Lucille

Primo soccorso omeopatico

Tempo di lettura: 8 minuti

Logicamente, la prima cosa da fare immediatamente è chiedere aiuto all’autorità competente. In secondo luogo, “immediatamente”: se la persona ferita  un paziente omeopatico …. Chiamare il suo medico omeopata!

A livello personale, questa è davvero la domanda che tutti ci poniamo in un momento di pericolo: cosa dobbiamo e possiamo fare? I proverbi spagnoli sono a volte un po’ rozzi ma molto saggi e veri. Ce n’è uno che dice: “chi non si mette in mezzo aiuta molto” e, in questi casi, non sarebbe male tenerlo a mente perché è importante e a volte fondamentale. Tuttavia, c’è qualcos’altro in un momento di urgenza, che non è generalmente considerato come fondamentale e che probabilmente è più difficile di quanto sembri: confortare la persona che soffre. Saper accompagnare in silenzio, “con tutta la volontà e l’amore rivolti alla vita della persona o delle persone sofferenti è, per così dire, una forma di “dono”, una forma di preghiera viva, naturale.   

L’organismo ne ha bisogno lo “sente assolutamente” fisicamente, mentalmente, psichicamente e spiritualmente e, anzi, se ne nutre. 

Così come è facile per noi capire e siamo pronti a donare il sangue… o a donare un organo… non dobbiamo dimenticare che l’energia vitale si trasmette “inevitabilmente e senza dubbio”, attraverso l’unione e la volontà d’amore. Si trasmette da vicino e da lontano ed è terapeutico e vivificante, aprendo “vie” di comunicazione “non visibili”, generalmente “disattese” dalla cultura medica materialista degli ultimi secoli. Tuttavia, a volte sono il mezzo. A volte sono il rimedio e il veicolo per ottenere la migliore, fondamentale e utile risposta alla decisione di vivere che una vittima di incidente può avere dentro di sé, anche se è incosciente o in coma.

Cosa può fare un parente in caso di incidente?

Se il paziente è sotto trattamento omeopatico… si dovrebbe chiamare il medico omeopata il più presto possibile.Solo se è indispensabile sarà ricoverato in ospedale a causa della necessità imperativa di un intervento meccanico specifico, chirurgico o di immediata necessità igienica e compensativa, come sieri, trasfusioni o simili. Nel caso di incidenti, c’è un intervento meccanico solo se la situazione ha causato rotture o soluzioni di continuità nella corporeità.  E c’è, soprattutto, un compito fondamentalmente dinamico, che consisterà nel ristabilire il disordine nel momento di una grave crisi fisica e morale. Un medico omeopata non dimenticherà mai la valutazione dello sfondo, che è fondamentale e determinante per la risposta di questo organismo. La risposta in questo stadio primordiale sarà anche fondamentalmente responsabile del rimedio adeguato alla complessa situazione di tutta la persona in quel momento critico.

Rimedi omeopatici in caso di emergenza

Ciò che nella medicina convenzionale è impropriamente inteso come rimedio in un caso di emergenza è soprattutto un farmaco, spesso di tipo “eroico”. Vale a dire, una sostanza stupefacente, i cui effetti sono noti per essere comuni e specifici al danno fisico, ma non specifici alla totalità della sofferenza dell’individuo e alla sua capacità di risposta personale.

Teoricamente, l’effetto di questi farmaci, somministrati in quantità più o meno massicce, è talvolta in grado di “contenere” nel primo momento, per quanto fisiopatologicamente possibile, il processo fatale che si è innescato. Ma non è in grado di “correggere” la lesione – né acuta né cronica nel senso del suo completo ripristino.

Allo stesso tempo, si utilizzano nella misura necessaria mezzi adiuvanti che servono a dare all’individuo ciò che ha perso, per esempio sangue, plasma, elettroliti… ecc. Questi mezzi sono compensativi, ma non curativi, anche se necessari.

Quando i coadiuvanti sono veramente necessari, sono utilizzati nel trattamento allopatico (medicina convenzionale) così come nel trattamento omeopatico.

È risaputo che a volte la terapia stabilizzante, più o meno standard, diventa un ulteriore grande problema, semplicemente perché il paziente non risponde positivamente a queste sostanze “eroiche” somministrate in modo persistente a lungo termine. È anche noto che la maggior parte dei farmaci utilizzati sono spesso somministrati, più che per il loro effetto curativo, “specifico” per la condizione immediata del paziente, per “l’idea di prevenzione”, cioè con l'”idea” di evitare (?) ciò che non si sa affatto se accadrà, data la natura individuale di ogni paziente. 

Questo apporto farmacologico costituisce spesso, o per effetto cumulativo, o a causa dell’ipersensibilità del paziente dovuta alla sua idiosincrasia, la condizione nota come iatrogenesi o malattia secondaria dovuta agli effetti collaterali dei farmaci somministrati in quantità massicce. Altre volte, come tutti sappiamo, si stabilisce per l’individuo una dipendenza fatale dalla droga che durerà per il resto della sua vita.

Tutte queste conseguenze indesiderate saranno completamente evitate con il trattamento omeopatico.

Guardare alle condizioni con criteri omeopatici

Prima di tutto, vale la pena ricordare che l’omeopatia si occupa di tutte le alterazioni fondamentalmente dinamiche, cioè tutte le alterazioni causate da un malfunzionamento dell’organismo e che quindi saranno alterazioni in cui ciò che deve essere modificato è “un certo modo” di funzionare, sentire, pensare, fare e rispondere di “quell’organismo” vivente.

È anche opportuno ricordare che dove c’è un organo che funziona male, più o meno ferito, o un organo il cui ripristino dipende dal “modo in cui quella particolare persona risponde”, è lì, in queste condizioni che abbiamo il momento migliore per applicare il trattamento omeopatico.  Non importa quanto sia grave, acuta o cronica la sofferenza.

Il ripristino di qualsiasi problema meccanico che un organismo vivente può presentare a seguito di un incidente dipenderà fondamentalmente da ciò che l’organismo è in grado di fare nel senso di riordinare se stesso. 

In questo senso, l’intervento chirurgico (meccanico), quando necessario, sarà fondamentale, anzi, assolutamente vitale, senza il quale è spesso impossibile ripristinare l’ordine della persona. Allo stesso tempo, ogni chirurgo sa che non è sufficiente da solo. È necessario avere una buona risposta dell’organismo all’atto chirurgico, per cui molte volte, purtroppo, il classico detto popolare “l’operazione è stata un successo ma il paziente è morto!”  

Tutti possiamo chiederci perché questo può accadere. In realtà la risposta è ovvia: perché manca la giusta risposta dinamica dell’organismo. Riordinare e abilitare l’organismo a questa risposta dinamica è la funzione e il potere del rimedio omeopatico.  Una domanda che tutti si pongono è: Esistono rimedi omeopatici efficaci e veloci per un caso di vera urgenza? Io rispondo SÌ!

Il rimedio omeopatico è specifico e immediato nella sua azione se il paziente ha sufficiente energia vitale. Più un caso è urgente, più velocemente il rimedio è efficace perché l’organismo è in una condizione di straordinaria e intensa recettività e necessità di risolvere il danno. Per quanto riguarda le possibilità terapeutiche dell’omeopatia, vale la pena sapere o ricordare che per ogni forma di sofferenza o malattia ci sono decine di farmaci omeopatici che possono essere adatti, anche più simili, al quadro comune! Quando si dà il Similimum, cioè il più simile a ciò di cui l’organismo ha bisogno in quel particolare momento e il più specifico al tipo di lesione e mortificazione che si manifesta, il rimedio si rivela sorprendentemente efficace!

Possiamo fare alcuni esempi

INFARTO: Mentre nella medicina convenzionale si usano 4 o 5 sostanze di base a seconda dei casi (lidocaina, atropina, anticoagulanti, nitrati e β bloccanti) semplicemente per cercare di contenere il processo fisiopatologico. Nella farmacologia omeopatica, nata dalla pura sperimentazione sull’uomo sano, esistono decine di rimedi, ognuno con molteplici possibilità d’azione, capaci di adattarsi alle necessità specifiche e individuali di ogni particolare paziente. 

Per fare un esempio, ne citiamo alcuni: AconitumActea RacemosaAmmonium CarbonicumAmylenum NitrosumAnacardium OrientalisArgentum MetallicumArnica MontanaArsenicum AlbumAurum MetallicumBaryta CarbonicaBenzoicum AcidumBovistaBromiumCactus GrandiflorusCarbo VegetabilisCrataegusGelsemiumGlonoinumKali BichromicumLachesis TrigonocephalusNatrum MuriaticumPhosphorusSpigeliaSulphur…. e decine di altri!

Paziente di 74 anni che è stato trattato con l’omeopatia per 2 anni a causa delle conseguenze di un lieve ictus. Fuma e beve ed è un consumatore regolare di caffè. È stato ricoverato con estrema urgenza per un precedente infarto cardiaco massiccio. Una parte della famiglia è stata curata per anni con l’omeopatia e un’altra parte della famiglia no. Quando l’immagine si scatena violentemente, viene portato al pronto soccorso con una prognosi quasi fatale o molto “guardinga”.

Due membri della famiglia che si curano con l’omeopatia chiamano urgentemente il loro medico omeopata. Fortunatamente lo trovano e lui chiede loro quali sono i sintomi più notevoli del paziente e loro dicono che sente “un terribile artiglio che gli stringe il cuore” con grande “angoscia”.

Con solo questi due sintomi predominanti, straordinari, particolari e davvero singolari, il medico dice loro di prendere rapidamente CACTUS GRANDIFLORUS 6 ch. Fortunatamente e miracolosamente lo avevano nella loro farmacia. Quando la nipote arrivò e le mise in bocca due granuli del rimedio – cosa possibile perché nell’ospedale del villaggio il medico era un amico di famiglia e gli era permesso di stare vicino al paziente – in meno di 20 secondi il dolore e l’angoscia scomparvero. 

Ha continuato il trattamento con ARNICA 30 ch perché aveva forti dolori nella zona cardiaca e in tutto il corpo. Due ore dopo il vecchio cominciò a dire che stava già bene e che voleva tornare a casa con grande sorpresa e sconcerto dei medici del Servizio che non potevano crederci. Questo è successo a Barletta Italia il 12-13 febbraio 1998.

COLERA: Mentre nella medicina convenzionale il trattamento si basa esclusivamente sulla restituzione di liquidi ed elettroliti per “compensare l’idratazione” secondaria alla violenta e continua diarrea e vomito dello stato coleriforme e come terapia efficace non si può dare altro che una “serie” di antibiotici a base di tetraciclina e co-trimoxazolo con l’intenzione di “contenere l’infezione”,  Nella farmacologia omeopatica esistono decine di rimedi testati sull’uomo sano, capaci di ristabilire rapidamente l’ordine totale dell’individuo, come è stato dimostrato molte volte nelle grandi epidemie della storia. Tra i rimedi più caratteristici abbiamo: Argentum NitricumArsenicum AlbumCamphoraEuphorbia CorollataIris Versicolor- PodophyllumSecale CornutumVeratrum Album, ecc. da selezionare come “similimum” secondo il caso specifico di ogni paziente.

MENINGITE: Mentre nella medicina convenzionale il trattamento si basa esclusivamente sui soliti antibiotici “più o meno specifici grosso modo”, e una necessaria “reidratazione” o “prevenzione” con una serie di “additivi”, a seconda della gravità del caso, che vanno dagli antifungini ai corticoidi, passando per gli anticonvulsivanti e altri. … nella farmacologia omeopatica, troviamo ancora decine di farmaci che sono stati provati e testati su persone sane e che possono essere selezionati come “simillimum” secondo il caso individuale. 

Per esempio: AconitumApis Mellifica- Arsenicum AlbumArum TriphyllumBelladonnaBryonia AlbaCalcarea CarbonicaCuprum MetallicumDigitalisGlonoinumHelleborusHyosciamus NigerLachesis TrigonocephalusMercurius SolubilisPicricum AcidumRhus ToxicodendronSulphurZincum Metallicum – etc…

SETTICEMIA: Mentre la medicina convenzionale si limita alla somministrazione “massiccia” di antibiotici e alla concomitante “reidratazione”, la farmacologia omeopatica potrebbe avere almeno venti rimedi di azione immediata, come per esempio: Ammonium CarbonicumAmmonium CausticumKali MuriaticumNitricum AcidumArum TrIphyllumAilanthusCarbo VegetabilisArnica MontanaArsenicum AlbumBaptisia TinctoriaEchinacea AngustifoliaKreosotumLachesis TrigonocephalusNaja TripudiansAnthracinumKali PermanganatumPyrogeniumSilicea – ecc. ..

—- e così potremmo continuare a dire per tutte le altre emergenze come Angina Pectoris…Emorragie massive…Ictus…Edema polmonare…Embolie…etc, etc, etc, etc.

 PANCREATITE ACUTA SECONDARIA ALL’OSTRUZIONE VIOLENTA DEL COLEDOCO.

Una donna di 40 anni, paziente omeopatica da 15. Dopo aver ricevuto una telefonata che le ha provocato un turbamento molto grave, la cui componente principale era la rabbia, quella stessa notte ha avuto una violenta colica epatica, con un tale disturbo che è andata improvvisamente in Carbo Vegetabilis, con un dolore soffocante all’ipocondrio sinistro e dolore alla cistifellea. e dolore alla cistifellea che si irradia in tutto l’addome… con violenti svenimenti, sudore freddo, quasi perdita di coscienza e il bisogno di essere ventilato. Prende Carbo-veg. 6 CH – una dose – e esce dalla condizione fatale. Il dolore persiste violentemente e entra in un quadro di Arsenicum Album con grande disperazione, esaurimento e irrequietezza incontrollabile. Si lamenta in continuazione. Non vuole essere toccata o consolata. Desiderio di uccidere.

Il dolore persiste per un paio d’ore, il che non è tipico di una condizione strettamente funzionale, quindi si capisce che probabilmente dovrebbe essere operata. Viene portata d’urgenza all’ospedale.  Il colore della pelle è giallo-verde. Il primo test dell’amilasi era di 9000 unità (quando la cifra standard è di 400 unità). 

Dopo qualche ora la paziente è intensamente itterica ma con un carattere tranquillo. L’operazione non può essere eseguita in quel momento perché non c’è una sala operatoria. Deve aspettare fino al giorno successivo.  Nel frattempo, inizia a prendere Lycopodium 6CH ogni 15 minuti… e la paziente entra in un sonno profondo e ristoratore. Quando si sveglia continua a prendere il Lycopodium 6CH ogni 15 minuti. 

Il giorno dopo l’amilasi è scesa a 600 U. Il paziente si sente bene ed è meno giallo. Lei stessa dice che improvvisamente “sentiva che qualcosa si era sbloccato…” fisicamente e che si era instaurata una chiara sensazione di guarigione. Su consiglio del suo medico omeopata, ha deciso di non sottoporsi a nessun altro trattamento e si è dimessa volontariamente dall’ospedale. Con il naturale disaccordo dei medici del dipartimento e la naturale opposizione del professore. 

Ad oggi, non ha avuto altri problemi concomitanti.

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti.

Share This