un uomo anziano dai capelli bianchi, lo stesso colore della maglia a dolcevita che indossava. Disse: – L’Omeopatia è acqua fresca. I medici non dovrebbero prescriverla e i farmacisti non dovrebbero venderla.

– Che cambiamento terribile! – Mormorò l’allibito Hering. 

L’uomo con il maglioncino bianco a dolce vita continuò:- Fino a oggi nessuno studio scientifico serio ha mai dimostrato che l’Omeopatia abbia un qualche effetto sull’organismo. Inoltre la sperimentazione sugli animali è insostituibile e necessaria. La ricerca non può essere fermata. –

Hering:- La pozione del dottor Jekyll ha fatto emergere dal maestro Hahnemann la sua seconda natura, quella delle inclinazioni allopatiche originali; la sua identità personale è mutata in Mr. Hyde, trasformandosi nel più duro e intransigente denigratore dell’omeopatia.-

– Fate qualcosa!- Lo implorò Melanie.

Hering meditò:- Conflitto profondo dove emergono due forze opposte in lotta tra loro; rabbia interiorizzata verso qualsiasi concetto di medicina differente dal proprio; intransigenza esagerata verso colleghi che la pensano diversamente e crudeltà verso gli animali; paura di assistere al fallimento della propria visione di una medicina allopatica assoluta e totalitaria; timore che ci sia qualcuno, magari un omeopata, che gli lavori nello studio vicino. Anacardium orientalis è il rimedio più indicato. – 

Melanie:- Glielo darò immediatamente.- Poi si fermò un attimo, perplessa.- Se non ricordo male, Anacardium orientalis è anche affetto….da ipersessualità. Non si potrebbe aspettare qualche giorno a somministrarglielo? – Abbassò gli occhi e arrossì leggermente.- Avere un marito vecchio comporta anche qualche problema…- Il suo sguardo speranzoso s’infranse in quello severo di Hering, lei obbedì e diede immediatamente il rimedio al marito che, nel giro di pochi istanti, recuperò mente e corpo originali.-

Hering, soddisfatto, indossò il cappotto e fece per uscire da casa Hahnemann, quando Melanie lo rincorse urlando:- Si è trasformato nuovamente.-

– Ancora nell’uomo con il maglione a dolcevita?-

– Peggio, peggio. Adesso si è messo davanti al cannocchiale, scambiandolo per una telecamera, e afferma di essere il superdivulgatore scientifico della televisione.-

Dallo studio arrivò una voce:- Nel corso della puntata scopriremo che su una capocchia di spillo potrebbero starci milioni di batteri …ma l’Omeopatia poggia sul nulla….. che in questa grotta prima di Tiberio viveva l’uomo di Neanderthal….però i farmaci omeopatici non hanno mai dimostrato la loro efficacia…- 

Hering allargò le braccia e rientrò nello studio di Hahnemann. E la lotta perenne contro i Mr. Hyde dell’omeopatia ricominciò.

.

0 commenti

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti.

Share This