Lachesis mutus (Lachesis trigonocephalus)

COLLANA MATERIA MEDICA. Quintessenza del medicamento omeopatico. Dynamis, Virtù e Potere Curativo del rimedio omeopatico Lachesis mutus

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti.

9 Luglio, 2024
Tempo di lettura: 11 minuti

Grande serpente del Brasile. Regna tra l’intero gruppo di serpenti velenosi come Naja tripudians, Vipera e Crotalus horridus ecc.

È stato sperimentato per la prima volta dal dottor Constantine Hering, di Filadelfia.

Agisce in modo potente sul sistema nervoso, con una reazione eccitatoria primaria con manifestazioni simili a convulsioni, e secondariamente come stupefacente, portando alla paralisi.

Azione selettiva sul midollo allungato, con conseguenti problemi in tutto l’organismo:

1.- Al cuore, con una violenta tachicardia che può portare anche alla sincope e alla morte.

2.- Nei centri vaso-motori che causano stasi e congestione emorragica in tutto l’organismo, ed edema, ad esempio nelle meningi, nei polmoni, nel fegato, ecc. con la caratteristica di emorragie che non coagulano.

3.- Nella respirazione che si accelera e diventa irregolare fino a portare a paralisi.

4.- Faringe con spasmi e costrizione fino al soffocamento per paralisi.

5.- Il cervello, che provoca sintomi di glicosuria tossica, con obnubilazione, sconforto, sonnolenza, paralisi generale progressiva e coma.

6.- Il midollo spinale e il sistema simpatico daranno ogni tipo di spasmi dolorosi e lancinanti al minimo tocco, fino all’annullamento totale delle reazioni.

7.- Lesioni molto distruttive, fisiche e mentali. Gonfiore, flaccidità, congestione violacea, linfangite grave fino alla cancrena.

Aggravato dal sonno e al risveglio, in qualsiasi momento. Non sopporta il sole e la primavera. E da tutto ciò che è caldo, vento caldo, bevande calde, ecc.
Quasi tutto è sul lato sinistro.

Migliora in modo caratteristico quando si eliminano le secrezioni.

Quintessenza: bolo isterico. Apnea. Tachicardie e fibrillazioni cardiache. Emorragie che non coagulano. Principio vitale annientato. Totale mancanza di resistenza vitale. Cancrena. Putrefazione. Obnubilazione. Comportamento delirante.

Bolo isterico: è il nome dato alla sensazione di un palloncino che parte dall’area epigastrica e sale fino alla zona del collo. È una manifestazione ansiosa e come tale può comparire in tutti i disturbi dell’ansia, non solo nell’isteria.

Apnea: pausa involontaria e sporadica della respirazione di almeno 10 secondi.

Tachicardia: frequenza cardiaca superiore a 100 battiti al minuto.

Fibrillazione cardiaca: contrazione o fremito incontrollabile delle fibre o fibrille muscolari del cuore.

Emorragie non coagulanti: perdita di sangue che non si arresta a causa di disturbi della coagulazione (emofilia).

Principio vitale annientato: totale incapacità di rispondere del timone delle forze che organizzano tutte le funzioni del corpo e della mente verso il recupero della salute e della vita.

Mancanza totale di resistenza vitale: mancanza delle condizioni minime necessarie per rispondere agli stimoli terapeutici.

Cancrena: tendenza dei tessuti corporei a necrotizzare a causa della mancanza di afflusso di sangue o di una grave infezione.

Putrefazione: processo di distruzione dei tessuti causato dalla fermentazione dei componenti biochimici da parte dei batteri.

Comportamento delirante: comportamento caratterizzato da una grave e improvvisa confusione, incoerenza e mancanza di contatto con la realtà. Può essere dovuto a rapidi cambiamenti nell’attività cerebrale a causa di molte malattie gravi, sia fisiche che mentali.

Caratteristiche predominanti del rimedio omeopatico Lachesis mutus

È più caratteristico delle donne che degli uomini, anche se non esclusivo.
Il comportamento è generalmente molto volgare, collerico e con grande pigrizia perché in realtà è molto esaurito.
L’alternanza di eccitazione e depressione diventa un modo caratteristico di essere e di vivere. Agitato e irrequieto, vaga senza far nulla.
Quando è eccitato è come in estasi, con un’attività mentale estremamente veloce e quasi profetica. Lo è molto di più di notte. Geme continuamente e vuole essere ascoltato e compatito. È un tormento per la famiglia.

Non sopporta nulla che lo tocchi, lo opprima o lo stringa.
Sente battiti e pulsazioni ovunque.
Quando è depressa, è prostrata, con un’anormale ipersensibilità nervosa per cui tutto la stanca, la irrita e la spaventa. Non sopporta il minimo contatto.

È ben consapevole di essere vanitosa, piena di odio, vendetta crudele per l’orgoglio ferito. Egocentrica. Gelosia delirante che la porta a fantasticare storie di tradimento che crede vere e agisce di conseguenza. Fino al punto di uccidere. Estremamente sospettosa, al punto da non voler nemmeno mangiare ciò che le viene dato senza che qualcun altro lo assaggi. Crede di essere circondata da nemici.

Ha allucinazioni uditive, sente voci che la inseguono e crede di essere diretta da forze e poteri misteriosi.
Non ha il senso del tempo reale e si sbaglia sui giorni e sulle ore.
Cambia continuamente i suoi pensieri, la sua attività mentale, i suoi discorsi con una tale incoerenza che sembra che stia dicendo qualcosa, ma in realtà sembra ubriaca. Usa frasi inverosimili che non finisce perché una parola apre la porta a un altro discorso e così via.
Entra in una sorta di follia religiosa in cui si sente colpevole di tutto e grida e parla sempre di andare all’inferno perché sente di avere peccati imperdonabili.

Il suo aspetto è dimesso. Ha la tendenza ad avere piccole vene rossastre. La sua pelle è viola e piuttosto lucida. Naso a lampone se la persona è anziana. Palpebre gonfie e tumefatte, con una sensazione di tensione oculare. Una forma di erisipela del viso.

Caratteristica insonnia prima di mezzanotte, super eccitata e lucida. E poi sonnolenza per tutto il giorno, soprattutto se è malata o dopo aver mangiato.
Mal di testa ogni volta che si scalda o si espone al sole. Diventa pallida mentre il dolore è terribile, come onde che la attraversano da un lato all’altro. Le pulsazioni vanno da sinistra a destra come se scoppiassero o fossero martellate.

Un sintomo singolare è la sensazione di avere un piombo nell’occipite e nel vertice.
Possono verificarsi emorragie retiniche e apoplessia retinica con paralisi dei muscoli oculari. Anche glaucoma.

La mucosa dell’orecchio è così sensibile che, non appena il meato viene toccato leggermente, provoca una violenta tosse riflessa, come se si trattasse di pertosse.

Le gengive sono molli, spugnose, fungine e sanguinano facilmente.
Nelle malattie gravi, acute o croniche, la lingua sporge con grande difficoltà. La lingua è rossa, lucida, secca e screpolata. Trema e si blocca sui denti.
Ulcere e afte in bocca sono una caratteristica importante, con grande bruciore.
La gola è un’area d’azione prioritaria sotto molti aspetti. Provoca infiammazione e gonfiore delle tonsille e della faringe, soprattutto sul lato sinistro, che diventano lividi e violacei, con tendenza alla cancrena.
Il dolore si irradia all’orecchio sul lato destro, tanto che la deglutizione diventa molto difficile e dolorosa. È peggio deglutire liquidi che solidi. E peggio ancora deglutire a vuoto.

C’è una sensazione di corpo estraneo in gola e dolore quando si tossisce con muco.

Alterna bulimia e anoressia.
La sete è inestinguibile e non sopporta le bevande calde.
Dolori corrosivi allo stomaco, crampi che si scatenano al minimo tocco. Ha un ventre duro e gonfio, intollerante al minimo contatto.
Ha emorragie da tutti gli orifizi e naturalmente emorragie intestinali con feci fetide e offensive con tracce di sangue decomposto che assomigliano a “paglia carbonizzata”.

Evacua con grande difficoltà a causa della sensazione di costrizione o pressione dall’alto verso il basso del retto. La sofferenza è tale da impedirgli di evacuare. E tende ad avere emorroidi ingombranti, dure e pulsanti.

Il tratto urinario più caratteristico è la sensazione di una palla che rotola all’interno della vescica.
Tutto l’apparato genitale soffre, soprattutto nelle donne, nell’ovaio sinistro.
L’aspetto più caratteristico è l’immediato e completo miglioramento non appena inizia il flusso mestruale. I disturbi possono andare dalla nevralgia ovarica a tumori, miomi e lesioni di ogni tipo. E come tutto il resto di Lachesis, non tollera il tatto e il peso a causa dell’intensità del dolore che provoca.
Ha la sensazione che l’utero sia sempre aperto. Le mestruazioni tendono a essere scarse e con sangue denso, fetido e nerastro, con dolori ai fianchi che si irradiano alle ovaie.
La leucorrea è verdastra, abbondante, acida, irritante, come sciroppo, come colla o amido.

Sono presenti disturbi cardiaci acuti e cronici: palpitazioni ansiose con senso di costrizione del cuore, sincope e vampate di calore.
Catarro nasale con o senza secrezione, spesso accompagnato da copiose emorragie difficili da coagulare.
Lo spasmo della glottide con il caratteristico “bolo isterico” è un segno predominante. Con la sensazione in gola di “qualcosa che non può essere inghiottito”.
Tutto ciò che è intorno al collo viene strappato e strappato via perché lo soffoca,
Può avere il respiro corto al minimo sforzo. E va in apnea quando si addormenta.
La tosse è secca, rumorosa e si aggrava al minimo tocco. Anche durante il sonno, sebbene non svegli il paziente.

L’estrema debolezza provoca tremori alle gambe e una debolezza che lo prostra. E non migliora con il riposo o dopo il sonno.
Infine, è bene ricordare che gli stati febbrili sono accompagnati da calore secco, sete inestinguibile, agitazione e angoscia. I brividi sono intensi e la schiena è gelida. Anche i piedi sono freddi come il ghiaccio. Il calore si manifesta sotto forma di sudore caldo.

Carmelita e il suo disturbo psichico

Il caso che ricordo di Lachesis, davvero indimenticabile, è la storia di Carmelita. Mi è rimasto impresso perché era la prima volta che vedevo un disturbo paranoide-schizofrenico in azione e anche perché l’ho conosciuta in una casa di cura privata, dove avevo iniziato a lavorare di notte per coprire le mie esigenze mentre terminavo la tesi. Si trattava di un ospedale che accoglieva anche pazienti con problemi psichici non gravi, ma bisognosi di recupero.

Ho potuto quindi contemplare in prima persona non solo la sofferenza schizoide paranoica di Carmelita, ma anche le varie forme di paranoia schizoide che caratterizzavano ogni individualità, verificando in anticipo quella che avrei poi conosciuto come una realtà inviolabile: l’individualità morbosa, uno dei principi fondamentali della dottrina e della terapeutica omeopatica: Ogni individuo soffre secondo la sua specie e, all’interno della sua specie, secondo la propria natura”.

La famiglia della paziente (e posso chiamarla così per la complicità che si instaurava tra loro) era composta da dieci persone, oltre a me e all’infermiere che mi accompagnava la notte. Così, accanto alla nostra star, Carmelita, una giovane donna di 18 anni che, come caratteristica, era loquace e delirante all’infinito, avevamo Juana, un’altra giovane donna di 20 anni con un’altra paranoia schizoide, ma totalmente muta, che comunicava solo facendo rumori, come gli animali; Fernando, un giovane di circa 26 anni, robusto, grosso e con una paranoia schizoide che scoppiava cantando l’opera a squarciagola; Mari Paz, una donna di 30 anni, anch’essa schizofrenica e delirante, che si sentiva una “star del cabaret” e si cambiava il vestito ogni due o tre ore; Liliana, che soffriva di paranoia schizoide esibizionista infantile e giocava a mostrare le sue parti in modo innocente. Andrés, che soffriva di una grave paranoia filosofica e si presentava sempre come un mendicante, alternando i suoi lunghi momenti di astrazione e mutismo a interminabili sermoni sull’insensatezza della vita, e che suonava anche la chitarra.

C’erano anche altri due in via di guarigione, Antonio, un andaluso di 50 anni, e Stephen, un inglese di 55, con tutte le caratteristiche di un gentiluomo, tanto che scendeva persino a colazione con il cappello. Entrambi alcolisti che, senza parlare la stessa lingua, si capivano perfettamente, si raccontavano barzellette e ridevano sempre. C’era anche il mio infermiere, un uomo sui 30 anni, brasiliano, che si trovava in Spagna per la sua specializzazione e che aveva un’idea più elastica di come relazionarsi con i pazienti con sofferenza psichica. Questo mi ha aiutato molto nei molti momenti di difficoltà.

La prima sera che arrivai al lavoro, Juana, la giovane donna muta, fu ricoverata al pronto soccorso. Aveva perso la testa dopo l’eccessiva pressione a cui era stata sottoposta durante la preparazione degli esami accademici. Assumeva anfetamine, Coca-Cola, caffè… Studiava con una tale angoscia che iniziò a non dormire più, a dire cose strane, a vedere persone che la rimproveravano, ad avere allucinazioni e a delirare. Ecco come si dichiarò rapidamente il suo grave stato di paranoia schizoide, nel giro di pochi giorni.

Due giorni dopo il mio arrivo, fu ricoverata Carmelita, il nostro personaggio caratteristico. Carmelita continuava a parlare e a muoversi, raccontando storie incoerenti, inventando intrighi e invidie. Pensava sempre a qualche cattiveria che voleva far fare a Juana, perché aveva subito trasformato Juana nel suo alter ego e la trascinava in giro tutto il giorno e parte della notte. Tenendola per mano, salivano e scendevano le scale dell’edificio a tre piani senza sosta e senza fermarsi.

In breve, le due schizoidi paranoiche, una muta e una parlante, erano diventate una sola persona. la chiacchierona aveva esaurito la muta. E quella muta, che non poteva protestare, si limitava a sbuffare e sbuffare, mostrando il suo disappunto e la sua ostilità nascosta, in parte a causa degli psicofarmaci, in parte a causa del suo stesso carattere.

Secondo la madre di Carmelita e uno zio che l’accompagnava, tutta questa situazione, pur essendosi scatenata rapidamente, covava da tempo, dalla morte della nonna materna, che era stata la grande protettrice della bambina fin dalla sua nascita.

Con grande dolore, la madre aveva confessato che quando era rimasta incinta, il padre, che di professione faceva il camionista, molto maleducato, e che col tempo era diventato brutale, non voleva averla fin dall’inizio e questo si era manifestato per tutta la vita della bambina. Non le diede mai attenzione, né quando era neonata né durante l’infanzia: la maltrattava alla minima marachella, la disprezzava, la ridicolizzava e parlava sempre male di lei con gli altri.

Quando tre anni dopo arrivò il fratellino, tutto peggiorò. Il padre aveva una predilezione assoluta per il ragazzo e Carmelita divenne la Cenerentola della casa. La picchiava persino. Anche la madre ci confessò, con molta vergogna, che lui la picchiava. L’unica a porre un limite era la nonna materna, la madre della madre, che, pur piangendo e soffrendo, riusciva a confortare e proteggere tutti.

La situazione si complicò ulteriormente quando Carmelita aveva 17 anni, anche se la vita era stata un vero tormento negli anni precedenti. Anche il fratello, imitando il padre, era un maltrattatore. Carmelita era affettuosa e voleva sempre giocare con il fratellino, ma questo non durò a lungo, perché appena il bambino crebbe, il padre se ne impossessò come se fosse un suo trofeo e raddoppiò, attraverso di lui, in modi diversi, gli abusi e le violenze in casa.

Tutto questo fece sì che Carmelita provasse un odio sempre più feroce. Il suo carattere cambiò, divenne una spia, intrigante, gelosa fino al delirio, sospettosa di tutto e di tutti e si aspettava sempre una pugnalata alle spalle, un tradimento. Aveva persino fantasie di essere inseguita o picchiata e aggredita, così vivide che per lei erano realtà, ed era difficile farle capire che si era trattato di un’immaginazione.

Per molto tempo, si trattò di situazioni momentanee, ma molto allarmanti, che riuscivano a spiazzare tutti, e naturalmente anche Carmelita.
Spesso aveva mal di testa, fin dal risveglio, come un’esplosione, come onde che la paralizzavano, come se avesse del piombo sulla nuca o sulla fronte.
Il risveglio era il suo incubo e anche il momento del sonno, perché era sempre sovraeccitata e aveva paura di addormentarsi per paura di svegliarsi.

Spesso aveva un’angina orribile e violacea, soprattutto sul lato sinistro, al punto da essere quasi incancrenita, a causa di tutte le cose che doveva dire e non poteva. Il dolore era molto intenso e si irradiava fino alle orecchie. Non riusciva a deglutire e aveva un accumulo di muco che la soffocava.

Iniziò a soffrire di crisi bulimiche, alternate ad anoressia.
Tutti questi disturbi aggravarono la situazione con il padre, che li considerava sciocchezze e infantilismi. Lo infastidivano e di conseguenza la trattava ancora peggio.
Ben presto le mestruazioni cominciarono a denunciare la sua sofferenza: emorragie persistenti che la facevano svenire.

Quando la nonna si ammalò di cuore, le preoccupazioni di Carmelita aumentarono parossisticamente, così come i timori di perdita, di abbandono e, soprattutto, l’orrore verso il padre e il fratello.

L’episodio che fece precipitare tutto fu che il padre, per non spendere soldi e per terminare al più presto il rito funebre, e nonostante la nonna avesse espresso di non voler essere cremata, si impose, per risparmiare, e tradì la volontà della nonna e di tutta la famiglia.

Da quel momento in poi, tutto precipitò con grande velocità. Carmelita non riuscì a resistere alla realtà e cominciò a delirare, parlando senza limiti. Nel suo delirio diceva sempre cose incoerenti, parlando sempre di morte, aggressioni, minacce, paura di essere picchiata, violentata, ferita…

E così, in queste condizioni, entrò nella Casa di Cura in una fredda notte d’inverno.

Per alcuni mesi, in questo stato, ma sedata, continuò a fare le stesse cose. Considerava Juana come una sorella e come una bambola, la trascinava per accompagnarla ovunque, mentre Carmelita dava ordini incoerenti qua e là.
Con questa complicità tra tutti i malati della Casa de Cura, che simpatizzavano con i suoi deliri e si entusiasmavano l’uno per l’altro, una notte mi svegliai all’improvviso, perché tutti erano entrati nel delirio di Carmelita, che guidava l’organizzazione delle barricate, fatte con tutti i cuscini, i materassi e le sedie che ognuno aveva trovato, per difendersi da un esercito assassino che, secondo lei prima e tutti gli altri dopo, aveva circondato la Casa de Cura, per ucciderli. Meglio dare fuoco alla casa che questo! E Carmelita gridò a squarciagola: Fuoco, fuoco! con un fiammifero in mano, che non ho mai saputo da dove avesse preso.

Immediatamente, per imporre la nostra autorità, io e l’infermiere brasiliano cominciammo a fare rumore con le sedie e a sbattere sui tavoli, dicendo BASTA! BASTA! e per miracolo, in un attimo, il delirio cessò.

All’epoca sapevo poco di Omeopatia, ma il ricordo intenso di ciò che avevo vissuto mi fece capire che Lachesis era il Simillimum di Carmelita, in tutto e per tutto. E se avesse avuto la fortuna di riceverlo, anche se non fosse riuscita a cambiare padre o fratello, si sarebbe liberata, dentro di sé, dalla lunga catena di orrore durata 18 anni.

Intuii allora quello che ho capito molti anni dopo: il delirio di Carmelita era la sua salvezza. La sua stessa follia era la sua salvezza; era l’unico modo veritiero di esprimere che non voleva stare al mondo. Il modo in cui mostrò al mondo e a se stessa tutto il terrore che aveva sofferto fu quello di sentirsi minacciata, né più né meno, che da un “esercito”, una macchina da guerra, contro di lei e contro tutto il gruppo, che era al di sopra delle sue forze. Trovò i suoi alleati in quella piccola Casa de Cura e li chiamò a raccolta per difendersi insieme perché “erano circondati”. Aveva in mano un fiammifero acceso con cui voleva appiccare il fuoco, o si trattava semplicemente di “illuminare”, di dare luce a una realtà di cui tutti erano all’oscuro?

Capii quanto fosse grave sopprimere “ancora una volta” una manifestazione della sua malattia, del suo dialogo con la vita, così genuino e originale.
Ho capito perché, quando si fa una cosa del genere, si entra in un circolo vizioso che peggiora sempre più “in crescendo”, perché, finché la malattia non ucciderà il malato, la sua Forza Vitale griderà il diritto alla Libertà, al Bene, alla Gioia e alla realizzazione che gli sarebbe dovuta appartenere, fino alla morte, e che, in mille modi diversi, cercherà sempre. È un precetto divino, iscritto nella parte più intima del nostro essere e della nostra storia ancor prima che questa inizi. È la guida più centrale della nostra realtà.

Non possiamo dimenticare che la malattia è una manifestazione del dialogo del malato con la propria vita e che l’uomo, in ultima analisi, è essenzialmente una “espressione”.

Lachesis trigonocephalus, un veleno di serpente mortale come la sofferenza di Carmelita, opportunamente prescritto, avrebbe dato inizio alla sua liberazione, senza la necessità di questa tragica catarsi, così profondamente drammatica e insopportabile per qualsiasi spettatore che, come al solito, giustifica la sua deiezione e persino la sua estinzione. E di conseguenza la sua impossibilità di guarire.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Share This